Scogli Drasenachi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scogli Drasenachi
Dražemanski
Geografia fisica
LocalizzazioneMare Adriatico
Coordinate43°45′27″N 15°40′42″E / 43.7575°N 15.678333°E43.7575; 15.678333Coordinate: 43°45′27″N 15°40′42″E / 43.7575°N 15.678333°E43.7575; 15.678333
Arcipelagodi Sebenico
Altitudine massima40,1[1] m s.l.m.
Geografia politica
StatoCroazia Croazia
RegioneRegione di Sebenico e Tenin
ComuneMorter-Incoronate
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Scogli Drasenachi
Scogli Drasenachi
voci di isole della Croazia presenti su Wikipedia

Gli scogli Drasenachi[2], Drasemaski[3] o Drusumanschi[4][5] (in croato: Dražemanski) sono due isolotti disabitati della Croazia situati nel mare Adriatico a sud-est di Morter. Amministrativamente fanno parte del comune Morter-Incoronate[6], nella regione di Sebenico e Tenin, e appartengono all'arcipelago di Sebenico.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli scogli si trovano all'ingresso meridionale del canale di Morter[2][7] (Murterski kanal), tra punta Rat (Rat), l'estremità meridionale di Morter, e punta Obinus Grande[8] (rt Obinuš veliki), detta anche punta Obenus[4], che si trova sulla costa dalmata a nord-ovest di Trebocconi.

Isole adiacenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g (HR) Mappa topografica della Croazia 1:25000, su preglednik.arkod.hr. URL consultato il 30 luglio 2017.
  2. ^ a b Alberi, pp. 759-760.
  3. ^ a b G. Giani, Carta prospettiva delle Comuni censuarie della Dalmazia, foglio 6, 1839. Fondo Miscellanea cartografica catastale, Archivio di Stato di Trieste.
  4. ^ a b c Marieni, p. 226.
  5. ^ a b Carta di cabottaggio del mare Adriatico[collegamento interrotto], foglio VII, Milano, Istituto geografico militare, 1822-1824. URL consultato il 27 luglio 2017.
  6. ^ (HR) Državni program [Programma Nazionale] (a cura di), Pregled, položaj i raspored malih, povremeno nastanjenih i nenastanjenih otoka i otočića [Analisi, posizione e schema di isolotti e piccole isole, periodicamente abitati e disabitati] (PDF), su razvoj.gov.hr, 2012, p. 25. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  7. ^ Vadori, p. 498.
  8. ^ Vadori, p. 544.
  9. ^ a b Natale Vadori, Italia Illyrica sive glossarium italicorum exonymorum Illyriae, Moesiae Traciaeque ovvero glossario degli esonimi italiani di Illiria, Mesia e Tracia, 2012, San Vito al Tagliamento (PN), Ellerani, p. 69, ISBN 978-88-85339-29-3.
  10. ^ a b c d Duplančić, pp. 12-30.
  11. ^ Greben Bačvica, su listoflights.org. URL consultato il 30 luglio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]