Sigrid Kaag

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sigrid Kaag
Sigrid Kaag in 2018 (cropped).jpeg

Ministro del commercio estero e della cooperazione allo sviluppo del Regno dei Paesi Bassi
Durata mandato26 ottobre 2017 –
10 gennaio 2022
Capo del governoMark Rutte
PredecessoreLilianne Ploumen
SuccessoreWopke Hoekstra

Ministro degli affari esteri del Regno dei Paesi Bassi
(ad interim)
Durata mandato13 febbraio 2018 –
7 marzo 2018
Capo del governoMark Rutte
PredecessoreHalbe Zijlstra
SuccessoreStef Blok

Ministro delle finanze del Regno dei Paesi Bassi
In carica
Inizio mandato10 gennaio 2022
Capo del governoMark Rutte
PredecessoreWopke Hoekstra

Vicepresidente del consiglio dei ministri dei Paesi Bassi
In carica
Inizio mandato10 gennaio 2022
Capo del governoMark Rutte
PredecessoreHugo de Jonge

Dati generali
Partito politicoDemocratici 66
Titolo di studioLaurea in Studi mediorientali
UniversitàUniversità Americana del Cairo
Università di Exeter
St Antony's College
École nationale d'administration
ProfessioneDiplomatica

Sigrid Anne Maria Kaag (Rijswijk, 2 novembre 1961) è una politica e diplomatica olandese, dal 26 ottobre 2017 è Ministro del commercio estero e della cooperazione allo sviluppo nel Governo Rutte III per conto dei D66. È stata anche ministro degli affari esteri dal 13 febbraio 2018 al 7 marzo 2018. In precedenza è stata una diplomatica presso le Nazioni Unite (ONU). Il 10 gennaio 2022 è presente di nuovo nella nuova squadra di governo, stavolta giura nel ruolo di Ministro delle finanze, oltre che Primo Vice Ministro, per il nascente Governo Rutte IV.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi e carriera alle Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Kaag studia a Utrecht a partire dal 1980.[2] Ha conseguito una laurea in Studi mediorientali presso l'Università Americana del Cairo.[3][4] Ha conseguito un master in relazioni internazionali presso l'Università di Exeter e il St Antony's College di Oxford. Ha anche studiato a l'École nationale d'administration (ENA)[5] e ha frequentato il corso di relazioni estere presso l'Istituto Clingendael.[6]

Ha lavorato per il Ministero degli affari esteri olandese e poi per la Royal Dutch Shell a Londra. Lavora per le Nazioni Unite a partire dal 1994. Dal 2007 al 2010 è stata direttore regionale del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia, per il Medio Oriente e il Nord Africa. Dal 2010 al 2013, è stata Vice Segretario Generale del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP). Dall'ottobre 2013 al settembre 2014 ha guidato la missione di disarmo che ha portato alla distruzione di armi chimiche in Siria. La missione di disarmo è stata effettuata dalle Nazioni Unite in collaborazione con l'Organizzazione per il divieto delle armi chimiche (OPCW). È stata ringraziata personalmente dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama per il suo lavoro in Siria. Dal dicembre 2014 fino al suo incarico ministeriale, Kaag è stata Coordinatore speciale delle Nazioni Unite in Libano (UNSCOL).

Ministro del commercio estero e della cooperazione allo sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Sigrid Kaag in visita a Tehran (Iran), 27 febbraio 2018
Sigrid Kaag con il Segretario di Stato americano Mike Pompeo il 18 marzo 2019

Il 26 ottobre 2017 è entrata a far parte del governo Rutte III come ministro del commercio estero e della cooperazione allo sviluppo.[7] Quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dimezzato il suo aiuto all'UNRWA, l'organizzazione per i rifugiati palestinesi appoggiata dalle Nazioni Unite, ha rapidamente trasferito 13 milioni di euro all'organizzazione. Per i partner della coalizione, VVD, CDA e ChristenUnie, ciò ha provocato reazioni piuttosto irritate, principalmente perché, secondo loro, la comunicazione su questo argomento non era trasparente.[8]

Il 13 febbraio 2018, il ministro degli Esteri Halbe Zijlstra è stato licenziato. Il primo ministro Mark Rutte ha annunciato che Sigrid Kaag avrebbe temporaneamente assunto il ruolo di ministro degli Esteri.[9] Lo ha fatto fino a quando Stef Blok non ha prestato giuramento il 7 marzo 2018. Questo rende Kaag la prima donna ministro degli affari esteri nei Paesi Bassi.

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Kaag è sposata con Anis al-Qaq, ex ambasciatore palestinese e politico di Fatah in Svizzera, e ha quattro figli. Parla fluentemente sei lingue (olandese, inglese, francese, spagnolo, tedesco e arabo).[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Olanda: alle Finanze arriva Sigrid Kaag, la leader dei progressisti che promette più flessibilità sui conti europei, su la Repubblica, 10 gennaio 2022. URL consultato il 10 gennaio 2022.
  2. ^ Copia archiviata, su rijksoverheid.nl. URL consultato il 17 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2018).
  3. ^ (NL) Deze gegevens (Uitgebreide biografie) afkomstig van Home - Parlement.com
  4. ^ (NL) 'Sigrid Kaag over vluchtelingen en buitenlandbeleid'. In: Vrij Nederland, 20 oktober 2017
  5. ^ (NL) Website De Volkskrant, 2 aug. 2017
  6. ^ (NL) Sigrid Kaag opent 70e Leergang Buitenlandse Betrekkingen, Clingendael, 16 settembre 2015
  7. ^ (NL) Parlement & Politiek
  8. ^ (NL) VVD, CDA en CU knarsetanden na Palestijnse hulpgeldactie minister Kaag, nos.nl, 26 gennaio 2018
  9. ^ (NL) Minister Sigrid Kaag neemt taken Zijlstra over - Elsevierweekblad.nl, in Elsevierweekblad.nl, 13 febbraio 2018. URL consultato il 17 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2020).
  10. ^ (NL) Wat we tot nu toe weten van Sigrid Kaag, Nederlandse leider VN-missie in Syrië, Volkskrant, 14 ottobre 2013

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro del commercio estero e della cooperazione allo sviluppo del Regno dei Paesi Bassi Successore Ministerie van Buitenlandse Zaken Logo.jpg
Lilianne Ploumen dal 26 ottobre 2017 in carica
Predecessore Ministro degli affari esteri del Regno dei Paesi Bassi
(ad interim)
Successore Ministerie van Buitenlandse Zaken Logo.jpg
Halbe Zijlstra 13 febbraio 2018 - 7 marzo 2018 Stef Blok
Controllo di autoritàVIAF (EN109151246655444132790 · GND (DE1224235908 · WorldCat Identities (ENviaf-109151246655444132790