Trishula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shiva con in mano il trishula, a Sanga in Nepal, detta statua Kailashnath Mahadev.

Il trishula è un tipo di tridente originario dell'India meridionale, ma lo si più ritrovare anche nel Sudest asiatico. È comunemente usato come un simbolo religioso induista-buddista. La parola significa "tre lance" in lingua sanscrita e lingua Pali.

In India e in Thailandia, il termine si riferisce spesso ad un'arma a manico corto che può essere montato su un danda o "bastone da passeggio" personale. Ma a differenza del Sai (arma), il Trishula è spesso dotato di lame. In malese, "trisula" di solito si riferisce specificamente ad un tridente dal manico lungo, mentre una delle sue versioni minoritarie è conosciuta come tekpi.

Simbologia[modifica | modifica wikitesto]

Trisula in dettaglio.

Il simbolismo del Trishula è polivalente e ricco. Il Trishula è abitualmente utilizzato dal dio indù Shiva e si dice che sia stato adoperato per tagliare la testa originale di Ganesha. Anche la sua sposa terrificaDurga detiene un Trishula, come una delle sue molte armi. Ci sono inoltre vari altri dei e divinità, che detengono la stessa arma.

Le tre punte hanno vari significati ed importanza, e, comuni a religione indù, hanno molte storie alle spalle riguardanti la loro origine. Esse sono comunemente identificate come una rappresentare della divinità della creazione, della conservazione e della distruzione, (rispettivamente il passato, presente e futuro, i tre Guṇa-attributi raffigurati dalla Trimurti costituita da Brahma-Vishnu e Shiva).

Quando viene considerato come arma di Shiva, il Trishula è detto che possa giungere a distruggere i tre mondi: il mondo fisico, il mondo degli antenati (che rappresentano la cultura tratta dal passato) e il mondo della mente (che rappresentano i processi di percezione e di azione). I tre mondi dovrebbero essere distrutti da Shiva per arrivare ad un unico piano di esistenza non-duale, cioè fatto di sola beatitudine.

Nel corpo umano, il Trishula rappresenta anche il luogo dove le tre nadi (yoga) principali, o canali energetici (Ida, Pingala e shushmana) si incontrano frontalmente. Shushmana, il canale o nodo centrale, continua verso l'alto fino al 7º chakra, o centro di energia (il sahasrāracakra posto alla sommità del capo), mentre le altre due estremità volgono in direzione della fronte, ove si trova posizionato il 6º chakra (ājñācakra, il plesso cavernoso fra le due sopracciglia). Il Punto centrale del trisula rappresenta Shushmana, ed è per questo che è più lungo rispetto agli altri due, che rappresenta invece ida e pingala.

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo