Travis (scimpanzé)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Travis (21 ottobre 1995 - 16 febbraio 2009) è stato uno scimpanzé comune (Pan troglodytes) che, nel febbraio 2009, aggredì un'amica della sua proprietaria[1], causandole gravissime menomazioni e sfigurandola a vita, finendo poi ucciso dalla polizia chiamata per fermarlo[2]. Tale avvenimento ha avuto pesanti conseguenze in ambito legislativo atte ad impedire che qualcosa di analogo potesse accadere in futuro.

Prima del fatto di cronaca, l'animale è apparso in diversi programmi televisivi e spot pubblicitari, inclusi per la Pepsi e Old Navy[3]; è anche apparso in The Maury Povich Show, The Man Show e in un pilota televisivo con Sheryl Crow e Michael Moore[4][5].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Travis nacque vicino a Festus, nel Missouri, il 21 ottobre 1995, nel complesso di Mike e Connie Braun Casey attualmente chiamato Missouri Chimpanzee Sanctuary (Santuario di scimpanzé del Missouri). La madre dell'animale, Suzy, venne uccisa a colpi di un'arma da fuoco dopo una fuga nel 2001[2]. Sandra e Jerome Herold adottarono Travis quando aveva solo tre giorni[6], chiamandolo in onore del cantante preferito di Sandra, Travis Tritt[7]. I coniugi allevarono lo scimpanzé nella loro casa a Rock Rimmon Road a Stamford, Connecticut[8]. Travis accompagnava continuamente i suoi proprietari, anche al lavoro e nelle compere in città[8]. Gli Herold possedevano una società di rimorchi e Travis posava nelle foto pubblicitarie dell'organizzazione e viaggiava con il carro attrezzi, la cintura di sicurezza allacciata e indossante una maglietta da baseball. Travis divenne famoso in città, arrivando a scambiare il saluto con gli agenti di polizia che incrociava durante il traino delle auto[8].

Essendo cresciuto in mezzo ad esseri umani, Travis fu abituato a socializzare con loro fin dalla nascita. Un vicino degli Herold ha affermato che era solito giocare anche fisicamente con Travis, aggiungendo che l'animale sapeva sempre quando fermarsi e prestava molta attenzione al suo proprietario. Il vicino ha raccontato che "ascoltava meglio dei suoi nipoti"[9].

Travis poteva aprire le porte usando le chiavi, vestirsi, annaffiare le piante, dare il fieno ai cavalli degli Herold, mangiare al tavolo con il resto della famiglia e bere vino da un calice; era così appassionato di gelato che imparò gli orari del camion dei gelati di passaggio. Inoltre sapeva connettersi al computer per guardare delle foto, usare il telecomando della tv (con una predilezione per le partite di baseball)[10] e lavarsi i denti con il dentifricio[3][4][11]. In alcune occasioni guidò anche un'auto[6].

Jerome morì di cancro nel 2004 e l'unica figlia degli Herold era morta anni prima in un incidente d'auto; di conseguenza, Sandra Herold arrivò a considerare Travis quasi un figlio surrogato viziandolo esageratamente[6][8]. Prese l'abitudine di dormire e fare il bagno con lui; in seguito alla sua morte affermò "Mi sento come vuota, adesso. Ha dormito con me ogni notte. Finché non hai mangiato con uno scimpanzé e fatto il bagno con uno scimpanzé non puoi dire di conoscere uno scimpanzé"[12].

Incidente del 2003[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2003, Travis scappò dall'auto degli Herold e bloccò il traffico a un incrocio, rimanendo a piede libero per diverse ore[13]. L'incidente iniziò quando un pedone lanciò qualcosa contro l'auto; l'oggetto passò attraverso un finestrino parzialmente aperto e colpì Travis mentre lui e i suoi padroni erano fermi a un semaforo. Sorpreso, l'animale si slacciò la cintura di sicurezza, aprì la portiera della macchina e inseguì l'uomo senza raggiungerlo. Quando la polizia sopraggiunse, attirò lo scimpanzé in macchina ripetutamente con Travis che ogni volta usciva da un'altra portiera, anche inseguendo gli agenti[8].

Tale incidente portò all'approvazione di una legge nel Connecticut che proibisce alle persone di tenere primati di peso superiore a 50 libbre (23 kg) come animali domestici e richiede ai proprietari di animali esotici un permesso speciale. La nuova legge è entrata in vigore nel 2009 e alla morte di Travis, avvenuta nello stesso anno, nessun altro nello Stato aveva chiesto di adottare uno scimpanzé. Il Dipartimento per la protezione dell'ambiente (DEP) del Connecticut non applicò la legge sugli Herold perché possedevano Travis (il quale pesava 200 libbre, cioè 91 kg) da così tanto tempo che il DEP non credeva che l'animale rappresentasse un rischio per la sicurezza pubblica[14].

Attacco del 2009[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 febbraio 2009, intorno alle 15:40, Travis attaccò la cinquantacinquenne Charla Nash, amica di Sandra Herold, infliggendole lesioni devastanti al viso e agli arti[15]. Travis uscì di casa con le chiavi della macchina di Sandra, e Nash venne ad aiutarla a riportare lo scimpanzé in casa; dopo aver visto Nash con in mano un Tickle Me Elmo, uno dei suoi giocattoli preferiti, Travis perse il controllo e la attaccò[8]. L'animale conosceva Nash, che aveva anche lavorato presso la compagnia di rimorchio degli Herold, sebbene la donna avesse un'acconciatura diversa al momento dell'attacco, il che potrebbe averlo confuso e allarmato[16]; inoltre, lo scimpanzé aveva assunto farmaci per la malattia di Lyme[6]. Sandra, che allora aveva 70 anni, tentò di fermare Travis colpendolo alla testa con una pala e pugnalandolo alla schiena con un coltello da macellaio. "Per me fare qualcosa del genere - mettere un coltello dentro di lui - è stato come metterne uno dentro me stessa", disse in seguito Herold. "Lo scimpanzé si voltò come per dire: 'Mamma, cosa hai fatto?' "[6]. L'animale si agitò ulteriormente per le ferite. Herold, a questo punto, credendo che Nash fosse morta, chiamò il 9-1-1 e chiese aiuto. Le urla di Travis possono essere ascoltate in sottofondo all'inizio del nastro mentre Sandra implora la polizia, che inizialmente crede che si tratti di uno scherzo finché la donna non inizia a urlare dicendo che "[Travis] la sta mangiando"[17][18]. I servizi medici di emergenza aspettarono la polizia prima di avvicinarsi alla casa. Travis si diresse verso la macchina della polizia al suo arrivo, cercando di aprire una portiera dal lato dei passeggeri chiusa a chiave e rompendo uno specchietto laterale. Poi andò con calma alla portiera del guidatore e l'aprì; a quel punto l'agente Frank Chiafari si vide costretto a sparargli più volte. Travis si trascinò dentro casa, dove fu trovato morto accanto alla sua gabbia[8].

Secondo la procedura standard, la testa di Travis è stata portata al laboratorio statale per un test della rabbia e il corpo è stato portato all'Università del Connecticut per un'autopsia[3]. La testa risultò negativa per la rabbia[19], ma nel suo sistema fu rilevato dello Xanax (alprazolam). I risultati dell'autopsia nel maggio 2009 hanno confermato che lo scimpanzé era in sovrappeso ed era stato accoltellato. I resti furono cremati all'All Pets Crematory di Stamford il 25 febbraio 2009[20].

I rapporti di tossicologia hanno confermato l'affermazione di Sandra riguardo l'aver dato a Travis del tè mischiato a Xanax il giorno dell'attacco, il che avrebbe potuto esacerbare la sua aggressività[21]. Infatti lo Xanax è un potente farmaco anti-ansia a breve durata d'azione che può causare disinibizione, disorientamento e occasionalmente allucinazioni, aggressività e rabbia anche negli esseri umani.

Postumi dell'incidente su Charla Nash[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di emergenza descrisse le ferite di Nash come "orrende"[13]. Nelle 72 ore successive, la donna fu sottoposta a più di sette ore di intervento chirurgico sul viso e sulle mani da parte di quattro squadre di chirurghi. L'ospedale fornì consulenza ai membri del personale che inizialmente l'avevano in cura a causa della natura straordinaria delle sue ferite[22]. Nash perse le mani, il naso, gli occhi, le labbra e la struttura ossea della metà del viso e ricevette lesioni significative al tessuto cerebrale[2]. I medici le riattaccarono la mascella, ma il 7 aprile 2009 annunciarono che sarebbe rimasta cieca a vita. Le sue ferite la resero una possibile candidata per un intervento chirurgico di trapianto facciale sperimentale[22]. Dopo il trattamento iniziale allo Stamford Hospital, Nash venne trasferita alla Cleveland Clinic di Cleveland, nell'Ohio[23]. La famiglia della donna avviò un fondo fiduciario per raccogliere fondi con cui pagare le spese mediche "insondabili" e sostenere sua figlia[24]. Nash ha rivelato il volto sfigurata in pubblico per la prima volta all'Oprah Winfrey Show l'11 novembre 2009. Non soffriva di dolore fisico a causa dell'attacco, e i suoi familiari hanno espresso la speranza che lasciasse presto la Cleveland Clinic. Su Internet emersero delle immagini di paragone del viso di Nash prima e dopo l'attacco.

L'incidente è diventato una notizia di cronaca internazionale. Poco dopo l'attacco, una donna che aveva vissuto nella stessa zona di Herold ha raccontato che nel 1996 lo scimpanzé le aveva morso la mano e aveva cercato di trascinarla su un veicolo dopo averlo salutato[25]. Ha affermato di aver presentato reclamo agli Herold e alla polizia; quest'ultima ha dichiarato di non avere alcuna traccia di tale denuncia[26].

Nel giugno 2011, Nash è stata sottoposta a un intervento di trapianto eseguito da un team guidato dal Dr. Bohdan Pomahač presso l'affiliata didattica di Harvard, il Brigham and Women's Hospital, da eseguire sul viso e mani. Il trapianto di mani ebbe inizialmente successo, ma, poiché poco dopo Nash sviluppò una polmonite, i medici furono costretti a rimuovere le sue mani appena trapiantate a causa dell'infezione e della conseguente cattiva circolazione[27].

Denuncia[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2009, un avvocato della famiglia di Charla Nash ha intentato una causa da 50 milioni di dollari contro Sandra Herold[28]. Il 6 maggio un giudice di Stamford ha congelato i beni di Herold, per un valore di 10 milioni di dollari[29]. Altri potenziali imputati includevano il Dipartimento per la protezione ambientale del Connecticut, la città di Stamford e il veterinario che aveva prescritto lo Xanax[30]. La difesa ha affermato che lo scimpanzé non aveva manifestato alcun comportamento violento prima dell'attacco, e le due accuse negli attacchi degli anni '90 non sono credibili perché lo scimpanzé non aveva i denti in quel momento[31].

Il 24 maggio 2010, 15 mesi dopo l'attacco, Sandra Herold è morta improvvisamente per la rottura di un aneurisma aortico all'età di 72 anni. Il suo avvocato, Robert Golger, ha rilasciato la seguente dichiarazione: "La signora Herold ha subito una serie di perdite strazianti negli ultimi anni, a cominciare dalla morte della figlia uccisa in un incidente d'auto, poi del marito e del suo amato scimpanzé Travis, nonché la tragica mutilazione dell'amica e dipendente Charla Nash. Alla fine, il suo cuore, che era stato rotto così tante volte, non ha più resistito"[32].

Nel novembre 2012, Nash ha raggiunto un accordo con la proprietà di Herold e ha ricevuto circa 4 milioni di dollari in risarcimento[33].

Nash ha tentato di citare in giudizio lo stato del Connecticut nel 2013, ma la sua richiesta è stata respinta. Aveva affermato che i funzionari sapevano che l'animale era pericoloso ma non avevano fatto nulla al riguardo[34]. La petizione di Nash fu respinta sulla base del fatto che al momento dell'attacco non esisteva alcuna legge che proibisse la proprietà privata di uno scimpanzé. Nel luglio 2013, gli avvocati di Nash hanno iniziato a fare ricorso contro la decisione del tribunale.

Media[modifica | modifica wikitesto]

La fuga di Travis e il successivo attacco di Charla Nash sono stati usati come parte dell'episodio Scimpanzé della serie di documentari Animal Planet: Attrazioni fatali . Nell'episodio sono stati utilizzati la registrazione della chiamata originale al 9-1-1, quella relativa alla sparatoria della polizia di Travis e le conseguenze della caccia.

Le notizie sull'incidente si sono diffuse fino alla Cina[35]. L'attacco (che riporta somiglianze con un altro simile sempre causato da uno scimpanzé quattro anni prima in California), provocò discussioni sulla possibilità di tenere tali animali esotici come animali domestici da fonti come la rivista Time e i primatologi Jane Goodall e Frans de Waal[36][37]. In seguito, i membri della PETA avrebbero molestato Herold, sebbene l'organizzazione avesse dichiarato di non avere alcun coinvolgimento ufficiale nella vicenda[38][39].

Frank Chiafari, l'ufficiale di polizia che ha sparato a Travis a morte, inizialmente non è stato in grado di pagare la sua terapia per la depressione e l'ansia dopo l'incidente. Ciò ha portato alla legge proposta nel 2010 che coprirebbe il risarcimento di un agente di polizia per menomazione mentale o emotiva dopo essere stati costretti a uccidere un animale[40].

Influenza sulla legislazione[modifica | modifica wikitesto]

Il procuratore generale del Connecticut Richard Blumenthal ha osservato che un errore nella legge esistente del Connecticut del 2004, che vieta di mantenere gli scimpanzé delle dimensioni di Travis (a sua volta conseguenza dell'incidente del 2003), ha permesso che l'attacco si verificasse. Un portavoce del dipartimento di protezione ambientale del Connecticut ha chiarito che Travis era esente dalla legge perché non sembrava presentare un rischio per la società ed era di proprietà prima dell'inizio dell'obbligo di registrazione. Blumenthal ha successivamente inviato delle lettere ai leader legislativi e al Commissario del DEP, chiedendo loro di sostenere una proposta di legge che vieterebbe a tutti gli animali esotici potenzialmente pericolosi come scimpanzé, coccodrilli e serpenti velenosi di essere tenuti in un ambiente residenziale nel Connecticut. Il DEP stava cercando una legge simile che vieti i grandi primati e, dopo l'incidente, ha annunciato di aver cercato l'aiuto dei cittadini, degli agenti di polizia e degli agenti di controllo degli animali per denunciare tali animali domestici all'agenzia. Il comitato editoriale del quotidiano The Advocate a Stamford ha anche sostenuto il divieto del possesso di uccelli e rettili esotici[41].

Il rappresentante degli Stati Uniti Earl Blumenauer ha introdotto il Captive Primate Safety Act introdotto il 6 gennaio 2009, che avrebbe aggiunto scimmie, grandi scimmie e lemuri all'elenco delle "specie selvatiche vietate" che non possono essere vendute o acquistate tramite vendite interstatali e straniere[14][42]. L'attacco portò la Humane Society degli Stati Uniti ad unirsi alla Wildlife Conservation Society nel sostenere l'Atto[14]. L'attacco di Travis ha portato alla reintroduzione del disegno di legge da parte del co-sponsor Mark Kirk, il 23 febbraio 2009[42][43] Rob Bishopsi è opposto al disegno di legge durante il dibattito in aula, sottolineando che costerebbe 4 milioni di dollari all'anno e non farebbe nulla di diretto per prevenire gli attacchi degli scimpanzé sugli esseri umani. Ha anche affermato che tali attacchi sono relativamente rari[44]. Inoltre, venti stati e il Distretto di Columbia hanno già leggi che vietano i primati come animali domestici[45]. Il 23 febbraio 2009, la Camera ha votato da 323 a 95 a favore del disegno di legge[44], e gli organi di redazione di diversi importanti giornali, tra cui The New York Times e Newsday , ne hanno sostenuto l'approvazione[46]. Il disegno di legge non è mai stato adottato dal Senato degli Stati Uniti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Charla Nash Trust, su web.archive.org, 9 luglio 2009. URL consultato il 6 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2009).
  2. ^ a b c NY Daily News - We are currently unavailable in your region, su tribpub.com. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  3. ^ a b c Chimp attack 911 call: 'He's ripping her apart' - CNN.com, su edition.cnn.com. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  4. ^ a b About that Chimp - Roger Catlin | TV Eye, su archive.vn, 20 gennaio 2013. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) The Times & The Sunday Times, su thetimes.co.uk. URL consultato il 6 febbraio 2021.
  6. ^ a b c d e Owner describes chimp’s horrific rampage - TODAY Pets- msnbc.com, su web.archive.org, 19 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2009).
  7. ^ (EN) Understanding Travis the Chimp and His Mother, Sandy Herold -- New York Magazine - Nymag, su New York Magazine. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  8. ^ a b c d e f g Victim's face mauled in Stamford chimpanzee attack - The Advocate, su web.archive.org, 22 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2009).
  9. ^ Residents Shocked By Brutal Chimp Attack - Connecticut News Story - W…, su archive.vn, 5 dicembre 2010. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  10. ^ (EN) Chimpanzee shot after attack outside New York, su the Guardian, 17 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  11. ^ Chimp, owner had unusual bond - USATODAY.com, su usatoday30.usatoday.com. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  12. ^ Owner Shared Bed and Took Baths With Chimpanzee From Connecticut Attack | Fox News, su web.archive.org, 15 marzo 2013. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2013).
  13. ^ a b (EN) Andy Newman e Anahad O’Connor, Woman Mauled by Chimp Is Still in Critical Condition (Published 2009), in The New York Times, 17 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  14. ^ a b c Travis Led to New Law in '04 - News- msnbc.com, su web.archive.org, 22 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2009).
  15. ^ (EN) Andy Newman, Pet chimpanzee attacks woman in Connecticut (Published 2009), in The New York Times, 17 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  16. ^ Family: Victim makes 'good, but small, progress" - The Advocate, su web.archive.org, 27 luglio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2009).
  17. ^ Residents Shocked By Brutal Chimp Attack - Connecticut News Story - WFSB Hartford, su web.archive.org, 18 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2009).
  18. ^ Chilling 911 Call Chronicles Chimp Attack - Connecticut News Story - WFSB Hartford, su web.archive.org, 16 agosto 2010. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2010).
  19. ^ The Associated Press: Woman says Connecticut chimpanzee bit her in '96, su web.archive.org, 22 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2009).
  20. ^ Stamford chimpanzee cremated - The Advocate, su web.archive.org, 28 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2009).
  21. ^ (EN) Katherine Harmon, Why would a chimpanzee attack a human?, su Scientific American. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  22. ^ a b (EN) Anahad O’Connor, Woman Mauled by Chimp Has Surgery, and Her Vital Signs Improve (Published 2009), in The New York Times, 19 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  23. ^ (EN) Lawrence K. Altman e Anahad O’Connor, Cleveland Clinic Gets Victim of Chimp Attack (Published 2009), in The New York Times, 20 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  24. ^ Family sets up fund for chimp attack victim - The Advocate, su web.archive.org, 27 luglio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2009).
  25. ^ (EN) A. B. C. News, Chimp Has Attacked Before, Woman Claims, su ABC News. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  26. ^ (EN) Owner, Travis the chimp had unusual bond, su NBC News. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  27. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Charla Nash, chimpanzee attack victim, receives full face transplant in Boston, su Los Angeles Times, 10 giugno 2011. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  28. ^ Lawyer for chimp attack victim says lawsuit imminent - The Advocate, su web.archive.org, 27 luglio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2009).
  29. ^ (EN) $50M Chimp Attack Lawsuit Heads to Court, su NBC Connecticut. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  30. ^ Family of Stamford chimp attack victim seeks $50M - The Advocate, su web.archive.org, 27 luglio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2009).
  31. ^ (EN) Lawyer for Stamford chimp owner: animal wasn't violent, su The Hour, 9 aprile 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  32. ^ Sandy Herold Dead: Owner Of Chimp Who Attacked Charla Nash Dies, su web.archive.org, 28 maggio 2010. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2010).
  33. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Chimp attack victim who lost face sought $50 million, doesn't get it, su Los Angeles Times, 30 novembre 2012. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  34. ^ Charla Nash, Chimp Attack Victim, Denied $150 Million Lawsuit, su web.archive.org, 15 giugno 2013. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2013).
  35. ^ TV advert chimp attacks woman, police, su chinadaily.com.cn. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  36. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Loving chimps to death, su Los Angeles Times, 25 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  37. ^ (EN) Frans de Waal, Another Chimp Bites the Dust, su HuffPost, 17 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  38. ^ New York - Crazed Chimp 911 Tape Revealed; "PETA" Peeps Harrass Owner (Updated) - Runnin' Scared - Village Voice, su web.archive.org, 21 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2009).
  39. ^ Chimp Owner Hammered With Threatening Calls - wcbstv.com, su web.archive.org, 20 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2009).
  40. ^ (EN) Michael Wilson, After Shooting Chimp, a Police Officer’s Descent (Published 2010), in The New York Times, 24 febbraio 2010. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  41. ^ Ban the possession of wild animals - The Advocate, su web.archive.org, 22 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2009).
  42. ^ a b U.S. House to vote on primate ban - The Advocate, su web.archive.org, 28 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2009).
  43. ^ (EN) Ben Smith, The Primate Act of '09, su POLITICO. URL consultato il 7 febbraio 2021.
  44. ^ a b House approves primate pet ban - The Connecticut Post Online, su web.archive.org, 28 luglio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2009).
  45. ^ House tightens restrictions on chimps as pets - On Deadline - USATODAY.com, su web.archive.org, 27 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2009).
  46. ^ (EN) Opinion | Primates Aren’t Pets (Published 2009), in The New York Times, 25 febbraio 2009. URL consultato il 7 febbraio 2021.