Thea Prandi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thea Prandi
Thea Prandi.jpg
Un primo piano di Thea Prandi
NazionalitàItalia Italia
Periodo di attività musicale1940 – 1961
GruppiTrio Primavera

Enrichetta Thea Prandi, più conosciuta semplicemente come Thea Prandi (Alba, 25 novembre 1925Roma, 8 giugno 1961), è stata una soubrette, cantante e attrice italiana attiva fra gli anni quaranta e cinquanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Già soubrette di rivista al Teatro dei Fiorentini di Napoli[1], sposò civilmente Eduardo De Filippo a Torino il 2 gennaio 1956, dopo che il tribunale del capoluogo campano aveva convalidato l'annullamento del suo matrimonio con Dorothy Pennington, pronunciato dal tribunale della Repubblica di San Marino nel 1952.

Eduardo De Filippo, lo aveva conosciuto nel 1947 al Teatro Eliseo e da lui si sarebbe poi separata nel dicembre del 1959. Dall'unione con l'attore-commediografo erano nati due figli: Luca (1948 - 2015), divenuto poi anch'egli attore, e Luisa "Luisella" (1949 - 1960), morta per emorragia cerebrale mentre si trovava al Terminillo[2].

Il Trio Primavera, ovvero Isa Bellini, Wilma Mangini e Thea Prandi, ne L'allegro fantasma (1941)

Insieme a Isa Bellini e a Wilma Mangini, come cantante aveva fatto parte del Trio Primavera, un gruppo vocale formatosi all'interno dell'EIAR come imitazione autarchica del più famoso Trio Lescano. Il gruppo fu chiamato nel 1941 ad animare gli interventi canori del film di Totò L'allegro fantasma e della pellicola Una famiglia impossibile, di Carlo Ludovico Bragaglia, una delle pellicole antesignane dei futuri musicarelli[3].

Muore per le conseguenze di un tumore all'utero[4] l'8 giugno 1961.[5]

È ricordata fra l'altro per essere stata la voce narrante del film Napoletani a Milano.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Rai.it Archiviato il 14 settembre 2008 in Internet Archive.
  2. ^ Fonte: Defilippo.it Archiviato il 18 marzo 2009 in Internet Archive.
  3. ^ Vedi: It.movies.yahoo.com[collegamento interrotto]
  4. ^ Antonio Kunst, Nina De Padova. Dalla filodrammatica al teatro di Eduardo, p. 125, Editore Guida, 2020
  5. ^ Fonte: [Archivio Thea Prandi, Roma]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233413163 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019089155