The Blacklist: Redemption

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Blacklist: Redemption
Titolo originaleThe Blacklist: Redemption
PaeseStati Uniti d'America
Anno2017
Formatoserie TV
Generethriller, poliziesco, drammatico
Stagioni1
Episodi8
Durata45 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreJon Bokenkamp
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Casa di produzioneJohn Eisendrath Productions, Davis Entertainment, Flatwater Scribe, Sony Pictures Television
Prima visione
Prima TV originale
Dal23 febbraio 2017
Al13 aprile 2017
Rete televisivaNBC
Prima TV in italiano
Dal10 marzo 2017
Al21 aprile 2017
Rete televisivaFox Crime
Opere audiovisive correlate
OriginariaThe Blacklist

The Blacklist: Redemption è una serie televisiva statunitense trasmessa dal 23 febbraio 2017 sulla rete televisiva NBC.[1]

La serie è uno spin-off della serie televisiva The Blacklist, di cui l'episodio 3x22 Alexander Kirk è stato il backdoor pilot.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni dei criminali più sfuggenti del mondo, gli stessi nella lista di Raymond 'Red' Reddington, si uniscono per formare una squadra di mercenari determinata a riconquistare la propria autostima dopo una vita passata causando danni in giro per il pianeta. In cerca di riscatto per le trasgressioni passate, questo gruppo guidato dalla brillante e astuta Susan 'Scottie' Hargrave, risolve problematiche che i governi non osano affrontare. A lei rispondono l'operativo sotto copertura Tom Keen, apparentemente suo figlio; il letale assassino Matias Solomon, nemico giurato di Keen; l'altamente qualificata Nez Rowan e l'hacker Dumont.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 8 2017 2017

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Guest star[modifica | modifica wikitesto]

Rinnovi[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 Maggio 2017 la NBC ha deciso di cancellare la possibile seconda stagione poiché la serie non ha ricevuto il successo che ci si aspettava[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione