Bristol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bristol (disambigua).
Bristol
Contea non metropolitana e cerimoniale, Autorità unitaria, City
City of Bristol
Bristol – Stemma
Bristol – Veduta
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
RegioneSud Ovest
Amministrazione
GovernoLeader ed esecutivo (Laburista)
Territorio
Coordinate51°27′N 2°35′W / 51.45°N 2.583333°W51.45; -2.583333 (Bristol)Coordinate: 51°27′N 2°35′W / 51.45°N 2.583333°W51.45; -2.583333 (Bristol)
Altitudine11 m s.l.m.
Superficie110 km²
Abitanti432 451 (2012)
Densità3 931,37 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postaleBS
Prefisso0117
Fuso orarioUTC+0
ISO 3166-2GB-BST
Codice ONS00HB
Rappresentanza parlamentareCollegi:
MottoVirtute et Industria
Cartografia
Bristol – Localizzazione
Sito istituzionale

Bristol pronuncia [ˈbrɪstəl] (in gallese Bryste) è una città e una contea, un distretto non metropolitano e autorità unitaria con status di city del Sud-ovest dell'Inghilterra, Regno Unito. Con una popolazione stimata di 433.100 per l'autorità unitaria nel 2009, e con una grande zona urbana circostante di 1.070.000 abitanti nel 2007, è la sesta città più popolosa dell'Inghilterra e l'ottava più popolosa del Regno Unito, e la città più popolosa della regione del Sud-ovest.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È situata sul fiume Avon che segna tradizionalmente la frontiera tra le contee del Gloucestershire e del Somerset.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cattedrale

La città di Brycgstow, nome che nella lingua inglese antica significherebbe Piazza sul Ponte, esisteva fin dagli inizi dell'XI secolo e, sotto il governo normanno, vi fu costruito uno dei più potenti castelli del sud dell'Inghilterra.

Nel XII secolo Bristol diventò un porto importante, poiché passava da là la maggior parte del traffico per l'Irlanda.

Nel 1247, fu costruito un nuovo ponte e la città si estese assorbendo i sobborghi. In tale periodo, Bristol divenne anche un importante centro manifatturiero e di costruzione di navi.

Nel 1497, la città fu il punto di partenza del viaggio esplorativo di Sebastiano Caboto verso l'America del Nord.

Nel XVII secolo, grazie allo sviluppo delle colonie britanniche in America del Nord, si ebbe un'ulteriore crescita della città e una veloce espansione dei commerci, tra cui quello degli schiavi.

Bristol fu in concorrenza con Liverpool per quanto riguarda le industrie tessili, a partire dal 1760.

Con la guerra contro la Francia di Napoleone (in particolare con il famoso blocco continentale) e l'abolizione del trasporto degli schiavi nel 1807, lo sviluppo dell'attività portuale di Bristol ebbe un forte declino. Le industrie cittadine si ripresero dopo la fine della guerra tra francesi e inglesi e la popolazione crebbe in maniera esponenziale per tutto l'Ottocento.

Durante la seconda guerra mondiale, Bristol subì pesanti bombardamenti.

I collegamenti con gli Stati Uniti ed il Canada: la Bristol City Line[modifica | modifica wikitesto]

La Bristol City Line era una autorità cittadina che si incaricava di dirigere e costruire il naviglio per i collegamenti tra il porto di Bristol e numerose città costiere degli Stati Uniti e del Canada. I collegamenti furono attivi dal 1704 al 1974.

Tra le tratte più famose si ricorda la Bristol - New York.

Durante la prima guerra mondiale, il 19 Agosto 1915, il sottomarino tedesco U-24 colpì ed affondò la nave in transito SS New York City, costruita nel 1907, a circa 40 miglia dalla costa irlandese.

Il servizio di trasporto transatlantico, nato inizialmente verso gli Stati Uniti, si allargò poi anche al Canada nel 1958.

Nel 1970 si registrò la prima traversata di una porta container della compagnia.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Bristol è uno dei centri principali della produzione del cartone, centro di spicco per carta e cartoncini di alta qualità, dalla città prende nome il famoso "cartoncino Bristol" di media rigidità, utilizzato per découpage e lavori artigianali. Questi prodotti vengono esportati in tutta Europa.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Bristol è una delle città inglesi musicalmente più attive; ha tradizione in diversi generi, tra cui reggae, dubstep, drum and bass e soprattutto trip hop, genere originario proprio di Bristol. Il celebre gruppo musicale Massive Attack è di questa città; un tempo era proprietario e si esibiva nel locale The Tube, in Park Street, non lontano dall'attuale University of Bristol. Sempre di Bristol sono anche i Portishead e Tricky. I locali più celebri sono Thekla, situato nella "pancia" di una nave attraccata al porto, Dojo's e Motion; numerosissimi sono poi i pub che si trasformano in piano bar e piccole discoteche lungo la salita che porta alla University of Bristol, quelli lungo il Waterfront e quelli in Gloucester Road.

Media[modifica | modifica wikitesto]

A Bristol si trova la sede degli Aardman Studios, studio di animazione che ha prodotto, tra gli altri, Wallace and Gromit.

La città ha due giornali, il Western Daily Press e il Bristol Post.

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

La città di Bristol, a misura di studente, ha due università, la Università di Bristol, situata nel cuore della città, che gode di un'ottima reputazione, e la UWE, University of the West of England.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La città è servita dall'Aeroporto Internazionale di Bristol.

L'autostrada M5 e l'autostrada M4 passano accanto alla città.

Distretti[modifica | modifica wikitesto]

La Millenium Square di notte
Whiteladies road a Clifton

I distretti della città sono:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Bristol è gemellata con[1]:

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La serie televisiva britannica Skins è prevalentemente ambientata e registrata nella città di Bristol.

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Town twinning, bristol.gov.uk. URL consultato il 20 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN142803650 · ISNI (EN0000 0001 2295 5519 · GND (DE4090130-0
Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito