The Pop Group

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Pop Group
The Pop Group.jpg
Paese d'origineRegno Unito Regno Unito
GenereRock alternativo[1]
Indie rock[1]
Post-punk[1]
Rock sperimentale[1]
Periodo di attività musicale1977 – 1981
2014 – in attività
EtichettaFreaks R Us, Radar Records, Rough Trade
Album pubblicati7
Studio4
Raccolte3
Sito ufficiale

The Pop Group è un gruppo musicale britannico, fra i più innovativi, originali e influenti degli anni ottanta.[1][2][3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Primo periodo[modifica | modifica wikitesto]

Fondati a Bristol nel 1977 da Mark Stewart, i Pop Group si caratterizzarono, oltre che per una proposta artistica tesa alla sperimentazione e alla commistione di generi quali punk, funk, dub, afrobeat e free jazz, anche per una carica acidamente satirica e accusatoria nei confronti della società globale e del capitalismo occidentale.[3]

Il nome scelto dal gruppo è volutamente ambiguo: contiene tanto un'ironica anti-connotazione della proposta artistica, quanto un'emblematica presa di posizione socio-politica, di artisti del popolo e per il popolo.

Y, il loro LP d'esordio datato 1979 e prodotto da Dennis Bovell, è tuttora considerato dalla critica una pietra miliare del post-punk e uno degli album più rivoluzionari dell'intera storia del rock.[4][2][5]

Dopo un secondo lavoro, For How Much Longer Do We Tolerate Mass Murder? (1980), il gruppo decise di sciogliersi.[6]

Reunion[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010 i Pop Group hanno dichiarato che si sarebbero riuniti per un tour con tre dei cinque membri originali.[7] La raccolta del 1980 We Are Time ha visto la sua prima ristampa in tutto il mondo il 20 ottobre 2014. Nello stesso anno è stata anche pubblicata una compilation di rarità intitolata Cabinet of Curiosities.[8] A sostegno di queste ristampe, il gruppo ha intrapreso un tour di sette giorni nel Regno Unito.

Il 23 febbraio 2015, i Pop Gruppo hanno pubblicato Citizen Zombie, il loro primo album in studio dopo ben 35 anni, pubblicato dall'etichetta di Mark Stewart.[9] Nel febbraio del 2016 è stato ristampato per la prima volta il secondo disco della band. Il 28 ottobre dello stesso anno il grouppo torna in studio per un nuovo album, Honeymoon On Mars, che segna tra l'altro il ritorno dietro alla consolle di Dennis Bovell.[10]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) The Pop Group, su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'11 gennaio 2017. Modifica su Wikidata
  2. ^ a b (ENIT) Pop Group: biography, discography, reviews, links, su The History of Rock Music, Piero Scaruffi's knowledge base. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  3. ^ a b Pop Group, su OndaRock.
  4. ^ (EN) Top 100 Albums of the 1970s - Page 7, su Pitchfork. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  5. ^ Pop Group - Y, su OndaRock. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  6. ^ Pop Group - For How Much Longer Do We Tolerate Mass Murder? (ristampa), su OndaRock. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  7. ^ (EN) Update: The Pop Group to reunite, su The A.V. Club, 24 maggio 2010. URL consultato il 24 maggio 2010.
  8. ^ (EN) The Pop Group: We Are Time/Cabinet of Curiosities Album Review, su Pitchfork. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  9. ^ (EN) Première: The Pop Group - "Citizen Zombie", su Noisey. URL consultato il 27 novembre 2014.
  10. ^ (EN) The Pop Group announce new album Honeymoon On Mars, su FACT Magazine: Music News, New Music. URL consultato il 13 febbraio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 8945 4607
Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk