Bruno Segre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Bruno Segre (Torino, 4 settembre 1918) è un avvocato, giornalista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Torino il 4 settembre 1918 dove frequenta l'Università dal 1937 al 1940, ultimo allievo di Luigi Einaudi, di cui il padre era stato il primo nel 1901. Si laurea in legge il 15 giugno 1940, con una tesi di laurea dedicata a Benjamin Constant, fondatore del Liberalismo. C'erano però le leggi razziali fasciste, e a Segre, figlio di un genitore ebreo, non era permesso di esercitare la professione di avvocato. In questi anni si guadagna da vivere dando lezioni private, compilando tesi di laurea e collaborando, con lo pseudonimo Sicor, a settimanali di novelle, alla rivista "L'Idea Naturista" e a "L'Igiene e la Vita". Quest'ultima tosto soppressa dal fascismo proprio in seguito a un suo articolo antirazzista.

Il 21 dicembre 1942 Bruno Segre viene arrestato per disfattismo politico e trascorre oltre due mesi in carcere, mentre suo padre viene internato in Abruzzo. Dal 1943 comincia un'esistenza clandestina con la propria famiglia in un paesino del cuneese tra Busca, Caraglio e Dronero.

Nel settembre 1944, a Torino, Segre tenta di sfuggire all'arresto da parte della Guardia Nazionale Repubblicana. Ne nasce una sparatoria dalla quale si salva grazie al portasigarette di metallo che portava nella giacca, che ferma la corsa il proiettile. Viene tuttavia catturato e rinchiuso nella caserma di via Asti e poi trasferito nelle carceri giudiziarie Le Nuove, da dove fortunosamente riesce a uscire qualche tempo dopo, pagando un funzionario dell'U.P.I. Nell'estate del 1946 scriverà un memoriale dedicato alle vicende di questa esperienza di prigionia, Quelli di via Asti, che si deciderà a pubblicare solo nel 2013.

Entra a far parte della Resistenza armata arruolandosi nella 1ª divisione alpina "Giustizia e Libertà" a Pradleves (Val Grana) e prende parte alla liberazione di Caraglio.

Dopo la Liberazione, alla vigilia del referendum istituzionale, in un casuale incontro in Piazza Castello, con Umberto II d'Italia (detto "il Re di maggio"), Bruno Segre gli chiese provocatoriamente se avrebbe votato per la Monarchia o la Repubblica: Umberto rimase di stucco e si allontanò in fretta.

Lavora poi come cronista nel quotidiano liberale "L'Opinione", che sostituiva al tempo "La Stampa" ed era diretto da Franco Antonicelli e Giulio De Benedetti. È in questo ambiente che conosce Alcide De Gasperi, Ferruccio Parri, Gaetano Salvemini, Piero Calamandrei, Leo Valiani, Giuliano Vassalli e numerosi altri personaggi del mondo della cultura e della politica.

Dopo la chiusura de "L'Opinione", nel 1947 è redattore del quotidiano socialdemocratico "Mondo Nuovo", diretto da Corrado Bonfantini. Cessate le pubblicazioni di questo giornale nel 1948, riprende la pratica legale. Supera l'esame di procuratore pur continuando la collaborazione a Paese Sera, "Il Corriere di Trieste", "Corriere di Sicilia" e altri giornali. Nel 1949 esce il primo numero de "L'incontro", un mensile indipendente che chiuderà 70 anni più tardi, alla fine del 2018.

Negli anni 1970 Bruno Segre, durante la sua campagna di stampa a favore del divorzio, noleggia un piccolo aereo da turismo dal quale vengono lanciati 50 mila manifestini su Torino con questo testo: ”Il divorzio non viene dal cielo, ma dalla legge dell'on. Fortuna che alle 18 parlerà al Teatro Gobetti". Il comizio si svolge in un teatro pieno in ogni ordine di posti.

Dal 1958 al 1968 è consigliere degli Ospedali Psichiatrici di Torino, Collegno, Grugliasco, poi consigliere dell'Ordine regionale Piemonte-Valle d'Aosta dei giornalisti e consigliere nazionale della Federazione Nazionale Stampa Italiana.

Dal 1975 al 1980 è capogruppo del Partito Socialista Italiano nel Consiglio Comunale di Torino, esce dal Psi all'epoca di Bettino Craxi, dal 1980 al 1990 è sindaco effettivo dell'Istituto Bancario San Paolo di Torino e consigliere di varie società partecipate dall'Istituto.

Nel settembre 2018 ha festeggiato i 100 anni.[1]

È presidente della Federazione provinciale torinese dell'Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti (ANPPIA), presidente onorario della Associazione Nazionale del Libero Pensiero "Giordano Bruno” (del cui organo ufficiale, Libero pensiero, è stato per anni direttore) e presidente onorario della Consulta torinese per la laicità delle Istituzioni. È anche vicepresidente della Società per la Cremazione di Torino (SOCREM), dopo essere stato per 40 anni presidente della Federazione Italiana delle SOCREM, fondatore e direttore della rivista "L'ara".

Le battaglie politiche e legali[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 agosto 1949 Segre difese il primo obiettore di coscienza in Italia, Pietro Pinna, dinnanzi al Tribunale militare di Torino.[2] Fu un giudizio clamoroso (testimoni Umberto Calosso e Aldo Capitini) cui seguirono centinaia di altri processi. Fino al 1972, anno in cui l'obiezione di coscienza fu riconosciuta dalla legge, Bruno Segre sostenne innumerevoli casi di obiettori difendendo i giovani imputati innanzi ai tribunali militari di tutta Italia, impegnandosi anche con partecipazioni a conferenze, tavole rotonde, radio interviste, e la redazione di progetti di legge e articoli giornalistici.

Un'importante battaglia politico-legale è stata anche quella per il divorzio, insieme all'on. Loris Fortuna.[2] Condotta nelle strade, nei teatri, nei dibattiti sui giornali, con iniziative talora clamorose, come ad esempio quella organizzata assieme alla LID (Lega Italiana Divorzio) durante la quale avvenne il lancio di volantini dai palchi del Teatro Carignano durante un comizio antidivorzista presieduto dal democristiano Giuseppe Grosso.

Il mensile "L'incontro"[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1949 esce il primo numero de "L'incontro", un mensile indipendente contro l'intolleranza religiosa e il razzismo. Il giornale assume quello che sarà sempre il suo formato (su 9 colonne) e veste tipografica (la testata in rosso) con il numero di gennaio 1951. Svilupperà soprattutto le tematiche della pace, dei diritti civili e del laicismo, esordendo con la difesa di Pietro Pinna, battendosi poi per il riconoscimento del servizio civile, per il divorzio e per la laicità della scuola, combattendo contro i privilegi della Chiesa e del Concordato.

Il mensile, sempre diretto da Segre, chiuderà dopo 70 anni: l'ultimo numero porta la data di dicembre 2018 ed esce all'inizio di febbraio 2019. Nel suo commiato ai lettori, Segre ricorda che il giornale, aperto alla collaborazione di "tutti gli uomini liberi, tutti cittadini del mondo", era uscito con lo scopo di "smascherare le cause della guerra e combattere le barriere economiche, sociali e ideologiche". Nell'editoriale d'addio, dovuto anche alla sua età di centenario che lo costringe a fermarsi "all'ultima tappa", Segre rammenta che il giornale "non ha mai chiesto né ricevuto contributi finanziari, geloso della propria assoluta indipendenza". Ed auspica anche che qualcuno possa proseguire "la nostra attività giornalistica, acquistando la testata L'Incontro e rispettando la sua tradizionale funzione ispirata a un socialismo libertario, fedele agli ideali di Giustizia e Libertà collaudati nella Resistenza".[3]

L’appello lanciato da Bruno Segre è stato accolto da un gruppo di professionisti e imprenditori torinesi, che hanno fondato la Società Editrice L’Incontro srl, che si propone di ripensare la rivista online.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Viva la libertà". Il brindisi del partigiano Bruno Segre alla festa dei suoi cento anni, su lastampa.it, 5 settembre 2018. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  2. ^ a b Bruno Segre: "Fascismo era slogan e ignoranza, ora la libertà è il bene supremo, su torinoggi.it, 31 gennaio 2019. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  3. ^ Massimo Novelli, Da Pietro Pinna al divorzio fino alla difesa della Carta: chiude il mensile "L'incontro", Il Fatto Quotidiano, 6 febbraio 2019, p.8

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AAVV, Le periferie della memoria. Profili di testimoni di pace, edizione dell'ANPPIA e del Movimento Non Violento.
  • Nicola Ivaldi, Non mi sono mai arreso. Intervista all'avvocato Bruno Segre, Lupieri Editore, Torino, 2009.
  • Aforismi. Cultura e divertimento, a cura di Bruno Segre, edizioni de L'incontro, Torino, 2012.
  • Bruno Segre, Quelli di via Asti. Memorie di un detenuto nelle carceri fasciste nell'anno 1944, a cura di Carlo Greppi, prefazione di Diego Novelli, Edizioni SEB27, Torino, 2013. ISBN 978-88-86618-96-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN307443816 · ISNI (EN0000 0004 3041 3914 · LCCN (ENno2013103726 · BNF (FRcb16998067m (data) · WorldCat Identities (ENno2013-103726