Ugo Parodi di Belsito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ugo Parodi di Belsito

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXVIII, XXIX, XXX

Dati generali
Partito politico PNF
Titolo di studio Laurea
Professione militare

Ugo Giustino Parodi di Belsito (La Spezia, 27 maggio 1878Palermo, 11 dicembre 1942) è stato un militare e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Fortunato Parodi, duca di Belsito, ingegnere e tenente generale a riposo. Ufficiale di carriera, fu tenente colonnello d'artiglieria nella prima guerra mondiale, e fu decorato di due medaglie d'argento al valor militare e di due croci di guerra. Sposò nel 1903 la principessa Elisabetta Valguarnera e Favara dei Principi di Niscemi, da cui ebbe due figli: Fortunio (il cui figlio Bent Parodi è stato noto studioso di esoterismo e storia delle religioni) e Corrado.

Cavaliere della Corona d'Italia[1], fu segretario federale del Partito Nazionale Fascista di Palermo dal 1927 al 1929 e vice podestà di Palermo nello stesso periodo, dopo la crisi del partito locale dovuta all'opera del prefetto Cesare Mori. Fu anche presidente del consorzio di bonifica dell'Alto e medio Belice[2]

Arrivò al grado di generale di divisione. Nel 1929 fu eletto deputato alla Camera nel listone Fascista e riconfermato nel 1934. Nel 1939 fu consigliere nazionale della Camera dei Fasci e delle Corporazioni fino alla morte per polmonite nel 1942.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]