Sergio Scatizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Sergio Scatizzi (Capannori, 20 ottobre 1918[1]Firenze, 1º dicembre 2009[1]) è stato un pittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trascorre gli anni della prima giovinezza in Valdinievole e nella campagna lucchese. Soggiorna a Napoli dove si interessa agli esiti della scuola di Posillipo. A Roma frequenta Mafai, Stradone, Cavalli e la Rafael. A Parigi conobbe Colette, Maurice de Vlaminck e Paul Lèautaud.

Fra il 22 novembre 1965 e il marzo del 1966 ha partecipato alla IX Quadriennale nazionale d'arte di Roma.

Nell'autunno del 2009 viene organizzata la mostra personale "Il Barocco informale di Sergio Scatizzi" alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti a Firenze.[2]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

È morto nella notte tra lunedì 30 novembre e martedì 1º dicembre all'ospedale Torregalli di Firenze[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Pittura[modifica | modifica wikitesto]

L'artista è inoltre presente nel Museo di Arte Contemporanea presso il Palagio Fiorentino di Stia.

Le sue opere sono esposte e vendute in gallerie d'arte in tutta Italia. In particolare importanti collezioni sono a Firenze presso "Firenze Art Gallery" e la "Galleria Pananti". L'archivio ufficiale dell'opera pittorica del maestro si trova presso lo studio d'arte moderna "Il Fiore" di Montecatini Terme.

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Firenze, morto il pittore Sergio Scatizzi uno degli ultimi figurativi, su www.toscanaoggi.it. URL consultato il 14 giugno 2017.
  2. ^ Il Barocco informale di SERGIO SCATIZZI, su www.artelabonline.com. URL consultato il 16 giugno 2017.
  3. ^ Terre volterrane, su www.museonovecento.it. URL consultato il 14 giugno 2017.
  4. ^ COLLEZIONE - Sergio Scatizzi, su www.macn.it. URL consultato il 14 giugno 2017.
  5. ^ (ES) Terre – Museo de la Solidaridad Salvador Allende, su mssa.cl. URL consultato il 16 giugno 2017.
  6. ^ Cultura Italia, un patrimonio da esplorare, su www.culturaitalia.it. URL consultato il 16 luglio 2017.
Controllo di autoritàVIAF (EN79420355 · ISNI (EN0000 0001 1475 7512 · LCCN (ENn86835797 · GND (DE119346982 · ULAN (EN500346493