The Machine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Machine
Titolo originaleThe Machine
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito
Anno2013
Durata91 min
Generefantascienza
RegiaCaradog W. James
SceneggiaturaCaradog W. James
ProduttoreJohn Giwa-Amu
Produttore esecutivoGlenn S. Gainor
FotografiaNicolai Brüel
MontaggioMatt Platts-Mills
Effetti specialiTommy Frazier
MusicheTom Raybould
CostumiChrissie Pegg
Interpreti e personaggi

The Machine è un film del 2013 diretto da Caradog W. James.

Il film, ambientato nel futuro, narra la storia di due scienziati impegnati nella creazione di una intelligenza artificiale e combattuti tra le crudeli esigenze della committenza militare e la propria coscienza. È stato presentato al Tribeca Film Festival del 2013.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel pieno di una futura guerra fredda con la Cina, la squadra guidata dallo scienziato Vincent McCarthy, in un laboratorio segreto finanziato dal ministero della difesa britannico, ha già sperimentato felicemente impianti a livello cerebrale su reduci di guerra gravemente feriti. I risultati sono eccezionali dal punto di vista motorio ma resta qualche problema soprattutto legato al fatto che a distanza di poco tempo dall'impianto, questi esseri bionici perdono l'uso della parola.

L'obiettivo è quello di giungere alla creazione di una intelligenza artificiale che permetta di realizzare un androide da infiltrare nelle linee nemiche per poi sterminare i nemici.

McCarthy conosce la brillante scienziata Ava e la convince ad unirsi alla sua squadra dopo averle fatto capire dei mezzi pressoché illimitati di cui dispongono. La ragazza ha una coscienza antimilitare che subito mal si concilia con i suoi superiori. Così quando McCarthy le svela che il suo impegno nel programma militare, copre la reale finalità di trovare una soluzione che sconfigga la Sindrome di Rett di cui è affetta la piccola figlia, Ava dà il suo pieno appoggio.

A scanso di problemi futuri, il capo del progetto, Thomson, fa uccidere la scomoda Ava. Vincent è scosso dalla cosa ma riesce poi a convincere i superiori ad utilizzare la scansione del cervello della scienziata per costruire il tanto atteso androide, che avrà anche le sembianze della collega uccisa.

L'androide è perfetto e si lega da subito a McCarthy che, dopo un primo incidente, gli ordina di non usare la sua superforza per uccidere. Thomson però ha altri piani e ordina allo scienziato di rimuovere dal cervello dell'androide la parte deputata alla coscienza, con la minaccia di cancellare le scansioni cerebrali della figlia Mary, appena morta. Ad operazione completata Thomson si convince della bontà della stessa, salvo in seguito scoprire che la capsula estratta dal cervello era quella senza la quale non è più attivabile l'autodistruzione. L'androide dà inizio alla rivolta di tutti gli "impianti" coi quali è capace di dialogare in quanto non sono muti. Thomson cerca di disattivarli ma è fermato e poi raggiunto dall'androide che nel rispetto dei suoi principi non lo uccide, ma come vendetta lo lobotomizza.

Fuggiti, McCarthy e l'androide avviano in una bella villa al mare una nuova vita familiare insieme a Mary che vive attraverso un software collegato alle sue registrazioni cerebrali.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, girato prevalentemente in Galles ha avuto un budget di solo un milione di sterline. Caity Lotz, ballerina ed esperta di arti marziali, non ha avuto bisogno di stuntman[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Meet the Welshman behind low-budget, high-intensity sci-fi movie The Machine, WalesOnline, 14-3-2014. URL consultato il 20-1-2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]