Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ufficiali Liberi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Da sinistra: ʿAbd al-Laṭīf Baghdādī, Gamāl ʿAbd al-Nasser, Ṣalāḥ Sālem, ʿAbd al-Ḥakīm ʿĀmer

La prima organizzazione militare clandestina ad autodefinirsi di Liberi ufficiali (in arabo: الضباط الأحرار‎, al-Ḍubbāt al-Aḥrār),[1] fu quella che in Egitto[2] nel 1952 portò un gruppo di ufficiali delle forze armate, di sentimenti repubblicani e panarabi, a disfarsi della monarchia di re Fārūq, ultimo discendente di Mehmet Ali (Muhammad Ali), da essi ritenuto corrotto e prono ai voleri del Regno Unito che aveva occupato il paese fin dal 1882.

I principali esponenti dell'organizzazione furono il generale Muhammad Neghib, di origine nubiana, e il colonnello Gamāl ʿAbd al-Nāser che riuscirono a portare a compimento il putsch prendendo il potere.

Dopo di allora quasi tutti gli ufficiali delle forze armate dei vari paesi arabi (che possedevano le competenze tecnologiche, ideologiche e culturali per imprimere un profondo cambiamento alle forme di governo fino ad allora espresse, sostanzialmente condizionate dalla politica voluta dalle potenze, coloniali prima e mandatarie poi, dell'Europa) imitarono quanto avvenuto in Egitto affascinati dal profondo mutamento istituzionale ottenuto senza comportare alcuno spargimento di sangue. Così successe nel 1969 in Libia con Mu'ammar Gheddafi e in Sudan con Ja'far al-Nimeyri.

Non sempre peraltro questo avvenne in modo incruento, come fu il caso dell'Iraq in cui, il 14 luglio 1958, il generale ʿAbd al-Karīm Qāsim con altri militari appartenenti all'Organizzazione degli ufficiali patriottici rovesciò nel sangue la monarchia hascemita di Faysal II (ancora sotto la reggenza di ʿAbd al-Ilāh), con l'uccisione del giovane sovrano e del suo primo ministro, il filo-britannico Nūrī al-Saʿīd.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In esteso in in arabo: حركة الضباط الأحرار المصريين‎, Ḥarakat al-Ḍubbāt al-Aḥrār al-Miṣriyyīn}, ossia "Movimento degli ufficiali liberi egiziani".
  2. ^ Attingendo alla prima rete antibritannica «coperta» a favore dell’Asse, e in particolare del sistema libico governato da Italo Balbo: P. J. VATIKIOTIS, Nasser and Its Generation, Croom Helm, London, 1978.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Minganti, L'Egitto moderno, Milano, Sansoni, 1959
  • Massimo Campanini, Storia dell'Egitto contemporaneo. Dalla rinascita ottocentesca a Mubarak, Roma, Ed. lavoro, 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4421289-6