Svjatoslav Nikolaevič Fëdorov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Svjatoslav Nikolaevič Fëdorov

Svjatoslav Nikolaevič Fëdorov, traslitterato anche Svyatoslav Nikolayevich Fyodorov (in russo: Святослав Николаевич Фёдоров?; Proskurovo, 8 agosto 1927Mosca, 2 giugno 2000), è stato un medico e politico russo. È considerato il padre della microchirurgia oftalmica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Ucraina, era figlio di un comandante di brigata dell'Armata Rossa. Laureato in medicina presso l'Istituto Medico di Rostov sul Don nel 1952, iniziò subito a praticare la professione di chirurgo oculista, iniziando nell'Oblast' di Rostov. Brevettò più di 180 innovazioni in ambito medico-chirurgico e fu candidato due volte per le elezioni presidenziali russe[1]. Morì in un incidente in elicottero nel giugno del 2000.

Innovazioni in campo medico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1960 Fyodorov creò un cristallino artificiale con il quale sostituire quello opacizzato dell'occhio umano, la cataratta. Nel 1973 sviluppò una tecnica chirurgica adatta a curare i primi stadi del glaucoma, denominata in seguito Scleroplastica. Nel 1974 ideò una nuova tecnica chirurgica per correggere la miopia con un bisturi diamantato, la Cheratotomia Radiale, fu inoltre il primo ad usare il laser per la correzione dello stesso difetto visivo[2][3]. Nel 1979 fu nominato direttore dell'Istituto per la Microchirurgia dell'Occhio di Mosca dal Ministero della Salute dell'URSS, portandolo ad una tale fama internazionale al punto da aver organizzato, in seguito, una nave scuola per la microchirurgia dell'occhio che operava nel Mar Mediterraneo e nell'Oceano Indiano, al pari di un aeroplano con simili funzioni.

Vita politica[modifica | modifica wikitesto]

Fyodorov, già chirurgo di fama mondiale e imprenditore miliardario, venne eletto deputato nel 1989, l'anno dopo venne eletto presidente dell'Unione degli imprenditori ed entrò a far parte del Partito Democratico di Russia. Nel 1991 fu candidato per le prime elezioni presidenziali dopo la caduta dell'URSS, ma declinò l'offerta, mentre nel 1996 fu lui stesso a candidarsi per le elezioni presidenziali[4].

Nelle elezioni della Duma del 1995 si candidò nelle file del "Partito dell'autonomia dei lavoratori" capeggiato da Fyodorov il filosofo Pëtr Markovič Abovin-Egides critico del socialismo sovietico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN8869826 · LCCN: (ENn86105073 · ISNI: (EN0000 0000 8424 9348 · GND: (DE1051712041