Sport Club Audace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sport Club Audace
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco e Verde.svg bianco-verde
Dati societari
Città Napoli
Nazione Italia Italia
Confederazione FIFA
Federazione Flag of Italy (1861-1946).svg FIGC
Fondazione 1905
Stadio
( posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Lo Sport Club Audace,[1] noto anche come Audacia Napoli, era una società calcistica italiana con sede a Napoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le notizie riguardanti il club sono scarse. Secondo alcuni testi la nascita della compagine avvenne nel 1905, elemento che la collocherebbe di diritto nel ristretto gruppo delle squadre pioneristiche del football partenopeo, e la prima divisa di gioco fu biancoverde[2]. I promotori dell'associazione furono Gustavo Romano, i fratelli De Giuli ed il portiere Pepèn Cangiullo[3][4]. Successivamente la tenuta utilizzata fu viola con bordi gialli[5].

La prima partecipazione attestata del sodalizio a un campionato FIGC risale al 1908, anno in cui si iscrisse al campionato regionale di Terza Categoria. Di seguito è riportato il calendario del torneo (i risultati sono sconosciuti):[6]

  • 15 marzo: Naples FBC-SC Audace
  • 22 marzo: SS Napoli-Naples FBC
  • 29 marzo: SC Audace-SS Napoli
  • 5 aprile: SS Napoli-Naples FBC
  • 12 aprile: Naples FBC-SS Napoli
  • 19 aprile: SS Napoli-SC Audace

Secondo alcune fonti, il torneo terminò il 24 maggio con la vittoria del Naples in finale contro l'SS Napoli[7].

Nella stagione 1909-10 lo S.C. Audace vinse il campionato di Terza Categoria (Campania). Dopo la pausa bellica, la società probabilmente risorse nel febbraio 1919[8], e poi militò nel Girone A della Promozione Campana 1919-20 (la seconda serie di allora). Al termine della stagione venne ripescato dalla Federazione in Prima Categoria (la massima serie regionale del tempo). Nella stagione 1920-21 il debutto nel nuovo torneo non fu, però, dei più felici per la compagine napoletana: inserita nel Girone Eliminatorio B (insieme a Internazionale NA, Bagnolese e Pro Napoli), l'Audace perse nettamente tutte le partite, retrocedendo in seconda serie.[9][10] La formazione tipo 1920-21 era: Cassandra, Postiglione, Picone, Smith, Lopez, D'Aversa, Laterza, Beatrice, Mercadante, Gesummaria, Galante II.[11] Intanto a Napoli sorse l'Unione Sportiva Audace, esistente già nel 1917, con la quale la S.C. Audace coesisteva. La nuova società nel 1923.24 giocò sia il campionato di Seconda Divisione, sia il campionato di Terza Divisione (Campania) con la seconda squadra, di cui sarà campione. Nel 1924-25 risultava iscritta al campionato di Seconda Divisione.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Risultati in massima serie
St. G V N P GF GS DR Punti
1 6 0 0 6 3 22 -19 0

St=Stagioni, G=partite giocate, V=vinte, N= nulle, P=perse, GF=gol fatti, GS=gol subiti, DR=differenza reti.

Una gara nei campionati minori
1917
U.S. Audax Napoli- Pro Italia 1-2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco affiliate F.I.F. 1908
  2. ^ Tramontano, pag. 4
  3. ^ Scheda di Gianni Infusino, Il Pallone d'oro, Edizioni Perna
  4. ^ - Dal Naples Football Club all'Internaples
  5. ^ Fontanelli, Simoncini, I colori del calcio 1898-1929, GEO Edizioni
  6. ^ Il campionato di terza categoria tra le squadre del Napoletano, in La Stampa, 28 febbraio 1908, p. 4. URL consultato il 2 giugno 2013.
  7. ^ Piergiorgio Renna, Il football a Napoli, p. 30
  8. ^ Cfr. Corriere di Napoli, 17-18 febbraio 1919.
  9. ^ Almanacco illustrato del calcio, fondato da Leone Boccali nel 1939. Modena, Panini, 1939-, ISSN 11293381
  10. ^ Francesco Gullo e Maurizio Mariani, Italy - Championship History 1898-1923, RSSSF.com. URL consultato il 17 aprile 2009.
  11. ^ Napolissimo - 1920-21

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Tramontano, Da Sallustro a Maradona 90 anni di storia del Napoli, Napoli, Edizioni Meridionali, 1984. ISBN non esistente

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]