Segretariato attività ecumeniche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Segretariato Attività Ecumeniche)
Jump to navigation Jump to search

Il Segretariato attività ecumeniche (SAE) è una associazione interconfessionale di laiche e laici per l'ecumenismo e il dialogo, a partire dal dialogo ebraico-cristiano[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La fondatrice, prima presidente e dal 1996 fino alla sua scomparsa presidente emerita, Maria Vingiani, fin dal 1947 aveva iniziato un'attività di dialogo e di formazione ecumenica a Venezia, ove la sua famiglia, di origine meridionale, si era stabilita dopo vari spostamenti cui il padre si era dovuto piegare in periodo fascista. Nel 1959, all'annuncio del Concilio ecumenico Vaticano II, Maria si trasferì a Roma, e qui riprese con nuovo slancio, e col sostegno del cardinale Agostino Bea, l’attività ecumenica, raccogliendo a tale scopo intorno a sé un gruppo di amici, inizialmente cattolici ma ben presto integrati da esponenti delle altre confessioni cristiane.

Questa prima compagine dal 1965 prese il nome di SAE (Segretariato Attività Ecumeniche) e nel 1966 si costituì formalmente in Associazione nazionale di laici, articolata per gruppi locali. Ma già nell’agosto 1964 era stata organizzata la prima delle annuali sessioni estive di formazione ecumenica[2], che sarebbero continuate ad essere l’impegno principale e caratterizzante dell’associazione, e alle quali si sarebbero poi aggiunti dei più brevi convegni primaverili.

Dal lavoro svolto nelle sessioni e nei convegni, e dall’incontro tra gli esperti che vi partecipavano, nel corso degli anni ’70 sono sorti alcuni gruppi interconfessionali di studio e di proposta che hanno affiancato l’attività ordinaria dell’associazione: il gruppo per i matrimoni interconfessionali, che ha contribuito all’elaborazione dei documenti delle chiese sulla questione, il gruppo per la catechesi ecumenica, che ha prodotto vari studi e sussidi in materia, e il gruppo teologico, tuttora attivo, che ha elaborato riflessioni e documenti su temi di interesse ecumenico, anche in contatto con organismi ecumenici internazionali.

A queste iniziative si aggiunsero varie forme di coinvolgimento in eventi ecclesiali ed ecumenici, in Italia e all’estero. Tra queste, tra gli anni ’70 e ’80, la collaborazione con l’ABU (Alleanza Biblica Universale) per la traduzione interconfessionale della Bibbia in lingua corrente (TILC) e la sua diffusione. Mentre sviluppava la propria attività pubblica, il SAE è venuto ulteriormente precisando la propria forma istituzionale, che si è definita quale «associazione interconfessionale di laiche e laici per l’ecumenismo e il dialogo, a partire dal dialogo ebraico-cristiano».

Nel 1996, con l'elezione della nuova presidente, Elena Milazzo Covini, la sede centrale si è trasferita a Milano. Dal 2004, ne è stato presidente Mario (Meo) Gnocchi, cui è succeduta nel 2012 Marianita Montresor e quindi nel 2016 Piero Stefani.

Finalità[modifica | modifica wikitesto]

Dallo statuto[1] si rileva che lo scopo dell'associazione è propriamente quello di “assicurare in modo permanente e di espandere l'esperienza del dialogo e il servizio di formazione ecumenica, nella volontà di contribuire all'attuazione dei documenti ecumenici e di dialogo delle varie Chiese, a partire da quelli prodotti dal Concilio ecumenico Vaticano II e dal Consiglio ecumenico delle Chiese (C.E.C.)”. “L'Attività dell'Associazione è intesa alla promozione di una cultura di rispetto tra diverse espressioni religiose, di educazione alla collaborazione per la giustizia, la pace e la salvaguardia del Creato.”

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Le attività principali dei gruppi locali sono: impegno di preghiera, di studio biblico e teologico; incontri di dialogo, di confronto, di testimonianza e di servizio comune; sostegno, collaborazione e consulenza per iniziative diocesane, di altre comunità cristiane o, più in generale, della società civile. In sede nazionale vengono organizzate iniziative di formazione ecumenica, promozione di esperienze di dialogo interconfessionale, ebraico-cristiano e anche più ampiamente interreligioso.

Le sessioni estive di formazione ecumenica[modifica | modifica wikitesto]

La più nota e partecipata attività del SAE è l'annuale sessione estiva di formazione ecumenica che si tiene ininterrottamente dal 1964[3] e di cui vengono pubblicati regolarmente gli Atti[4], che costituiscono così una imponente biblioteca ecumenica. Si tratta di un importante evento che raduna ogni anno[5] alcune centinaia di corsisti (principalmente cristiani delle diverse confessioni ed ebrei, ma anche musulmani e appartenenti ad altre religioni, oltre che rappresentanti della cultura laica) per una settimana di conoscenza, di dialogo, di scambio di esperienze e di vita comune, nella trattazione di un tema di interesse teologico, culturale e sociale, articolata in meditazioni bibliche, celebrazioni liturgiche, relazioni teoriche, gruppi di studio e laboratori. Alla realizzazione di queste iniziative ha concorso una serie innumerevole e qualificata di esperti, di testimoni e di maestri delle varie confessioni cristiane, dell’ebraismo, di altre religioni e della cultura laica (uomini e donne, italiani e stranieri) che hanno dato al SAE il contributo della loro dottrina, del loro pensiero e della loro esperienza spirituale e culturale[6]..

I convegni primaverili[modifica | modifica wikitesto]

Alle sessioni estive si affianca abitualmente ogni anno un più breve convegno primaverile, dedicato a un tema – complementare alla sessione o da essa indipendente – di generale orientamento ecumenico o di specifico interesse teologico e culturale. I convegni di primavera si svolgono di volta in volta in una diversa località italiana, scelta in una zona ove siano attivi gruppi locali del SAE[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Art. 1 dello statuto.
  2. ^ La sessione del 1964, per ragioni contingenti, fu presentata sotto la sigla SAI, Segretariato Amicizia Intercontinentale
  3. ^ Vedi l'elenco delle sessioni sul sito del SAE
  4. ^ Gli atti delle sessioni del SAE sono stati pubblicati presso le seguenti case editrici: sessioni 1964-1970 Morcelliana-Humanitas (Brescia); 1971-1974 A.V.E. (Roma); 1975-1982 L.D.C. (Leumann-Torino); 1983 Il Segno (Verona); 1984-1995 Dehoniane (Roma); 1997-2010 Ancora (Milano); 2011-2014 Paoline (Milano); 2015-2019 I.S.E.-Studi Ecumenici (Venezia).
  5. ^ Le sessioni estive hanno avuto progressivamente luogo al Passo della Mendola (1964-1967), presso il Monastero di Camaldoli (1968-1970), a Napoli (1971-1974), di nuovo alla Mendola (1975-1998), a Chianciano Terme (1999-2011), a Paderno del Grappa (2012-2014), ad Assisi (2015-2019)
  6. ^ Nell’impossibilità di darne un’elencazione esauriente, che risulterebbe oltremodo lunga, se ne indicano soltanto alcuni particolarmente significativi per l’autorevolezza personale, per la tradizione rappresentata o per l’importanza del contributo offerto al SAE. È doveroso citare Germano Pattaro, Renzo Bertalot e Luigi Sartori, che hanno accompagnato il cammino dell’associazione fin dai suoi primi passi; e si possono poi far seguire, a titolo puramente indicativo, i nomi di Ernesto Balducci, Enzo Bianchi, Loris Capovilla, Gabriella Caramore, Giovanni Cereti, Innocenzo Gargano, Riccardo Di Segni, Raniero La Valle, Amos Luzzatto, Carlo Maria Martini, Ettore Masina, Carlo Molari, Paolo Ricca, Mario Sbaffi, Bruno Segre, David Maria Turoldo, Traian Valdman, Valdo Vinay, Glen Garfield Williams.
  7. ^ Vedi l'elenco dei convegni primaverili sul sito del SAE

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia Treccani, Breve storia dell'unionismo e dell'ecumenismo - 3.1 La nascita del segretariato attività ecumeniche, Enciclopedia Treccani
  • La «memoria» redatta da Maria Vingiani, pubblicata negli atti della Sessione estiva di formazione del Sae del 1987 (Laici, laicità, popolo di Dio. L’ecumenismo in questione, Napoli 1988, pp. 99-126) e poi separatamente, con alcune modifiche; l’ultima versione, M. Vingiani, Una esperienza di ecumenismo laicale. Memoria storica, Dall’amicizia al dialogo, a cura di R. Burigana, V. Bertalot, G. Bof, et al., et al., Roma 2004, pp. 355-387, il testo è reperibile anche con il titolo Una esperienza di ecumenismo laicale. Memoria storica, sul sito del SAE
  • M. Vingiani, Peculiarità dell’impegno ecumenico del SAE, Protestantesimo, 2001, 56, pp. 205-212
  • M. Vingiani, Il SAE: una esperienza di ecumenismo laicale, in San Luca Evangelista. Testimone della Fede che unisce, III, Ecumenismo, tradizioni storico-liturgiche, iconografia e spiritualità, a cura di F. G.B. Trolese, Padova 2004, pp. 27-38
  • G. Tosoni, Esperienza di ecumenismo laicale. Il SAE a 25 anni di cammino: lettura teologica, in AA.VV., Laici, laicità, popolo di Dio, Edizioni Dehoniane, Napoli 1988, pp. 127-135
  • R. Bertalot, Esperienza di ecumenismo laicale. Il SAE a 25 anni di cammino: il contributo dei laici, in AA.VV., Laici, laicità, popolo di Dio, Edizioni Dehoniane, Napoli 1988, pp. 136-139
  • L. Sartori, Esperienza di ecumenismo laicale. Il SAE a 25 anni di cammino:bilancio e prospettive, in AA.VV., Laici, laicità, popolo di Dio, Edizioni Dehoniane, Napoli 1988, pp. 140-145
  • A. Luzzatto, Quaranta sessioni: un tenpo per il dialogo e per la speranza (I), in AA.VV., Leggere i segni dei tempi, Ancora, Milano 2004, pp. 166-169
  • M. Gnocchi, Quaranta sessioni: un tenpo per il dialogo e per la speranza (II), in AA.VV., Leggere i segni dei tempi, Ancora, Milano 2004, pp. 170-187
  • F. Piccoli Sfredda, Il SAE e la sua originalità, Fedeltà, 2001, 26, pp. 221-223
  • L. Sartori, Segretariato Attività Ecumeniche, in Dizionario del Movimento Ecumenico, EDB, Bologna 1994, pp. 986-987.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Religioni: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di religioni