Borvo: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
166 byte rimossi ,  5 mesi fa
nessun oggetto della modifica
(→‎Note: + navbox)
Nessun oggetto della modifica
 
 
==Centri di culto==
In [[Gallia]] fu particolarmente adorato a [[Bourbonne-les-Bains]], nel territorio dei [[Lingoni]], dove sono state ritrovate dieci iscrizioni relative a lui. Esistono altre due iscrizioni, una (CIL 13, 02901) proveniente da [[Entrains-sur-Nohain]]<ref name="CIL13"/> e l'altra (CIL 12, 02443) da [[Aix-les-Bains]] in [[Gallia Narbonense]].<ref>[[Corpus Inscriptionum Latinarum]] ({{CIL), '''|12''': ''Gallia Narbonensis''.|2443}}</ref> Le tavolette votive relative a Borvo dimostrano che coloro che effettuavano le offerte chiedevano salute per se stessi o per altri.<ref name="autogenerated1" /> Molti dei siti in cui sono state rinvenute offerte a Borvo si trovano in Gallia: nel [[Drôme]] a [[Aix-en-Diois]], nelle [[Bocche del Rodano (dipartimento)|Bocche del Rodano]] a [[Aix-en-Provence]], nel [[Gers]] a [[Auch]], nell'[[Allier]] a [[Bourbon-l'Archambault]], in [[Savoia (dipartimento)|Savoia]] a [[Aix-les-Bains]], nel [[Saona e Loira]] a [[Bourbon-Lancy]], in [[Alta Marna]] a [[Bourbonne-les-Bains]] e in [[Nièvre]] a [[Entrains]].<ref name="autogenerated2">[http://www.mythofrancaise.asso.fr/mythes/themes/divcelt2.htm]</ref> Alcuni reperti sono stati dissotterrati anche nei [[Paesi Bassi]] ad [[Utrecht]], dove viene chiamato Boruoboendua Vabusoa Labbonus, ed in [[Portogallo]] a [[Caldas de Vizella]] ed a [[Idanha a Velha]], dove è chiamato Borus ed identificato con [[Marte (divinità)|Mars]].<ref name="autogenerated2" /> Ad [[Aix-en-Provence]] lo si chiama Borbanus e Bormanus, a [[Caldas de Vizella]] in Portogallo veniva adorato come Bormanicus,<ref name="autogenerated2" /> ed a [[Burtscheid]] e [[Worms]] in [[Germania]] era Borbetomagus. In Italia lo troviamo in molti luoghi in area [[Celti|gallica]] e [[Liguri|celto-ligure]] ad esempio alle origini della città di [[Bormio]], per la presenza di fonti termali poi utilizzate dai [[Civiltà romana|Romani]] e del nome del [[Bormida (fiume)|fiume Bormida]] tra Liguria e Piemonte.
 
==Epiteti==
Borvo è spesso associato ad una divinità consorte. Otto iscrizioni citano la dea [[Damona]], tra cui la CIL 13, 05911
 
{{quote|Deo Apol/lini Borvoni / et Damonae / C(aius) Daminius / Ferox civis / Lingonus ex / voto|[[Corpus Inscriptionum Latinarum|CIL]] (CIL), '''13''': ''Tres Galliae et Germanae''<ref name="CIL13">[[Corpus Inscriptionum Latinarum]] ({{CIL), '''|13''': ''Tres Galliae et Germanae''.|2901}}</ref>}}
 
In altre zone, la moglie di Borvo è la dea [[Bormana]]. Bormana era in alcune zone venerata indipendentemente dalla sua controparte maschile.<ref>Miranda Green. ''Dictionary of Celtic Myth and Legend.'' Thames and Hudson Ltd. Londra. 1997</ref> Gli dei come Borvo o altri, equiparati ad Apollo, proteggevano le sorgenti d'acqua, ed erano spesso associati a dee nel ruolo di marito o figlio.<ref name="autogenerated3" /> Si trova nel [[Drôme]] a [[Aix-en-Diois]] con [[Bormana]] ed in [[Saona e Loira]] a [[Bourbon-Lancy]] e nell'[[Alta Marna]] a [[Bourbonne-les-Bains]] con [[Damona]], accompagnato dal ‘candido spirito’ [[Candidus]] nel [[Nièvre]] a [[Entrains]].<ref name="autogenerated2" /> Nei [[Paesi Bassi]] ad [[Utrecht]], come ''Boruoboendua Vabusoa Lobbonus'', si trova in compagnia di un [[Ogmios|Ercole celtico]], [[Macusanus]] e [[Baldruus]].<ref name="autogenerated2" />
3 002

contributi

Menu di navigazione