Seconda apocalisse di Giacomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Seconda apocalisse di Giacomo
Datazione metà del II secolo
Attribuzione Giacomo il Giusto
Luogo d'origine Siria-Palestina
Manoscritti Codici di Nag Hammâdi (V.4)

La Seconda apocalisse di Giacomo è un testo della letteratura cristiana primitiva, ritenuto perduto per secoli e poi ritrovato tra i Codici di Nag Hammâdi (V.4) in una versione in lingua copta. Fu composto probabilmente alla metà del II secolo, in lingua greca, in ambiente gnostico; l'attribuzione pseudoepigrafa è a Giacomo il Giusto, "fratello del Signore".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Voce dal sito earlychristianwritings.com
  • (EN) Traduzione inglese a cura di Charles W. Hedrick dal sito gnosis.org

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]