Stanza Selvaggia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stanza Selvaggia
PaeseItalia
Anno2014 - 2016
Genereinfotainment, musicale
Durata120 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreSelvaggia Lucarelli,
Fabio De Vivo
RegiaDanny Omich
Casa di produzioneElemedia S.p.A.
Emittente radiofonicam2o

Stanza Selvaggia è stato un programma radiofonico italiano musicale e di intrattenimento andato in onda su m2o Radio dal 2014 al 2016 nella fascia del mattino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione trattava di fatti, di persone, ospiti e personaggi dello spettacolo attraverso lo spirito critico di Selvaggia Lucarelli che conduceva il programma insieme a Fabio De Vivo, subentrato dopo un primo periodo ad Alessandro Lippi.[1]

Si è trattato del programma che ha sostituito La fine del mondo,[2] diventato anche televisivo, venendo registrato dalle telecamere la mattina negli studi di m2o a Milano in via Massena e riproposto la sera il lunedì e il giovedì alle ore 19.40 sul canale 163 di Sky La3. La visione delle puntate inoltre era disponibile anche sull'app di La3 e su internet tramite il sito ufficiale di m2o.[3]

La trasmissione è terminata del maggio 2016, sostituita dalla stagione successiva da Casa m2o, condotto sempre da De Vivo insieme ad Alberto Dandolo.[4]

Andava in onda dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 sulle frequenze di m2o, emittente radiofonica nazionale di GEDI Gruppo Editoriale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barbara Riggio, m2o ha una Stanza Selvaggia, in Radiospeaker.it, 11 settembre 2014. URL consultato il 23 giugno 2016.
  2. ^ Scheda de La Fine del Mondo sul sito istituzionale della radio, in m2o.it. URL consultato il 23 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2016).
  3. ^ Stanza Selvaggia, La Lucarelli in Tv su La3 tutti i lunedì e giovedì alle 19.40, in Televisionando.it. URL consultato il 23 giugno 2016.
  4. ^ Stanza Selvaggia chiude, la Lucarelli lascia M2o, in TvBlog.it, 18 agosto 2016. URL consultato il 20 luglio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]