Vassilis Vassilikos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vassilis Vassilikos (Thassos, 18 novembre 1934) è uno scrittore greco.

Cresciuto a Salonicco, iniziò come giornalista ad Atene. All'instaurazione del regime militare, venne esiliato per via della sua attività politica. Trascorse un certo periodo in Italia. Tra il 1981 e il 1984 ricoprì la carica di direttore generale dell'emittente televisiva greca ERT-1. Dal 1996 è stato ambasciatore greco per l'UNESCO.

La vasta opera di Vassilikos è stata tradotta in diverse lingue. La sua produzione spazia dalla drammaturgia, alla poesia, alla narrativa breve e al romanzo.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Tra le opere più famose di Vassilikos vi è il romanzo Z (1967), che ha avuto in seguito anche una trasposizione cinematografica (Z - L'orgia del potere, 1969). Il romanzo venne tradotto in 32 lingue.

Fra le altre sue produzioni, "Il racconto di Giasone" (1953, romanzo d'esordio), "Vittime della pace" (1956), "Mitologia dell'America" (1964), "Fuori dalle mura" (1966), "Trilogia" (1968), "Fotografia" (1969), "Cronaca di Z" (1971), "Il fucile ad arpione" (1973) e "Una storia d'amore". In Italia, nel 2003 è apparsa una raccolta di poesie, Poesie dall'esilio, con testo greco a fronte.

Controllo di autorità VIAF: 84487965 LCCN: n82019554