Targhe automobilistiche belghe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Targhe posteriori belghe con vecchio (in alto) e nuovo (in basso) formato

Le targhe automobilistiche in Belgio, assegnate a persone fisiche o giuridiche, hanno le lettere e le cifre scritte in rosso su fondo bianco, salvo in modelli particolari di seguito descritti. La combinazione attuale è di sette caratteri. La targa anteriore e quella posteriore possono essere differenti: infatti quella posteriore è fornita dallo Stato, mentre quella anteriore deve essere procurata dal proprietario, pertanto può essere identica alla piastra posteriore oppure differente, ma sempre con scritte di colore uguale su sfondo bianco.
Dal 16 novembre 2010 ogni targa reca a sinistra la banda blu con le dodici stelle dell'Unione Europea e la sigla internazionale del Belgio, ossia B, di colore bianco, introdotta negli anni Novanta come opzionale a destra delle targhe posteriori (fissata a parte) e sulla sinistra delle targhe anteriori. Spesso sul bordo cromato si trova una pubblicità del concessionario.
Le targhe in Belgio sono utilizzate per identificare univocamente ogni autoveicolo o singolo proprietario. Se infatti si compra un'auto nuova, si può mantenere il vecchio numero di targa.

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

Standard[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 15/11/2010 era di solito presente una combinazione di tre lettere e tre cifre. Dal 16 novembre 2010 è stata introdotta una nuova numerazione, che inizia da 1-AAA-001 e termina con 7-ZZZ-999, per uniformare anche le targhe posteriori allo standard (sette caratteri) e alle dimensioni europee (520 × 110 mm anziché 340 × 110 mm). Cambia anche la tonalità del rosso dei caratteri, che diventa più scura per aumentarne il contrasto. Il poligrafico che stampa le targhe attualmente ne produce 1.500.000 pezzi all'anno, per permettere nel giro di un decennio di rimpiazzare completamente il vecchio sistema. Tutti coloro che cambiano auto sono infatti obbligati a passare al nuovo sistema, con un costo di 20 euro.[1]

Le lettere I, M, O, Q e W non erano utilizzate fino al 2000, anno a partire dal quale sono state aggiunte per aumentare il numero di combinazioni possibili. Invece non vengono tuttora assegnate le seguenti combinazioni di lettere:

  • AAP, AAS, AEL, ALA, ANE, ASS
  • BEB, BIT, BSP, BUB, BYT
  • CAP, CDF, CDH, CDV, CSP, CUB, CUL, CUT, CVP
  • DCD, DIK
  • FDF, FUC, FUK
  • GAT, GAY, GEK
  • KAK, KUL
  • LAF, LDD, LSP, LUL
  • MAS, MCC, MDP
  • SEX, SPA
  • ZAC, ZAK, ZAT

Lettera iniziale e categoria di veicoli corrispondente[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1° giugno 2013:

  • G Macchine agricole (bianco su rosso).

Dal 31 marzo 2014:

  • S Ciclomotori e veicoli elettrici con velocità non superiore a 45 km/h.

Dal 7 ottobre 2014:

  • M Motoveicoli
  • O Veicoli d'epoca
  • Q Rimorchi
  • T Taxi.

Dal 2 maggio 2016:

  • W (che sta per World): piastra provvisoria di transito (bianco su rosso)
  • X (che sta per Export): piastra provvisoria per esportazione di veicoli (bianco su rosso).

Dal 2017:

  • I Automezzi di dimensioni eccezionali
  • Y Targa professionale per il controllo tecnico di veicoli (verde su bianco)
  • Z Targa professionale per dimostrazioni commerciali (verde su bianco).

Targhe personalizzate[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di targa personalizzata

Le targhe personalizzate, il cui costo ammonta a 2000 euro, fino al 31 marzo 2014 si distinguevano per la cifra "9" all'inizio della sequenza alfanumerica, composta allo stesso modo delle targhe standard.
A partire dalla data sopra indicata è possibile avere cifre e lettere a piacere, anche senza il 9 iniziale, che però devono includere almeno una lettera. Sono escluse le combinazioni alfanumeriche che iniziano con "A", "E", "P" e "CD".
Il limite minimo di caratteri è uno, quello massimo otto.

Modelli particolari[modifica | modifica wikitesto]

Motoveicoli[modifica | modifica wikitesto]

Piastra di un motociclo con formato emesso fino al 7 ottobre 2014
Targa di un motociclo (formato terminato il 16/11/2010)

Le targhe dei motocicli, tricicli a motore e quadricicli sono su doppia linea: dal 7 ottobre 2014 in alto è posizionata la lettera M, seguita da un trattino ed altre tre lettere; in basso la banda blu precede un numero di tre cifre.
Fino alla data sopra specificata la "M" (prima lettera di tre cifre) era preceduta da una cifra compresa tra "1" e "7" e un trattino.
Le targhe precedenti al 16/11/2010 erano composte da tre lettere, la prima delle quali era M o (dal 2 giugno 2006) W, in alto e tre cifre in basso; i caratteri e il bordo erano neri, il fondo giallo.

Rimorchi[modifica | modifica wikitesto]

Targa di un rimorchio con formato emesso dal 16/11/2010 al 07/10/2014
Piastra di un rimorchio con formato terminato il 16/11/2010

Nelle targhe dei rimorchi la banda blu è seguita da una combinazione alfanumerica di sette caratteri, di colore rosso rubino su fondo bianco, del tipo Q-AAA-123.
Fino al 7 ottobre 2014 la prima lettera poteva essere Q o U, con combinazione che iniziava da 1-QAA-001 o 1-UAA-001. La cifra che prevedeva le lettere era compresa fra "1" e "7".
Anche le roulotte possono essere immatricolate con questo tipo di targa, purché siano assicurate ed abbiano un peso di almeno 750 kg; se è inferiore, viene applicata la stessa targa del veicolo trainante.
Fino al 16/11/2010 il blocco alfanumerico era composto da tre lettere e tre cifre nere su fondo bianco, del tipo QAA-123.

Veicoli d'epoca[modifica | modifica wikitesto]

Targa di un'auto d'epoca (formato emesso fino al 16/11/2010)

I veicoli d'epoca immatricolati da almeno 25 anni hanno combinazioni alfanumeriche comprese fra O-AAA-001 e O-ZZZ-999.
Dal 16/11/2010 al 07/10/2014 la combinazione riservata a questi veicoli era compresa tra 1-OAA-001 e 1-OZZ-999.
Anche prima del 16/11/2010 il blocco alfanumerico, del tipo OAA-123, iniziava con la lettera O.
Il colore dei caratteri in tutti questi formati è rosso come quello della targhe normali.

Ciclomotori[modifica | modifica wikitesto]

Dal 31 marzo 2014 sono state introdotte nuove piastre per ciclomotori, microcar e biciclette a motore. Alla sinistra è posizionata la lettera S, che sta per Scooter, seguita da altre tre lettere e tre cifre. La combinazione è su doppia linea ed inizia da S-AAA/001, dove la prima lettera dopo il trattino è "A", "B" o "U" a seconda della classe o categoria del veicolo.
Da ottobre 2016, in concomitanza con l'emissione di targhe di formato ridotto (inferiore a 100 × 120 mm), viene omesso il trattino dopo la prima lettera.

Mezzi pesanti di dimensioni eccezionali[modifica | modifica wikitesto]

Gli automezzi di lunghezza o larghezza eccezionale dal 2017 avranno targhe il cui primo carattere non è una cifra ma la lettera I, che precede la normale serie alfanumerica costituita da tre lettere e tre cifre (es.: I-AAA-123).

Taxi[modifica | modifica wikitesto]

Il formato e i colori sono identici a quelli delle targhe standard. Dal 7/10/2014 la prima lettera è una T; la seconda lettera (la prima dopo il trattino) è una X, con combinazioni che sono iniziate con T-XAA-001 e termineranno con T-XZZ-999.
Nei taxi immatricolati con targhe del formato precedente (16/11/2010 - 06/10/2014), il blocco alfanumerico era compreso tra 1-TXA-001 e 7-TXZ-999.

Veicoli a noleggio[modifica | modifica wikitesto]

Anche in questa categoria di veicoli il colore e il formato delle targhe non differiscono da quelli delle targhe normali. Dal 7/10/2014 la prima lettera è una T; la seconda lettera (la prima dopo il trattino) è una L, con combinazioni che sono iniziate con T-LAA-001 e termineranno con T-LZZ-999.
Nelle targhe del formato precedente (16/11/2010 - 06/10/2014) il blocco alfanumerico era compreso tra 1-TXA-001 e 7-TXZ-999, non si differenziava dunque dalla serie riservata ai taxi.

Macchine agricole[modifica | modifica wikitesto]

Il 1° giugno 2013 sono state introdotte nuove targhe per le macchine agricole. A partire da tale data questi veicoli hanno targhe rosse con lettere e cifre bianche. La banda blu dell'Unione Europea precede la lettera G, un trattino, tre lettere, la prima delle quali è una L (che sta per Landbouw, cioè "agricoltura" in olandese), un altro trattino e tre cifre, con combinazioni comprese tra G-LAA-001 e G-LZZ-999. Nelle piastre su doppia linea manca il secondo trattino; la banda blu e le cifre occupano la riga inferiore.

Mezzi dell'esercito[modifica | modifica wikitesto]

Piastra di un veicolo dell'esercito

Le targhe dei veicoli militari sono riconoscibili per la bandiera belga a sinistra che precede un numero di cinque cifre nere su fondo bianco. A volte tra la bandiera e le cifre è posizionata una lettera.
I motocicli hanno piastre su due linee: in alto sono impresse la bandiera e due cifre, in basso le altre tre cifre.
In qualità di supremo comandante militare delle Forze Armate, il Re utilizza vetture con la targa costituita solamente dal numero "1" rosso in campo bianco.

Targhe speciali per le alte cariche dello Stato e per le autorità locali[modifica | modifica wikitesto]

Anche queste piastre recano a sinistra la banda blu UE ed hanno le scritte di colore rosso rubino su fondo bianco.

Membri della Famiglia reale[modifica | modifica wikitesto]

Le vetture appartenenti alla famiglia reale hanno targhe composte da un numero di cifre variabile da una a tre.

Membri del Governo e del Parlamento[modifica | modifica wikitesto]

  • Le targhe dell'automobile del Presidente della Camera dei Deputati (A-1), del Primo Ministro (A-2), dei membri del Governo federale, dei Ministri dello Stato (da A-26), dei rappresentanti dell'alta magistratura (da A-100), dei governatori delle province (da A-130), dei rappresentanti dell'alto clero, del Segretario Generale e del Capo di Gabinetto del Governo federale sono composte da una A, un trattino ed un numero di cifre variabile da una a tre.
  • Le targhe dell'auto ufficiale del Presidente della Repubblica (P-1), dei membri del Senato e della Camera dei Deputati, del Presidente e dei membri del Parlamento Fiammingo o Vallone, del Presidente e dei membri del Parlamento della Regione di Bruxelles-Capitale, del Presidente e dei membri del Parlamento della comunità di lingua tedesca nonché dei deputati belgi del Parlamento Europeo sono composte da una P, un trattino ed un numero di cifre variabile da una a tre.

Autorità locali[modifica | modifica wikitesto]

Le targhe dei veicoli del Presidente, dei membri o staff dei governi di comunità o regioni sono composte da una E, un trattino ed un numero di cifre variabile da una a tre.

Targhe di transito[modifica | modifica wikitesto]

Ai cittadini stranieri o belgi che soggiornano temporaneamente in Belgio e che hanno bisogno di circolare con un veicolo senza targa estera, viene assegnata una targa provvisoria di transito di durata semestrale, con bordo e caratteri bianchi su fondo rosso. Dal 2 maggio 2016 la banda blu dell'Unione Europea è seguita da due lettere, la prima delle quali è una W, due cifre indicanti l'anno di scadenza della validità ed altre tre lettere (es.: WA-17-ABC).

La combinazione di lettere WM è riservata ai motocicli, WQ ai rimorchi e alle roulotte con peso non inferiore a 750 kg, WS ai ciclomotori e alle microcar.

Le targhe per immatricolazioni provvisorie del formato precedente al 02/05/2016, che sono ancora valide, avevano all'inizio del blocco alfanumerico la cifra "1", che precedeva un trattino ed altre sei cifre.
A destra erano applicati degli adesivi che indicavano, a caratteri ridotti, in basso l'anno e in alto il mese (es.: 01 = gennaio) di scadenza della validità. Se l'adesivo che riportava il mese era blu, il proprietario del veicolo aveva pagato tutte le tasse; se invece era di colore rosso, il veicolo era esentasse.
Le piastre provvisorie per motocicli, tricicli e quadricicli a motore avevano in alto la cifra 1, un trattino e tre cifre; in basso si trovavano la banda blu UE, l'anno e il mese di validità (non sempre presenti) ed altre tre cifre. I due gruppi di cifre erano allineati verticalmente.

Le targhe temporanee emesse fino al 16/11/2010 avevano come quelle attuali i caratteri bianchi su fondo rosso; mancavano la banda blu, la cifra "1" e il trattino. Gli adesivi indicanti il mese e l'anno di scadenza della validità erano applicati a sinistra ed erano seguiti da un numero di sei cifre.

Targhe per veicoli da importare o esportare[modifica | modifica wikitesto]

Anche le piastre per importazione o esportazione di veicoli si distinguono per il bordo e i caratteri bianchi su fondo rosso. Dal 2 maggio 2016 la banda blu UE è seguita da due lettere, la prima delle quali è una X, due cifre indicanti l'anno di validità, ed altre tre lettere (es.: XA-17-ABC). La durata massima di queste targhe è un mese.

La combinazione di lettere XM è riservata ai motocicli, XQ ai rimorchi e alle roulotte con peso non inferiore a 750 kg, XS ai ciclomotori e alle microcar.

Targhe professionali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2017 verranno emessi due tipi di piastre di prova, a caratteri verdi su fondo bianco. Il primo, riservato a proprietari di autofficine e garagisti, avrà a destra della banda blu la serie alfanumerica YA-17-ABC, per test car e veicoli da collaudare su strada. Nel secondo tipo, riservato a venditori e titolari di concessionarie per le dimostrazioni commerciali, la banda blu precederà il blocco alfanumerico ZA-17-ABC. Il numero di due cifre in entrambe le serie indica l'anno di validità (es.: 17 = 2017); la durata massima di queste targhe è un anno.
Dal 16/11/2010 le targhe-prova per concessionari, garagisti e venditori di veicoli hanno bordo e caratteri verdi. Sono composte dalla cifra "1", un trattino, tre lettere, un altro trattino e tre cifre. Sopra il secondo trattino si trova un rettangolo verde dove sono riportate, a caratteri bianchi, le ultime due cifre dell'anno di validità.

  • Nelle targhe-prova per motocicli, tricicli e quadricicli a motore la cifra 1 e le tre lettere sono posizionate sopra il gruppo di cifre. Il rettangolo è situato in basso, tra la banda blu e le cifre.
  • Le targhe di prova per rimorchi e roulotte con peso non inferiore a 750 kg iniziano con le lettere ZQ o ZU.
  • Le targhe di prova per motocicli iniziano con le lettere ZM o ZW.

Vecchio formato[modifica | modifica wikitesto]

Targa per commercianti emessa fino al 16/11/2010

Prima del 16/11/2010:

  • le targhe degli autoveicoli da collaudare su strada avevano come lettere iniziali ZX, ZY o ZZ seguite da un'altra lettera (tranne M, Q, U e W);
  • le targhe dei rimorchi da collaudare su strada avevano come lettere iniziali ZZ seguite da Q o U;
  • le targhe dei motocicli, tricicli e quadricicli a motore da collaudare su strada avevano come lettere iniziali ZZ seguite da M o W;
  • le targhe degli autoveicoli presso concessionari o garagisti avevano come lettera iniziale una Z seguita da un'altra lettera (tranne M, Q, U, W, X, Y e Z);
  • le targhe dei rimorchi presso concessionari o venditori di veicoli avevano come lettera iniziale una Z seguita da Q o U;
  • le targhe dei motocicli, tricicli e quadricicli a motore presso concessionari o garagisti avevano come lettera iniziale una Z seguita da M o W.

Anche nel vecchio formato queste targhe professionali avevano caratteri verdi su sfondo bianco ("targa verde"). Già dagli anni Novanta era possibile avere la banda blu sul lato sinistro.
Fino a pochi anni fa queste targhe erano a buon mercato, i commercianti ne avevano parecchie e le utilizzavano anche come "targhe normali" per amici e parenti, non essendo sottoposte alla normale tassazione. Da quando, però, le "targhe verdi" sono diventate molto più costose e sono stati rafforzati i controlli da parte delle forze di Polizia belghe, l'abuso è diminuito.

Corpo Diplomatico[modifica | modifica wikitesto]

Targa diplomatica con formato attuale
Targa diplomatica con formato emesso dal 1994 al 2008

Dal 16/11/2010 la combinazione delle targhe assegnate a veicoli del personale accreditato presso ambasciate o consolati o del personale tecnico-amministrativo senza status diplomatico consiste nella sigla CD preceduta dalla banda blu e seguita da un trattino, due lettere, un ulteriore trattino e un numero di tre cifre. Il colore e il formato sono gli stessi delle targhe normali.
Dal 1994 al 16/11/2010 le lettere del codice erano di colore verde chiaro, seguite da un trattino in basso, un'altra lettera ed un numero di tre cifre scritti in rosso. Esaurite tutte le combinazioni con CD.Z999, dalla primavera del 2008 è stata iniziata la nuova sequenza alfanumerica CD.001A.
Prima del 1994 anche le lettere "CD" erano rosse.

Immatricolazioni diplomatiche per periodi lunghi[modifica | modifica wikitesto]

Targa per immatricolazioni diplomatiche per periodi lunghi (emessa fino al 16/11/2010)

Il personale di Corpi diplomatici o consolari oppure di organizzazioni internazionali o militari privo di targhe diplomatiche apponeva sul proprio veicolo per l'intera durata del mandato una targa con fondo bianco e caratteri azzurri. Piastre di tale formato venivano emesse anche per personalità eminenti (tranne politici). La targa per immatricolazioni per periodi lunghi è generalmente conosciuta come piastra esentasse", dal momento che i relativi proprietari non dovevano pagare alcuna tassa. Essa era composta da sei cifre. A sinistra era posizionata in alto la banda blu UE, circondata da dodici stelle gialle; in basso si trovava la sigla automobilistica internazionale B di colore bianco. All'interno della corona di stelle, solo sulle targhe posteriori, erano impressi le prime tre lettere del mese e l'anno di scadenza della validità, in alcuni veicoli sostituiti dalla sigla dell'organizzazione internazionale.

Nelle targhe dei motocicli, tricicli a motore e quadricicli la combinazione era costituita da due gruppi di tre cifre disposti su doppia linea ed allineati verticalmente.

Organizzazioni intergovernative[modifica | modifica wikitesto]

Istituzioni dell'Unione Europea[modifica | modifica wikitesto]

Targa per veicoli del personale dell'Unione Europea (non più in uso dal 16/11/2010)

Le targhe per i veicoli del personale appartenente agli Organi dell'Unione Europea con sede in Belgio, prima del 7 ottobre 2014 avevano come cifra iniziale un "8". A partire da tale data non è più possibile distinguerle dalle piastre normali.

Fino al 16/11/2010 queste targhe avevano il bordo e i caratteri azzurri su fondo bianco; a sinistra, erano visibili le lettere EUR di dimensioni ridotte, circondate da dodici stelle gialle e seguite da un numero di quattro cifre.

Eurocontrol[modifica | modifica wikitesto]

Le targhe per i veicoli del personale appartenente agli Organi di Eurocontrol con sede in Belgio, prima del 7 ottobre 2014 avevano come cifra iniziale un "8". A partire da tale data non è più possibile distinguerle dalle targhe normali.

Fino al 16/11/2010 queste piastre avevano bordo e caratteri azzurri su fondo bianco; erano composte da tre cifre, un trattino in basso e le lettere EURO di dimensioni ridotte.

SHAPE e NATO[modifica | modifica wikitesto]

Le targhe riservate ai dipendenti dei Quartieri Generali della NATO (SHAPE) fino al 16/11/2010 si distinguevano per le scritte bianche su fondo rosso. Le ultime due cifre dell'anno, allineate in verticale a sinistra, erano seguite o meno frequentemente precedute dalle lettere SB (che stavano per SHAPE Belgium) e da un numero di tre o quattro cifre. La validità era di un anno, prorogabile.
Dal 1992 vennero emesse targhe simili, ma prive dell'indicazione dell'anno di validità e con la lettera M al posto della sigla SB.

Le targhe dei veicoli dei dipendenti della sede della NATO a Bruxelles emesse negli anni Ottanta erano simili a quelle belghe normali, ma erano composte dalle lettere VN (che stanno per Vehicle of NATO, per esempio: AVN-123, FVN 123...). Queste combinazioni non vennero più utilizzate dai primi anni Novanta per motivi di sicurezza.

I veicoli dei dipendenti non belgi o membri di diverse delegazioni nazionali o militari avevano, a seconda dello status, targhe diplomatiche oppure, fino al 6 ottobre 2014, un blocco alfanumerico che iniziava con il numero "8". Queste ultime, a partire dalla data sopra specificata, non sono più state emesse.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Targa posteriore standard (340 × 110 mm) con formato emesso dal 1973 al 2008

Le targhe emesse prima del 1951 non sono più valide né in circolazione. La prima piastra venne apposta su un veicolo nel 1899. Fino al 1911 le targhe belghe avevano lettere nere su fondo bianco. Vennero sostituite da un altro sistema in uso dal 1911 al 1919, con cifre bianche su fondo nero. Già dal 1911 gli enti governativi rilasciavano soltanto la targa posteriore, non quella anteriore (che era opzionale).

Dal 1919 al 1925 furono emesse targhe blu con cifre bianche. Dal 1925 al 1928 vennero prodotte piastre rosse composte da una lettera ed una o più cifre bianche. Nel 1928 furono introdotte targhe con scritte rosse su fondo bianco, come quelle odierne, con le seguenti serie alfanumeriche:

  • 1928-1951: una o più cifre;
  • 1951-1961: una lettera e quattro cifre, la lettera poteva essere posizionata ovunque: prima, dopo o tra le cifre (es.: A.1234, 1.A.234, 12.A.34, 123.A.4, 1234.A);
  • 1962-1971: due lettere e tre numeri, le due lettere potevano occupare qualsiasi posizione: prima, dopo o tra le cifre (es.: AB.123, 1.AB.23, 12.AB.3, 123.AB);
  • 1971-1973: una lettera seguita da tre cifre e un'altra lettera (A.123.B);
  • 1973-2008: tre lettere seguite da un trattino e tre cifre (ABC-123);
  • 25 giugno 2008 - 15 novembre 2010: tre cifre seguite da un trattino e tre lettere (123-ABC). La serie è terminata con 999-CFQ.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 999-CFQ is laatste Belgische nummerplaat - HLN.be

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti