Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Shushtar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shūshtar
città
شوشتر
Shūshtar – Veduta
Il ponte romano Band-e Qaisar a Shushtar.
Localizzazione
StatoIran Iran
ProvinciaKhūzestān
ShahrestānShushtar
CircoscrizioneCentrale
Territorio
Coordinate32°03′N 48°51′E / 32.05°N 48.85°E32.05; 48.85 (Shūshtar)Coordinate: 32°03′N 48°51′E / 32.05°N 48.85°E32.05; 48.85 (Shūshtar)
Altitudine70 m s.l.m.
Abitanti94 124[1] (2006)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+3:30
Cartografia
Mappa di localizzazione: Iran
Shūshtar
Shūshtar

Shūshtar (persiano: شوشتر‎‎; in arabo: ﺗﻮﺳﺘﺮ‎, Tūstar) è il capoluogo dello shahrestān di Shushtar, circoscrizione Centrale, nella provincia del Khuzestan. Aveva nel 2006 una popolazione di 94.124 abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Shushtar (il cui nome significa "maggiore di Shush") era un'antica cittadella fortificata. In periodo elamita era conosciuta con il nome di Adamdun e in periodo achemenide si chiamava Šurkutir. In era sasanide era un'isola sul fiume Karun, scelta come capitale estiva dell'Impero. Il fiume fu canalizzato per formare un fosso intorno alla città mentre si costruirono ponti in corrispondenza delle porte principali. Quando Sapore I sconfisse l'imperatore romano Valeriano, ordinò ai soldati fatti prigionieri di costruire un grande ponte e una diga lunga 550 metri, nota come Band-e Qayṣar ("Ponte di Cesare").

La città fu conquistata dagli Arabi musulmani di al-Barāʾ ibn Mālik all'epoca del califfato di ʿUmar b. al-Khaṭṭāb.
In età omayyade fu roccaforte kharigita, fin quando fu assoggettata dal Wālī d'Iraq, al-Ḥajjāj b. Yūsuf.
In età abbaside risentì abbastanza positivamente della relativa vicinanza con Baghdad e un quartiere della capitale califfale era noto come Maḥallat al-Tūstariyyīn (Luogo degli abitanti di Tūstar), perché abitato prevalentemente da commercianti e da funzionari statali provenienti dal Khuzistan.

Conquistata da Tamerlano, rimase sotto controllo timuride fino al 1514. Cadde poi sotto controllo safavide.

A metà del XIX secolo si contava in città un consistente numero di famiglie mandee.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il dato proviene dal sito World Gazetteer, che non esiste più e non è stata trovata una copia disponibile
  2. ^ The Encyclopaedia of Islam, s.v. «Shūshtar» (C.E. Bosworth).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN158548811
Iran Portale Iran: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Iran