The Brimstone Sluggers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Brimstone Sluggers
ArtistaCrazy Town
Tipo albumStudio
Pubblicazione28 agosto 2015
Durata47:07
Dischi1
Tracce15
GenereRap rock
Alternative hip hop
Musica elettronica
EtichettaMembran Records
ProduttoreCrazy Town
Registrazione2015
Crazy Town - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
Singoli
  1. Megatron
  2. Backpack
  3. Born to Raise Hell
  4. Come Inside

The Brimstone Sluggers è il terzo album in studio del gruppo musicale statunitense Crazy Town, pubblicato nel 2015.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

I Crazy Town si sciolsero nel 2003, un anno dopo la pubblicazione di Darkhorse, anche perché la loro casa discografica non aveva apprezzato la mancata realizzazione di singoli paragonabili, in fatto di popolarità, alla hit "Butterfly".[1] Il gruppo si è riformato alla fine del 2007,[2] e ha poi annunciato nel 2013 la lavorazione del disco The Brimstone Sluggers.[3] Il titolo dell'album è un omaggio al gruppo in cui cantavano i due cantanti fondatori, Bret Mazur e Shifty Shellshock, prima di fondare i Crazy Town.[4]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo pubblicò una serie di teaser promozionali nel 2013, per annunciare l’uscita del terzo album.[3][5] Un anno dopo cominciarono a esibirsi in Europa per la promozione, e a dicembre dello stesso anno pubblicarono il singolo di lancio "Megatron",[6] che diventò il tema del programma televisivo Impact Wrestling.[7] A luglio pubblicarono un altro singolo, "Backpack".[8] L'album uscì il 28 agosto 2015 per conto dell'etichetta discografica Membran Records, trainato dal singolo "Born to Raise Hell"[9] con un video pubblicato a settembre.[10] A fine di promozione il gruppo si esibì anche in concerto in Germania,[11] e poi anche in Italia.[12]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il cantante Bret Mazur, l'album rappresenta il seguito stilistico del debutto The Gift of Game.[13] A differenza di Darkhorse, che presenta un'impronta più vicina al rock tradizionale, The Brimstone Sluggers è maggiormente incentrato su sonorità hip hop e presenta collaborazioni coi rapper Madchild e Bishop Lamont.[4][14][15] L'ex componente DJ AM, morto nel 2009, collaborò alla traccia "Born to Raise Hell", e il chitarrista dei No Doubt Tom Dumont ha aggiunto parti di voce e chitarra nel brano "Ashes".

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

James Christopher Monger di AllMusic diede all'album due stelle e mezzo su cinque, dicendo che "si tratta di un prevedibile tentativo di aggiornare le sonorità del debutto, specie con brani come "A Little More Time," "Backpack" e "Born to Raise Hell." Ma ormai sono passati 13 anni dalla seconda prova, e il genere ha fatto il suo tempo."[4] Philip Whitehead di Rock Sins diede all'album cinque stelle su dieci, considerando il disco un notevole miglioramento rispetto agli album del passato, aggiungendo però che "c’è ancora molto da fare per migliorare la reputazione, soprattutto per quanto riguarda i testi."[16] Ultimate Guitar Archive diede all'album 6,3 punti su 10, criticando l'omaggio a celebrità decedute come Amy Winehouse, Heath Ledger e Robin Williams, concludendo che "le tracce si rifanno troppo agli esordi, nonostante il tentativo di aggiornarsi."[17]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Seth Binzer e Bret "Epic" Mazur

  1. Come Inside - 3:18
  2. Light the Way - 3:46
  3. Born to Raise Hell - 3:32 - featuring J. Angel and DJ AM
  4. Ashes - 3:40 - featuring Tom Dumont
  5. Megatron - featuring Boondock - 3:42
  6. Backpack - 4:15 - featuring Bishop Lamont & Fann
  7. A Little More Time - 3:40 - featuring Koko Laroo
  8. The Keys - 3:36 - featuring Madchild
  9. Lemonface - 3:49
  10. Baby You Don't Know - 3:10 - featuring Fann
  11. My Place - 3:08
  12. West Coast - 3:41
  13. Megatron [Alternate version] - 3:46 - featuring Boondock
  14. Hit That Switch - 3:47 - traccia bonus edizione deluxe
  15. Ain't No Stopping Us - 3:41 - traccia bonus edizione deluxe

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Crazy Town

Altri

  • DJ AM - giradischi, campionamenti per "Born to Raise Hell"
  • J. Angel - voce per "Born to Raise Hell"
  • Bishop Lamont - voce per "Backpack"
  • Fann - voce per "Backpack" e "Baby You Don't Know"
  • Tom Dumont - chitarra e voce per "Ashes"
  • Koko Laroo - voce per A Little More Time
  • Madchild - voce per "The Keys"
  • Boondock - voce per "Megatron"
  • DJ R1CKONE - giradischi, campionamenti per "A Little More Time", "My Place" e "Come Inside"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gil Kaufman, Where Ya Been?: City High Drop Out, Crazy Town Stop The Insanity, in MTV, 8 febbraio 2007. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  2. ^ Chris Harris, Kris Kross, Crazy Town, EMF, Extreme And More Unmemorable Reunions, In Our Year-End Top 10s - Music, Celebrity, Artist News, in MTV, 5 dicembre 2007. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  3. ^ a b Greg Srisavasdi, Crazy Town Reunite for New Album ‘The Brimstone Sluggers’, in Noise Creep, 21 agosto 2013. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  4. ^ a b c Crazy Town: The Brimstone Sluggers, in AllMusic. URL consultato il 2 ottobre 2015.
  5. ^ Alexander Tulet, Lock Up Your Daughters, Crazy Town Are Back, in Junkee, 9 agosto 2013. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  6. ^ Elias Leight, Exclusive: Crazy Town Returns After Lengthy Hiatus With New Single 'Megatron', in Billboard, 18 dicembre 2014. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  7. ^ John Moore, 1/23 Moore's TNA Impact Wrestling TV Report: Lashley and MVP street brawl, Feast or Fired, James Storm vs. Matt Hardy, Havok vs. Gail Kim, Jeremy Borash vs. EC3, in ProWrestling.net, 24 gennaio 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  8. ^ Crazy Town f. Bishop Lamont & Fann, in HipHopDX, 17 luglio 2015. URL consultato il 17 ottobre 2015.
  9. ^ Crazy Town Release “Born To Raise Hell” Featuring J. Angel & DJ AM From ‘The Brimstone Sluggers’ Album, in Icon Versus Icon, 6 agosto 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  10. ^ (DE) Crazy Town: Video-Premiere ‘Born To Raise Hell’, in Metal Hammer, 24 settembre 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  11. ^ (DE) SLAM presents: CRAZY TOWN, in Slam. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  12. ^ Crazy Town in Italia il 5 e 6 dicembre 2015 con due concerti, in Cube magazine, 15 settembre 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  13. ^ Amy Sciarretto, Album Stream: Crazy Town 'The Brimstone Sluggers', in Artistdirect, 28 agosto 2015. URL consultato il 2 ottobre 2015.
  14. ^ Crazy Town, esce dopo 13 anni un nuovoalbum: "The Brimstone Sluggers", in Rockol, 23 giugno 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  15. ^ (DE) Crazy Town: Neues Album THE BRIMSTONE SLUGGERS kommt, in Metal Hammer, 23 giugno 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  16. ^ Phillip Whitehead, Crazy Town - The Brimstone Sluggers, in Rock Sins, 25 agosto 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.
  17. ^ The Brimstone Sluggers Review, in Ultimate Guitar Archive, 7 settembre 2015. URL consultato il 3 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]