Vangelo di Cerinto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Vangelo di Cerinto è un vangelo attribuito a Cerinto (inizio II secolo) in base ad una interpretazione della testimonianza di Epifanio di Salamina (Panarion adversus omnes haereres, 51.7.3); secondo gli Alogi, la cui opinione è riportata da Epifanio, sarebbe coincidente col Vangelo secondo Giovanni, in realtà composto da Cerinto.

Altrove (28.5.1) Epifanio testimonia che il vangelo usato da Cerinto e da Carpocrate era lo stesso degli Ebioniti e quindi una versione del Vangelo secondo Matteo mancante del racconto della natività virginale.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Wilhelm Schneemelcher, Robert McLachlan Wilson, New Testament Apocrypha: Gospels and related writings, Westminster John Knox Press, 2003, ISBN 066422721X, p. 397.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]