Tancredi Turco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tancredi Turco
Tancredi Turco daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
- GRUPPO MISTO - componente: Alternativa Libera-Possibile (Dal 5/02/2015-attualmente)

In precedenza:

- Movimento 5 Stelle (Da inizio legislatura al 27/01/2015)

- GRUPPO MISTO (Dal 27/01/2015 al 5/02/2015)

Circoscrizione Veneto 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Indipendente (Dal 2015)

In precedenza:

Movimento 5 Stelle (2013-2015)

Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato penalista

Tancredi Turco (Negrar, 3 aprile 1975) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tancredi Turco è nato e vissuto da sempre a Verona.

Nel 1994 ha conseguito il diploma al liceo classico statale Scipione Maffei di Verona.

Nel 1999 si laurea in giurisprudenza all'Università di Trento, con indirizzo transnazionale e una tesi in Storia delle codificazioni moderne.

Dopo due anni di praticantato presso un avvocato e due presso un notaio, decide di intraprendere la professione forense e, dopo aver superato l'esame per l'abilitazione professionale, dal 01.03.2004 è iscritto all'Ordine degli Avvocati di Verona dove esercita in proprio la professione, principalmente occupandosi di diritto penale, con una particolare specializzazione nel ramo militare.

Come avvocato ha affrontato casi riguardanti reati anche piuttosto gravi quali: diffamazione, reati ambientali, bancarotta fraudolenta, spaccio di stupefacenti, rapina, estorsione, sino a quelli per pedofilia, sequestro di persona, stalking, violenza sessuale e strage.

Recentemente ha seguito l'ultimo processo ancora pendente, relativo ai reati commessi dai militari tedeschi in Italia durante la loro ritirata, sul finire della seconda guerra mondiale, (eccidio di Fragheto di Casteldelci, 6 e 8 aprile 1944, in cui furono uccisi almeno 47 civili, cittadini italiani, fra cui donne, anziani e bambini inermi).

È stato iscritto alle liste dei difensori d'ufficio presso l'Ordine degli Avvocati di Verona e a tutt'oggi resta iscritto alle liste del gratuito patrocinio.

Nel corso degli anni ha sviluppato un forte interesse per la politica locale e nazionale che lo ha portato a coltivare attivamente la sua passione politica, dapprima candidandosi nelle elezioni amministrative e successivamente alle elezioni politiche del febbraio 2013.

Deputato in Parlamento[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione VII Veneto 1 per il Movimento 5 Stelle.

Dal 7 maggio 2013 è componente della seconda commissione (giustizia) mentre dal giorno successivo è membro anche del Comitato per la Legislazione.

Dal 24 luglio 2013 è componente del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa e dal 26 giugno 2013 è membro del Consiglio di giurisdizione.

Il 26 gennaio 2015 ha annunciato assieme ad altri 8 deputati e 1 senatore la fuoriuscita dal Movimento 5 Stelle[1]. Il giorno successivo, assieme ad altri 9 parlamentari appartenenti al Movimento 5 Stelle, costituisce il nuovo gruppo Alternativa Libera.

Nel corso della sua attività politica si è occupato di vari temi che rivestono particolare interesse anche sotto il profilo dell'attualità.

Nella sua attività politica persegue il riconoscimento nell'ordinamento giuridico italiano di una più piena bigenitorialità al fine di sottolineare l'importanza della tutela dei diritti di tutte le parti, soprattutto dei minori, nelle coppie che decidono di lasciarsi.

Si è impegnato nelle battaglie per favorire l'adozione di condizioni più umane nelle sovraffollate carceri italiane, al fine di consentire che la pena detentiva per i detenuti, già di per sè punitiva, sia improntata ai fini rieducativi costituzionalmente garantiti.

Fa parte dell'Intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis, poiché convinto che una forma di regolarizzazione del consumo potrebbe conseguire un notevole risparmio di spesa per lo Stato, venendo parallelamente a togliere ingenti profitti alle organizzazioni criminali che si occupano del traffico internazionale di stupefacenti.

Durante l'attività parlamentare ha presentato 20 disegni di legge e 504 emendamenti come primo firmatario, e 88 disegni di legge e 3096 emendamenti come co-firmatario, oltre a numerose interpellanze e interrogazioni.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Movimento 5 Stelle, Rizzetto a capo dei ribelli: «Da oggi gruppo misto», Giornalettismo, 27 gennaio 2015. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  2. ^ Proposte di legge - Tancredi Turco

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]