Circoscrizione Veneto 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la circoscrizione che dal 1993 al 2017 comprendeva le province di Venezia, Treviso e Belluno, vedi Circoscrizione Veneto 1.
Veneto 2
circoscrizione elettorale
StatoItalia Italia
CapoluogoVerona
Elezioni perCamera dei deputati
ElettiDeputati
Istituzione1993
Periodo 1993-2005
Tipologiaa collegi uninominali e collegio plurinominale
Numero eletti29
Periodo 2005-2017
Tipologiadi lista
Numero eletti
  • 30 (dal 2005 al 2011)
  • 31 (dal 2011 al 2017)
Periodo 2017-
Tipologiaa collegi uninominali e plurinominali
Numero eletti30
Territorio
Collegi elettorali 2018 - Camera circoscrizioni - Veneto 2.svg

La circoscrizione Veneto 2 è una circoscrizione elettorale italiana istituita con la legge 4 agosto 1993, n. 277 (legge Mattarella) con il nome originario circoscrizione VII Veneto 1, confermata nella legge 21 dicembre 2005, n. 270 (legge Calderoli) e nella successiva legge 3 novembre 2017, n. 165 (Rosatellum), con la quale ha assunto la nuova denominazione Veneto 2.[1]

La circoscrizione comprende geograficamente la parte più occidentale della regione Veneto e sostituisce, ai fini dell'elezione della Camera, la precedente circoscrizione Verona-Padova-Vicenza-Rovigo (o collegio di Verona), in vigore dalle elezioni del 1946 a quelle del 1992. Con la Legge Mattarella la circoscrizione ha eletto 29 deputati. Con l'introduzione della Legge Calderoli il numero dei deputati è salito a 30 e a seguito del censimento 2011, la circoscrizione ha guadagnato un ulteriore seggio arrivando ad eleggere quindi 31 deputati.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio della circoscrizione coincide con le province di Verona, Padova, Vicenza e Rovigo per un totale di 373 comuni, una superficie di 9.775 km² ed una popolazione di 2.943.164 abitanti[2].

1994-2001[modifica | modifica wikitesto]

Con la legge elettorale Mattarella, alla circoscrizione originariamente identificata come Veneto 1 spettavano 29 seggi, di cui 22 eletti con collegi uninominali a turno unico e 7 eletti con sistema proporzionale.

L'attribuzione dei primi 22 seggi avveniva in base ad un sistema maggioritario a turno unico plurality: veniva eletto parlamentare il candidato che avesse riportato la maggioranza relativa dei suffragi nel collegio. I rimanenti 7 seggi erano invece assegnati con un metodo proporzionale. Pertanto l'elettore godeva di una scheda elettorale separata per l'attribuzione dei seggi residui, a cui accedevano solo i partiti che avessero superato la soglia di sbarramento nazionale del 4%. Il calcolo dei seggi spettanti a ciascuna lista veniva effettuata nel collegio unico nazionale mediante il metodo Hare dei quozienti naturali e dei più alti resti; tali seggi venivano poi ripartiti, in ragione delle percentuali delle singole liste a livello locale, fra le 26 circoscrizioni plurinominali in cui era suddiviso il territorio nazionale, e all'interno delle quali i singoli candidati - che potevano corrispondere a quelli presentatisi nei collegi uninominali - venivano proposti in un sistema di liste bloccate senza possibilità di preferenze. Il meccanismo era però integrato dal metodo dello scorporo, volto a dar compensazione ai partiti minori fortemente danneggiati dall'uninominale: successivamente alla determinazione della soglia di sbarramento, ma antecedentemente al riparto dei seggi, alle singole liste venivano decurtati tanti voti quanti ne erano serviti a far eleggere i vincitori nell'uninominale - cioè i voti del secondo classificato più uno - i quali erano obbligati a collegarsi ad una lista circoscrizionale.

Collegi uninominali[modifica | modifica wikitesto]

Collegio Territorio
1. Verona Ovest Parte occidentale e meridionale di Verona Collegio elettorale di Verona Ovest 1994-2001 (CD).png
2. Verona Est Centro e parte orientale di Verona Collegio elettorale di Verona Est 1994-2001 (CD).png
3. Bussolengo Affi, Bardolino, Brenzone, Bussolengo, Brentino Belluno, Caprino Veronese, Castelnuovo del Garda, Cavaion Veronese, Costermano, Dolcè, Ferrara di Monte Baldo, Garda, Lazise, Malcesine, Pastrengo, Pescantina, Peschiera del Garda, Rivoli Veronese, Sant'Ambrogio di Valpolicella, San Zeno di Montagna, Sona e Torri del Benaco Collegio elettorale di Bussolengo 1994-2001 (CD).png
4. San Martino Buon Albergo Badia Calavena, Bosco Chiesanuova, Cazzano di Tramigna, Cerro Veronese, Erbezzo, Fumane, Grezzana, Illasi, Lavagno, Marano di Valpolicella, Mezzane di Sotto, Montecchia di Crosara, Monteforte d'Alpone, Negrar, Roncà, Roverè Veronese, San Giovanni Ilarione, San Martino Buon Albergo, San Mauro di Saline, San Pietro in Cariano, Sant'Anna d'Alfaedo, Selva di Progno, Soave, Tregnago, Velo Veronese, Vestenanova Collegio elettorale di San Martino Buon Albergo 1994-2001 (CD).png
5. San Giovanni Lupatoto Albaredo d'Adige, Arcole, Belfiore, Buttapietra, Caldiero, Cologna Veneta, Colognola ai Colli, Isola Rizza, Oppeano, Palù, Pressana, Ronco all'Adige, Roveredo di Guà, San Bonifacio, San Giovanni Lupatoto, Veronella, Zevio, Zimella Collegio elettorale di San Giovanni Lupatoto 1994-2001 (CD).png
6. Villafranca di Verona Bovolone, Castel d'Azzano, Concamarise, Erbè, Isola della Scala, Mozzecane, Nogarole Rocca, Povegliano Veronese, Salizzole, Sommacampagna, Trevenzuolo, Valeggio sul Mincio, Vigasio, Villafranca di Verona Collegio elettorale di Villafranca di Verona 1994-2001 (CD).png
7. Legnago Angiari, Bergantino, Bevilacqua, Bonavigo, Boschi Sant'Anna, Casaleone, Castagnaro, Castelmassa, Castelnovo Bariano, Cerea, Gazzo Veronese, Legnago, Melara, Minerbe, Nogara, Roverchiara, San Pietro di Morubio, Sanguinetto, Sorgà, Terrazzo, Villa Bartolomea Collegio elettorale di Legnago 1994-2001 (CD).png
8. Vicenza Costabissara, Isola Vicentina, Monticello Conte Otto, Vicenza Collegio elettorale di Vicenza 1994-2001 (CD).png
9. Bassano del Grappa Bassano del Grappa, Campolongo sul Brenta, Cartigliano, Cassola, Cismon del Grappa, Marostica, Mussolente, Nove, Pianezze, Pove del Grappa, Romano d'Ezzelino, Rosà, Rossano Veneto, San Nazario, Solagna, Tezze sul Brenta, Valstagna Collegio elettorale di Bassano del Grappa 1994-2001 (CD).png
10. Thiene Arsiero, Asiago, Breganze, Caltrano, Calvene, Carrè, Chiuppano, Cogollo del Cengio, Conco, Enego, Fara Vicentino, Foza, Gallio, Laghi, Lastebasse, Lugo di Vicenza, Lusiana, Marano Vicentino, Mason Vicentino, Molvena, Montecchio Precalcino, Pedemonte, Piovene Rocchette, Posina, Roana, Rotzo, Salcedo, Sarcedo, Schiavon, Thiene, Tonezza del Cimone, Valdastico, Velo d'Astico, Villaverla, Zanè, Zugliano Collegio elettorale di Thiene 1994-2001 (CD).png
11. Arzignano Alonte, Altavilla Vicentina, Altissimo, Arzignano, Brendola, Chiampo, Creazzo, Crespadoro, Gambellara, Gambugliano, Grancona, Lonigo, Montebello Vicentino, Montecchio Maggiore, Monteviale, Montorso Vicentino, Nogarole Vicentino, Orgiano, San Germano dei Berici, San Pietro Mussolino, Sarego, Sovizzo, Zermeghedo Collegio elettorale di Arzignano 1994-2001 (CD).png
12. Schio Brogliano, Castelgomberto, Cornedo Vicentino, Malo, Monte di Malo, Recoaro Terme, San Vito di Leguzzano, Santorso, Schio, Torrebelvicino, Trissino, Valdagno, Valli del Pasubio Collegio elettorale di Schio 1994-2001 (CD).png
13. Dueville Agugliaro, Albettone, Arcugnano, Asigliano Veneto, Barbarano Vicentino, Bolzano Vicentino, Bressanvido, Caldogno, Camisano Vicentino, Campiglia dei Berici, Castegnero, Dueville, Grisignano di Zocco, Grumolo delle Abbadesse, Longare, Montegalda, Montegaldella, Mossano, Nanto, Noventa Vicentina, Pojana Maggiore, Pozzoleone, Quinto Vicentino, Sandrigo, Sossano, Torri di Quartesolo, Villaga, Zovencedo Collegio elettorale di Dueville 1994-2001 (CD).png
14. Padova - Selvazzano Dentro Parte di Padova, Rubano, Selvazzano Dentro Collegio elettorale di Padova-Selvazzano Dentro 1994-2001 (CD).png
15. Padova centro storico Parte di Padova Collegio elettorale di Padova-Centro 1994-2001 (CD).png
16. Este Baone, Barbona, Carceri, Casale di Scodosia, Castelbaldo, Este, Granze, Masi, Megliadino San Fidenzio, Megliadino San Vitale, Merlara, Monselice, Montagnana, Ospedaletto Euganeo, Pernumia, Piacenza d'Adige, Ponso, Pozzonovo, Saletto, San Pietro Viminario, Santa Margherita d'Adige, Sant'Elena, Sant'Urbano, Solesino, Stanghella, Urbana, Vescovana, Vighizzolo d'Este, Villa Estense Collegio elettorale di Este 1994-2001 (CD).png
17. Piove di Sacco Agna, Anguillara Veneta, Arre, Arzergrande, Bagnoli di Sopra, Boara Pisani, Bovolenta, Brugine, Candiana, Cartura, Codevigo, Conselve, Correzzola, Legnaro, Piove di Sacco, Polverara, Ponte San Nicolò, Pontelongo, Sant'Angelo di Piove di Sacco, Saonara, Terrassa Padovana, Tribano Collegio elettorale di Piove di Sacco 1994-2001 (CD).png
18. Albignasego Abano Terme, Albignasego, Arquà Petrarca, Battaglia Terme, Casalserugo, Cervarese Santa Croce, Cinto Euganeo, Due Carrare, Galzignano Terme, Lozzo Atestino, Maserà di Padova, Montegrotto Terme, Rovolon, Saccolongo, Teolo, Torreglia, Vo' Collegio elettorale di Albignasego 1994-2001 (CD).png
19. Cittadella Campo San Martino, Campodoro, Carmignano di Brenta, Cittadella, Curtarolo, Fontaniva, Galliera Veneta, Gazzo, Grantorto, Limena, Mestrino, Piazzola sul Brenta, San Giorgio in Bosco, San Martino di Lupari, San Pietro in Gu, Tombolo, Veggiano, Villafranca Padovana Collegio elettorale di Cittadella 1994-2001 (CD).png
20. Vigonza Borgoricco, Cadoneghe, Campodarsego, Camposampiero, Loreggia, Massanzago, Noventa Padovana, Piombino Dese, San Giorgio delle Pertiche, Santa Giustina in Colle, Trebaseleghe, Vigodarzere, Vigonza, Villa del Conte, Villanova di Camposampiero Collegio elettorale di Vigonza 1994-2001 (CD).png
21. Rovigo Badia Polesine, Bagnolo di Po, Calto, Canda, Castelguglielmo, Ceneselli, Costa di Rovigo, Ficarolo, Fiesso Umbertiano, Fratta Polesine, Gaiba, Giacciano con Baruchella, Lendinara, Lusia, Pincara, Rovigo, Salara, San Bellino, Stienta, Trecenta, Villanova del Ghebbo Collegio elettorale di Rovigo 1994-2001 (CD).png
22. Adria Adria, Ariano nel Polesine, Arquà Polesine, Bosaro, Canaro, Ceregnano, Corbola, Crespino, Frassinelle Polesine, Gavello, Guarda Veneta, Loreo, Occhiobello, Papozze, Pettorazza Grimani, Polesella, Pontecchio Polesine, Porto Tolle, Porto Viro, Rosolina, San Martino di Venezze, Taglio di Po, Villadose, Villamarzana, Villanova Marchesana Collegio elettorale di Adria 1994-2001 (CD).png

Elezioni politiche del 1994[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche italiane del 1994.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Coalizioni Liste Proporzionale Maggioritario
Voti % Seggi Voti % Seggi
Polo delle Libertà Forza Italia 445.576 23,19 1 920.716 48,12 22
Lega Nord 399.481 20,80 1
Progressisti Partito Democratico della Sinistra 208.083 10,83 1 395.313 20,70 -
Rifondazione Comunista 75.396 3,92 1
Federazione dei Verdi 66.290 3,45 -
Alleanza Democratica 25.288 1,32 -
Partito Socialista Italiano 24.359 1,27 -
Patto per l'Italia Partito Popolare Italiano 290.720 15,13 2 389.752 20,41 -
Patto Segni 151.420 7,88 1
Alleanza Nazionale 160.079 8,33 1 163.929 8,58 -
Lega Autonomia Veneta 54.962 2,86 - 21.595 1,13 -
Iniziativa dei Popolari Democratici 11.247 0,59 - 13.255 0,69 -
Partito della Legge Naturale 8.119 0,42 - 5.109 0,27 -
Totale 1.921.020 8 1.909.669 22

Eletti[modifica | modifica wikitesto]

Parte proporzionale[modifica | modifica wikitesto]
Forza Italia Lega Nord Partito Popolare Italiano Partito Democratico della Sinistra Alleanza Nazionale Patto Segni Rifondazione Comunista
Parte maggioritaria[modifica | modifica wikitesto]

     Eletti nel Polo delle Libertà (FI -LN)

Collegio Deputato Partito
Verona Ovest Alfredo Meocci CCD (FI)
Verona Est Enzo Flego LN
Bussolengo Ettore Peretti CCD (FI)
San Martino Buon Albergo Mauro Bonato LN
San Giovanni Lupatoto Stefano Signorini LN
Villafranca di Verona Antonio Piva FI
Legnago Danilo Montanari LN
Vicenza Enrico Hüllweck LN
Bassano del Grappa Antonio Magnabosco LN
Thiene Romano Filippi LN
Arzignano Alberto Lembo LN
Schio Mario Bortoloso FI
Dueville Antonio Pasinato CCD (FI)
Padova-Selvazzano Dentro Emma Bonino[b] LMP (FI)
Padova-Centro Storico Mariella Mazzetto LN
Este Giorgio Vido LN
Piove di Sacco Vittorio Aliprandi LN
Albignasego Riccardo Perale FI
Cittadella Flavio Rodeghiero LN
Vigonza Peppino Calderisi LMP (FI)
Rovigo Vanni Tonizzo LN
Adria Luca Azzano Cantarutti LN
  1. ^ Il 22 giugno 1995 si dimette optando per la carica di Presidente della Regione Veneto. Gli subentra Ombretta Colli.
  2. ^ Il 24 gennaio 1995 si dimette. Le subentra l'11 aprile 1995 Giovanni Saonara, in seguito a elezioni suppletive come candidato del'alleanza di centro-sinistra Federalismo e Democrazia.

Elezioni politiche del 1996[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche italiane del 1996.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Coalizioni Liste Proporzionale Maggioritario
Voti % Seggi Voti % Seggi
Polo per le Libertà Forza Italia 307.955 16,24 1 624.081 33,16 6
Alleanza Nazionale 246.532 13,00 1
CCD-CDU 111.857 5,90 1
L'Ulivo -
Lega Autonomia Veneta
Partito Democratico della Sinistra 208.697 11,00 1 594.804 31,60 8
Popolari per Prodi 171.491 9,04 1
Rinnovamento Italiano 95.847 5,05 -
Federazione dei Verdi 42.840 2,86 -
Lega Nord 510.175 26,90 2 598.736 31,81 8
Progressisti Rifondazione Comunista 88.163 4,65 1 30.061 1,60 -
Unione Nord Est 63.934 3,37 - 9.669 0,51 -
Lista Pannella-Sgarbi 29.942 1,58 - 2.030 0,11 -
Fiamma Tricolore 9.780 0,52 - 4.459 0,24 -
Mani Pulite 9.490 0,50 - 11.605 0,62 -
Solidarietà Veneta N.D. 2.655 0,14 -
Lega Italiana Federalista N.D. 2.268 0,12 -
Partito Federalista N.D. 1.744 0,09 -
Totale 1.896.703 8 1.882.112 22

Eletti[modifica | modifica wikitesto]

Parte proporzionale[modifica | modifica wikitesto]
Lega Nord Forza Italia Alleanza Nazionale Partito Democratico della Sinistra Popolari per Prodi CCD-CDU Rinnovamento Italiano Rifondazione Comunista
Parte maggioritaria[modifica | modifica wikitesto]

     Eletti nel Polo per le Libertà (FI - AN - CCD-CDU)

     Eletti nella Lega Nord

     Eletti nell'Ulivo (PDS - P-S-P-U-P - RI - FdV)

Collegio Deputato Partito
Verona Ovest Pieralfonso Fratta Pasini FI
Verona Est Alberto Giorgetti AN
Bussolengo Ettore Peretti CCD (CCD-CDU)
San Martino Buon Albergo Luca Bagliani LN
San Giovanni Lupatoto Stefano Signorini LN
Villafranca di Verona Antonio Piva FI
Legnago Aventino Frau FI
Vicenza Tiziano Treu RI
Bassano del Grappa Fiorenzo Dalla Rosa LN
Thiene Daniele Apolloni LN
Arzignano Alberto Lembo LN
Schio Carlo Fongaro LN
Dueville Luigino Vascon LN
Padova-Selvazzano Dentro Gianantonio Mazzocchin Patto Segni (RI)
Padova-Centro Storico Piero Ruzzante PDS
Este Sergio Manzato PDS
Piove di Sacco Giovanni Saonara PPI (Popolari per Prodi)
Albignasego Luisa Debiasio Calimani PDS
Cittadella Flavio Rodeghiero LN
Vigonza Dino Scantamburlo PPI (Popolari per Prodi)
Rovigo Gabriele Frigato PPI (Popolari per Prodi)
Adria Demetrio Errigo FI
  1. ^ IL 29 marzo 1997 il deputato Pasetto è deceduto, gli subentra il 2 aprile 1997 Filippo Ascierto.

Elezioni politiche del 2001[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche italiane del 2001.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Coalizioni Liste Proporzionale Maggioritario
Voti % Seggi Voti % Seggi
Casa delle Libertà Forza Italia 618.806 33,47 3 888.533 47,95 20
Lega Nord 178.601 9,66 -
Alleanza Nazionale 166.295 8,99 1
CCD-CDU 61.191 3,31 -
Nuovo PSI 15.021 0,81 -
L'Ulivo La Margherita 267.076 14,45 2 635.681 34,31 2
Democratici di Sinistra 189.045 10,23 1
Il Girasole 39.524 2,14 -
Comunisti Italiani 20.599 1,11 -
Italia dei Valori 83.767 4,53 - 84.501 4,56 -
Rifondazione Comunista 63.622 3,44 1 N.D.
Lista Emma Bonino 48.363 2,62 - 24.745 1,34 -
Liga Fronte Veneto 44.173 2,39 - 112.219 6,06 -
Democrazia Europea 41.001 2,22 - 74.725 4,03 -
Forza Nuova 10.048 0,54 - 6.294 0,34 -
Abolizione Scorporo 1.631 0,09 - N.D.
La Bassa in Parlamento N.D. 26.151 1,41 -
Totale 1.848.763 8 1.852.849 22

Eletti[modifica | modifica wikitesto]

Parte proporzionale[modifica | modifica wikitesto]
Forza Italia La Margherita Democratici di Sinistra Alleanza Nazionale Rifondazione Comunista
Parte maggioritaria[modifica | modifica wikitesto]

     Eletti nella Casa delle Libertà (FI - AN - LN - CCD-CDU)

     Eletti nell'Ulivo (DS - DL - Girasole - PdCI)

Collegio Deputato Partito
Verona Ovest Pieralfonso Fratta Pasini FI
Verona Est Alberto Giorgetti AN
Bussolengo Aldo Brancher FI
San Martino Buon Albergo Ettore Peretti CCD (CCD-CDU)
San Giovanni Lupatoto Francesca Martini LN
Villafranca di Verona Federico Bricolo LN
Legnago Anna Maria Leone CDU (CCD-CDU)
Vicenza Stefano Stefani LN
Bassano del Grappa Giovanni Didonè LN
Thiene Pierantonio Zanettin FI
Arzignano Andrea Orsini FI
Schio Giorgio Conte AN
Dueville Luigino Vascon LN
Padova-Selvazzano Dentro Maurizio Saia AN
Padova-Centro Storico Piero Ruzzante DS
Este Niccolò Ghedini FI
Piove di Sacco Filippo Ascierto AN
Albignasego Lorena Milanato FI
Cittadella Flavio Rodeghiero LN
Vigonza Marino Zorzato FI
Rovigo Luca Bellotti AN
Adria Franco Grotto SDI (Girasole)

2006-2018[modifica | modifica wikitesto]

Con la legge elettorale Calderoli, alla circoscrizione Veneto 2 spettano 31 seggi eletti con sistema proporzionale.

Nel 2006 e nel 2008 la circoscrizione ha eletto 30 deputati ma a seguito del censimento del 2011 la circoscrizione ha guadagnato un rappresentante arrivando ad eleggere 31 deputati dal 2013.

Il sistema di assegnazione dei seggi avviene a seguito della attribuzione, nel collegio elettorale unico (escluso quindi la Circoscrizione Estero), di un premio di maggioranza di 340 seggi alla coalizione vincente a livello nazionale (con soglie di sbarramento, limitazioni ecc.) e la successiva suddivisione dei seggi guadagnati da ogni lista fra le varie circoscrizioni, in proporzione ai voti ottenuti da ogni lista locale.

Nel compiere tale riparto, essendo fisso ed immutabile il numero totale di seggi assegnati ad ogni lista, può verificarsi la necessità di variare il numero di seggi originariamente attribuiti alle singole circoscrizioni elettorali.

Legislatura Coalizione Partiti
XV Legislatura L'Unione Democratici di Sinistra (DS), L'Ulivo, Democrazia è Libertà - La Margherita (DL), Rifondazione Comunista (PRC), Insieme con L'Unione, Italia dei Valori (IdV), Popolari UDEUR, Rosa nel Pugno (RnP)
Casa delle Libertà Forza Italia (FI), Alleanza Nazionale (AN), Unione di Centro (UdC), Lega Nord (LN)
XVI Legislatura Centro-destra Il Popolo della Libertà (PdL), Lega Nord (LN), Movimento per l'Autonomia (MpA)
Centro-sinistra Partito Democratico (PD), Italia dei Valori (IdV), Autonomie Liberté Démocratie (ALD)
Unione di Centro (UdC)
Südtiroler Volkspartei (SVP)
XVII Legislatura Italia. Bene Comune Partito Democratico (PD), Sinistra Ecologia Libertà (SEL), Centro Democratico (CD), Südtiroler Volkspartei (SVP)
Centro-destra Il Popolo della Libertà (PdL), Lega Nord (LN), Fratelli d'Italia (FdI)
Movimento 5 Stelle (M5S)
Con Monti per l'Italia Scelta Civica (SC), Unione di Centro (UdC), Futuro e Libertà per l'Italia (FLI)

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

XV legislatura[modifica | modifica wikitesto]

totale percentuale (%)
Elettori 2.216.091  
Votanti 1.965.710 88,70 (su n. elettori)
Voti validi 1.921.286 97,7 (su n. votanti)
Voti non validi 44.424 2,3 (su n. votanti)
di cui schede bianche 19.004 1,0 (su n. votanti)
Leader Lista Voti (%) Voti Seggi Differenza (%)
Silvio Berlusconi
Forza Italia 24,47 470.189 7 Diminuzione9,0
Alleanza Nazionale 11,94 229.367 3 Aumento2,95
Lega Nord 11,56 222.168 3 Aumento1,90
Unione di Centro 8,54 164.172 3 Aumento3,01[3]
Alternativa Sociale 0,67 12.884 - -
Movimento Sociale Fiamma Tricolore 0,54 10.348 - -
DCA-Nuovo PSI 0,40 7.618 - -
Altri di Centrodestra 0,64 12.226 - -
Totale coalizione 58,76 1.128.972 16
Romano Prodi
L'Ulivo 26,13 501.999 9 Aumento1,45[4]
Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra Europea 3,42 65.629 1 Diminuzione0,02
Italia dei Valori 2,10 40.252 1 Diminuzione2,43
Rosa nel Pugno 2,05 39.340 1 -
Federazione dei Verdi 1,68 32.303 1 Diminuzione0,46
Partito dei Comunisti Italiani 1,36 26.182 - Aumento0,25
Liga Fronte Veneto 0,78 14.927 - Diminuzione1,61
Partito Pensionati 0,64 12.369 - -
Popolari UDEUR 0,55 10.494 - -
Socialisti Uniti - PSI 0,20 3.801 - -
Totale coalizione 38,90 747.296 13
Giorgio Panto
Progetto NordEst 1,97 37.837 - -
Altri
Altre liste 0,38 7.181 - -
Totale[5] 100,00 1.921.286 29

XVI legislatura[modifica | modifica wikitesto]

totale percentuale (%)
Elettori 2.222.833  
Votanti 1.908.902 85,88 (su n. elettori)
Voti validi 1.858.964 97,4 (su n. votanti)
Voti non validi 49.938 2,6 (su n. votanti)
di cui schede bianche 15.431 0,8 (su n. votanti)
Leader Lista Voti (%) Voti Seggi Differenza (%)
Silvio Berlusconi
Lega Nord 28,16 523.568 10 Aumento16,60
Il Popolo della Libertà 27,07 503.276 9 Diminuzione10,41[6]
Totale coalizione 55,24 1.026.844 19
Walter Veltroni
Partito Democratico 25,58 475.546 8 Diminuzione0,55
Italia dei Valori 3,91 72.749 1 Aumento1,81
Totale coalizione 29,49 548.295 9
Pier Ferdinando Casini
Unione di Centro 5,96 110.800 2 Diminuzione2,58
Fausto Bertinotti
La Sinistra l'Arcobaleno 2,00 37.146 - Diminuzione4,46[7]
Daniela Santanchè
La Destra - Fiamma Tricolore 1,98 36.742 - -
Giorgio Vido
Liga Veneta Repubblica 1,69 31.353 - Aumento0,91
Giuliano Ferrara
Associazione difesa della vita. Aborto? No grazie 0,60 11.086 - -
Renzo Rabellino
Lista dei Grilli Parlanti 0,59 10.945 - -
Enrico Boselli
Partito Socialista Italiano 0,48 8.895 - -
Marco Ferrando
Partito Comunista dei Lavoratori 0,37 6.932 - -
Roberto Fiore
Forza Nuova 0,40 7.357 - -
Flavia D'Angeli
Sinistra Critica 0,35 6.583 - -
Stefano Montanari
Per il Bene Comune 0,35 6.516 - -
Altri
Altre liste 0,51 9.470 - -
Totale[8] 100,00 1.858.964 30

XVII legislatura[modifica | modifica wikitesto]

totale percentuale (%)
Elettori 2.228.577  
Votanti 1.843.145 82,70 (su n. elettori)
Voti validi 1.787.030 97,0 (su n. votanti)
Voti non validi 56.088 3,0 (su n. votanti)
di cui schede bianche 14.704 0,8 (su n. votanti)
Leader Lista Voti (%) Voti Seggi Differenza (%)
Silvio Berlusconi
Il Popolo della Libertà 19,28 344.643 5 Diminuzione7,79
Lega Nord 10,85 194.025 3 Diminuzione17,31
Fratelli d'Italia 1,67 29.945 - -
Partito Pensionati 0,80 14.474 - -
La Destra 0,35 6.386 - Diminuzione1,63
Moderati in Rivoluzione 0,17 3.179 - -
Totale coalizione 33,16 592.652 8
Beppe Grillo
Movimento 5 Stelle 25,63 458.085 6 -
Pier Luigi Bersani
Partito Democratico 20,35 363.763 13 Diminuzione5,23
Sinistra Ecologia Libertà 1,67 29.950 1 -
Centro Democratico 0,18 3.393 - -
Totale coalizione 22,22 397.106 14
Mario Monti
Scelta Civica 9,99 178.618 2 -
Unione di Centro 1,66 29.681 1 Diminuzione4,30
Futuro e Libertà per l'Italia 0,26 4.736 - -
Totale coalizione 11,92 213.035 3 -
Oscar Giannino
Fare per Fermare il Declino 2,36 42.245 - -
Antonio Ingroia
Rivoluzione Civile 1,29 23.175 - -
Lodovico Pizzati
Indipendenza Veneta 0,96 17.243 - -
Fabrizio Comencini
Liga Veneta Repubblica 0,88 15.838 - Diminuzione0,81
Roberto Fiore
Forza Nuova 0,43 7.786 - -
Antonio Guadagnini
Veneto Stato 0,38 6.837 - -
Magdi Allam
Io amo l'Italia 0,33 6.028 - -
Altri
Altre liste 0,38 7.000 - -
Totale[9] 100,00 1.787.030 31

Eletti[modifica | modifica wikitesto]

2006 2008 2013
Antonio Borghesi (IdV) Alessandro Zan (SEL)
Sandro Gozi (L'Ulivo) Gian Pietro Dal Moro (PD)
Fabio Baratella (L'Ulivo) Federica Mogherini (PD) Filippo Crimì (PD)
Federico Testa (L'Ulivo/PD) Davide Zoggia (PD)
Giampaolo Fogliardi (L'Ulivo/PD) Diego Zardini (PD)
Andrea Colasio (L'Ulivo) Anna Margherita Miotto (PD)
Alessandro Naccarato (L'Ulivo/PD)
Osvalda Trupia (L'Ulivo) Massimo Calearo Ciman (PD) Alessia Rotta (PD)
Gabriele Frigato (L'Ulivo) Daniela Sbrollini (PD) Vincenzo D'Arienzo (PD)
Laura Fincato (L'Ulivo) Roberto Rao (UdC) Daniela Sbrollini (PD)
Luana Zanella (Verdi) Antonio De Poli (UdC) Diego Crivellari (PD)
Gino Sperandio (PRC)[a] Stefano Stefani (LN) Federico Ginato (PD)
Giovanni Crema (RnP) Manuela Dal Lago (LN) Alessandra Moretti (PD)[b]
Leonardo Martinello (UDC) Francesca Martini (LN) Francesca Businarolo (M5S)
Ettore Peretti (UDC) Massimo Bitonci (LN) Silvia Benedetti (M5S)
Luigi D'Agrò (UDC) Alessandro Montagnoli (LN) Gessica Rostellato (M5S)
Federico Bricolo (LN-MpA) Matteo Bragantini (LN) Marco Brugnerotto (M5S)
Paola Goisis (LN-MpA) Mattia Fantinati (M5S)
Alberto Filippi (LN-MpA) Manuela Lanzarin (LN) Tancredi Turco (M5S)
Pieralfonso Fratta Pasini (FI) Emanuela Munerato (LN) Stefano Quintarelli (SC)
Giuseppe Fini (FI) Giovanna Negro (LN) Ilaria Capua (SC)[c]
Aldo Brancher (FI/PdL) Mario Catania (UdC)
Marino Zorzato (FI/PdL)[d][e] Matteo Bragantini (LN)
Lorena Milanato (FI/PdL) Filippo Busin (LN)
Giustina Mistrello Destro (FI/PdL) Roberto Caon (LN)
Francesco De Luca (FI/PdL) Lorena Milanato (PdL)
Filippo Ascierto (AN/PdL) Giancarlo Galan (PdL)[f]
Luca Bellotti (AN/PdL) Catia Polidori (PdL)
Giorgio Conte (AN) Niccolò Ghedini (PdL) Piero Longo (PdL)
Alberto Giorgetti (PdL)
  1. ^ Subentra il 6 giugno 2006 a Patrizia Sentinelli, dimessasi in pari data.
  2. ^ Il 25 giugno 2014 cessa dal mandato parlamentare, optando per la carica di europarlamentare alla quale è stata eletta nelle recenti elezioni europee. Le subentra Vanessa Camani.
  3. ^ Il 28 settembre 2016 cessa dal mandato parlamentare, dopo le sue dimissioni. Gli subentra Domenico Menorello.
  4. ^ L'1 giugno 2010 si dimette optando per la carica di consigliere regionale del Veneto e successivamente per la carica di vicepresidente della Giunta regionale del Veneto. Lo stesso giorgno gli subentra Elisabetta Gardini.
  5. ^ Il 9 giugno 2010 Gardini si dimette optando per la carica di europarlamentare. Il 10 giugno le subentra Giorgio Conte.
  6. ^ Il 27 aprile 2016 cessa dal mandato parlamentare, dopo che la Camera approva la sua decadenza. Gli subentra Dino Secco.

Dal 2018[modifica | modifica wikitesto]

Con l'entrata in vigore della Legge Rosato viene istituito un sistema elettorale misto a separazione completa.[10] Per la Camera, come per il Senato, il 37% dei seggi (quindi 232 alla Camera) vengono assegnati con un sistema maggioritario a turno unico in altrettanti collegi uninominali: in ciascun collegio è eletto il candidato più votato, secondo il sistema noto come uninominale secco. Il 61% dei seggi (cioè 386 alla Camera) è ripartito proporzionalmente tra le coalizioni e le singole liste che abbiano superato le previste soglie di sbarramento nazionali; la ripartizione dei seggi è effettuata a livello nazionale per la Camera e a livello regionale per il Senato; a tale scopo sono istituiti collegi plurinominali nei quali le liste si presentano sotto forma di listini bloccati di candidati. Il 2% dei seggi (12 deputati) è destinato al voto degli italiani residenti all'estero e viene assegnato con un sistema proporzionale che prevede il voto di preferenza.

Alla circoscrizione "Veneto 2" sono attribuiti 11 seggi eletti con sistema maggioritario in collegi uninominali, e 19 seggi eletti con sistema proporzionale; questi ultimi sono divisi in tre collegi plurinominali, denominati Veneto 2 - 01, Veneto 2 - 02 e Veneto 2 - 03.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Liste Voti % Seggi
Prop. Magg.
Lega 561.962 32,39 7
Forza Italia 184.711 10,65 2
Fratelli d'Italia 78.214 4,51 1
Noi con l'Italia - UDC 24.736 1,43 -
Coalizione (candidati uninominali) 849.623 48,97 - 11
Movimento 5 Stelle 415.022 23,92 5 -
Partito Democratico 280.657 16,18 4
+Europa 46.323 2,67 -
Civica Popolare 7.909 0,46 -
Italia Europa Insieme 7.503 0,43 -
Coalizione (candidati uninominali) 342.392 19,73 - -
Liberi e Uguali 44.661 2,57 - -
Il Popolo della Famiglia 19.790 1,14 - -
CasaPound 19.613 1,13 - -
Italia agli Italiani (FN - FT) 13.153 0,76 - -
Potere al Popolo! 11.210 0,65 - -
Grande Nord 6.848 0,39 - -
10 Volte Meglio 6.635 0,38 - -
Partito Valore Umano 4.280 0,25 - -
Partito Repubblicano Italiano - ALA 1.827 0,11 - -
Totale 1.735.054 19 11

Eletti[modifica | modifica wikitesto]

Eletti nei collegi uninominali[modifica | modifica wikitesto]

     Eletti nella coalizione di centro-destra (Lega-FI-FdI-NcI)

Collegio uninominale Eletto Partito
1. Rovigo Antonietta Giacometti Lega
2. Padova Arianna Lazzarini Lega
3. Vigonza Alberto Stefani Lega
4. Abano Terme Lorena Milanato FI
5. Vicenza Pierantonio Zanettin FI
6. Bassano Del Grappa Germano Racchella Lega
7. Schio Maria Cristina Caretta FdI
8. San Bonifacio Paolo Paternoster Lega
9. Verona Vito Comencini Lega
10. Legnago Piergiorgio Cortelazzo FI
11. Villafranca di Verona Davide Bendinelli FI [a]
  1. ^ In data 20.12.2020 aderisce a Italia Viva

Eletti proporzionale[modifica | modifica wikitesto]

Collegio plurinominale Lega M5S Partito Democratico Forza Italia Fratelli d'Italia
Veneto 2 - 01 -
Veneto 2 - 02 - -
Veneto 2 - 03
  1. ^ Aderisce al gruppo misto; in data 20.04.2018 aderisce alla componente «MAIE-Movimento Associativo Italiani all'Estero-Sogno Italia»; in data 18.02.2019 torna nei non iscritti; in data 18.04.2019 aderisce alla componente «Cambiamo!-10 Volte Meglio»; in data 17.12.2019 torna nei non iscritti.
  2. ^ In data 19.02.2021 aderisce al gruppo misto, non iscritti; in data 17.11.2021 alla componente «Alternativa».
  3. ^ In data 17.04.2019 aderisce al gruppo misto, non iscritti (Sara Cunial espulsa dal gruppo M5S).
  4. ^ In data 19.09.2019 aderisce a Italia Viva.
  5. ^ In data 27.05.2021 aderisce a Coraggio Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 19-12-2017 Supplemento ordinario n. 58/L alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 295, p. 191
  2. ^ Dato Istat al 31/12/2012, su demo.istat.it. URL consultato il 3 settembre 2013 (archiviato il 22 agosto 2013).
  3. ^ Considerata la differenza con CCD, CDU e DE alle precedenti elezioni.
  4. ^ Considerata la differenza con DS e DL alle precedenti elezioni.
  5. ^ Ministero dell'Interno - Archivio storico delle Elezioni
  6. ^ Considerata la differenza con FI, AN, Alternativa Sociale, DC per le Autonomie e Nuovo PSI.
  7. ^ Considerata la differenza con PRC, PdCI e Verdi.
  8. ^ Ministero dell'Interno - archivio storico delle Elezioni
  9. ^ Ministero dell'Interno, dati definitivi Camera dei Deputati Italia
  10. ^ Un sistema elettorale si definisce misto se una parte dei seggi è attribuita con sistema proporzionale e una parte con sistema maggioritario. Nell'ambito dei sistemi misti, si definiscono a separazione completa quelli privi di sistemi di compensazione tra le due modalità di attribuzione dei seggi.