Tom Verlaine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tom Verlaine
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereNew wave
Punk rock
Periodo di attività musicale1975 – in attività
GruppiTelevision
Neon Boys
Album pubblicati10
Studio9
Live0
Raccolte1
(EN)

«Tom plays guitar like a thousand bluebirds screaming.»

(IT)

«Il suono della chitarra di Tom è come l'urlo di un migliaio di uccellini azzurri

(Patti Smith[1][2])

Tom Verlaine, nome d'arte di Thomas Miller (Morristown, 13 dicembre 1949), è un chitarrista, cantante e compositore statunitense.

Chitarrista innovativo e sperimentale[3][4], grazie al suo operato con i Television è considerato uno dei musicisti fondamentali nella fase di passaggio tra punk rock e new wave[4][5][6][7].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cambiò il suo vero nome, Thomas Miller, ispirandosi da un lato al poeta francese Paul Verlaine, dall'altro a Bob Dylan, che aveva a sua volta assunto uno pseudonimo.

Inizialmente influenzato da John Coltrane, Tom Verlaine diede vita, con l'amico Richard Hell, al gruppo dei Neon Boys[4]. In seguito, con il bassista Fred Smith in sostituzione di Hell, si stabilizzò il gruppo dei Television, eredi delle sonorità dei Velvet Underground[6], di cui si ricorda soprattutto l'epocale album Marquee Moon del 1977, considerato una pietra miliare della neonata new wave.[7]

Dopo lo scioglimento dei Television, Tom Verlaine si dedicò ad una carriera solista, con una serie di album tra i quali l'esordio omonimo del 1979, Words from the Front del 1982 e Flashlight (1987) che hanno ottenuto buoni apprezzamenti dalla critica musicale.[8][9]

Nel 1992 partecipa alla reunion dei Television.

Nel 1996 pubblica la raccolta, A Miller's Tale / A Tom Verlaine Anthology che riassume in larga parte il suo percorso da solista.

Nel 2006 ritorna con due nuovi lavori per la Thrill Jockey Records, Around e Songs And Other Things[7].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Television § Discografia.

Album da solista[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1981 - Always
  • 1982 - Postcard from Waterloo
  • 1984 - Let Go the Mansion
  • 1984 - Five Miles of You
  • 1987 - A Town Called Walker
  • 1987 - Cry Mercy, Judge
  • 1987 - The Funniest Thing
  • 1989 - Shimmer
  • 1990 - Kaleidoscopin

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tom Verlaine: Tuning in to the past, in New Zealand Herald, 15 ottobre 2013. URL consultato il 3 luglio 2019 (archiviato il 3 luglio 2019).
    «[...] Patti Smith, Verlaine's one-time girlfriend. She once described his playing: "Tom plays guitar like a thousand bluebirds screaming."».
  2. ^ (EN) Ben Sisario, The Return of Tom Verlaine: A Reluctant Guitar God Makes Up for Lost Time, in The New York Times, 18 maggio 2006. URL consultato il 3 luglio 2019 (archiviato il 24 aprile 2017).
    «Patti Smith once described his sound as "like a thousand bluebirds screaming."».
  3. ^ http://www.allmusic.com/artist/tom-verlaine-mn0000933809/biography
  4. ^ a b c Piero Scaruffi, The History of Rock Music. Television, su scaruffi.com.
  5. ^ Jason Ankeny, Tom Verlaine, su AllMusic, All Media Network.
  6. ^ a b Television Biography | Rolling Stone, su rollingstone.com. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  7. ^ a b c Television - biografia, recensioni, discografia, foto :: OndaRock
  8. ^ The History of Rock Music. Tom Verlaine: biography, discography, reviews, links
  9. ^ Television - biografia, recensioni, discografia, foto :: Onda Rock

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54334084 · ISNI (EN0000 0000 5514 5582 · LCCN (ENn88045093 · GND (DE13454661X · BNF (FRcb13900809f (data) · WorldCat Identities (ENn88-045093