The Video Collection 93:99

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Video Collection 93:99
Artista Madonna
Tipo album Video compilation
Pubblicazione 2 novembre 1999
Durata 66 min : 46 s
Tracce 14
Genere Pop
Pop rock
Dance
Etichetta Warner Music Group
Formati VHS/DVD
Certificazioni
Dischi di platino Stati Uniti Stati Uniti[1]
(Vendite: 100.000+)

The Video Collection 93:99 è una raccolta di video musicali della cantante statunitense Madonna pubblicata nel 1999 senza un preciso Greatest Hits. Disponibile in VHS e DVD è stata inserita assieme ad The Immaculate Collection nel box set The Ultimate Collection uscito nel 2000.

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Heather Phares di Allmusic scrisse una recensione entusiasta: "La Video Collection: 1993-1999 di Madonna accresce il suo status di artista che meglio si sposa ai DVD. [...] Sebbene non offra funzioni extra da DVD, la maestria di registi del calibro di Mark Romanek, Stephane Sedaoui, David Fincher, Jean-Baptiste Mondino, e di Madonna stessa è in bella vista con video come 'Take a Bow', 'Bedtime Story', 'Human Nature', 'Frozen' e 'Ray of Light'. Tutto sommato, una degna raccolta di pregevoli video di una dei trendsetter del pop".[2] Bryan Chin di University Wire scrisse: "Molti non amano proprio la Madonna degli anni Novanta. 'Così volgare è diventata!, si lamentano. 'Non ha più lo stesso impatto culturale che aveva negli anni Ottanta', si lagnano. Chiaramente si tratta di persone poco attente. Con la recente pubblicazione di The Video Collection 93:99, è certo che questi oppositori si renderanno conto di che cosa si sono persi. Questi video testimoniano ottimamente il trasofrmismo di Madonna, che passa da un personaggio all'altro".[3] Francis Dass del New Straits Times scrisse: "Madonna, l'icona pop del Novecento, rimane in prima linea per autopromozione e marketing, pubblicando la sua nuova raccolta di video, che mostra come sia ancora in grado di rimanere attuale nel crudele mondo della musica, e che è ancora la regina della re-invenzione".[4] Jay Webb del The Dallas Morning News scrisse che i video della raccolta mostrano "la vera identità artistica di Madonna" ma aggiunse che questa fase artistica non era stata catalogata accuratamente dalla raccolta.[5] Jeremy Kinser di The Advocate lodò "la messa in mostra di video così artistici e iconici". Segnalò "Ray of Light", "Bad Girl" e "Take a Bow" come i video migliori della raccolta, e criticò l'inclusione di "Fever" e "Human Nature".[6] Jose Promis di Allmovie scrisse che "[l]a decisione di inserire dei non-successi come 'Love Don't Live Here Anymore' preferendoli a hit come 'You'll See' o 'I'll Remember' è sorprendente, e rende questa raccolta bizzarramente eterogenea."[7]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bad Girl
  2. Fever
  3. Rain
  4. Secret
  5. Take a Bow
  6. Bedtime Story
  7. Human Nature
  8. Love Don't Live Here Anymore
  9. Frozen
  10. Ray of Light
  11. Drowned World/Substitute for Love
  12. The Power of Good-Bye
  13. Nothing Really Matters
  14. Beautiful Stranger

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RIAA - Recording Industry Association of America
  2. ^ Heather Phares, Video Collection: 1993-1999 > Overview, AllMusic, 9 novembre 1999. URL consultato il 21 luglio 2010.
  3. ^ Bryan Chin, VIDEO REVIEW: Madonna shows her spiritual side, in University Wire, 12 novembre 1999. URL consultato il 21 luglio 2010.
  4. ^ Francis Dass, The Millennial Madonna, in New Straits Times, 25 gennaio 2000. URL consultato il 21 luglio 2010.
  5. ^ Jay Webb, The many video moods of Madonna, in The Dallas Morning News, 21 gennaio 2000. URL consultato il 21 luglio 2010.
  6. ^ Jeremy Kinser, Madonna's Wild Ride, in The Advocate, vol. 1083, nº 797, 26 ottobre 1999, pp. 74, ISSN 0001-8996. URL consultato il 21 luglio 2010.
  7. ^ Jose Promis, Madonna: Video Collection 93:99 > Overview, Allmovie. URL consultato il 5 dicembre 2010.
Madonna Portale Madonna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Madonna