Sciuscià (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sciuscià
Sciuscià logo 2002.png
Paese Italia
Anno 2000-2002
Genere talk show, politico
Lingua originale italiano
Crediti
Conduttore Michele Santoro
Regia Andrea Soldani
Rete televisiva Rai 1 (2000)
Rai 2 (2000-2002)

Sciuscià è stato un talk-show politico televisivo italiano condotto da Michele Santoro, andato in onda su Rai 1 e Rai 2 dal 2000 al 2002.

Ogni puntata comprendeva una serie di reportage di tematiche solitamente politiche e sociali.

Nell'annata 2000-2001 andò in onda solo come reportage rispettivamente di martedì e giovedì in seconda serata, mentre l'edizione 2001-2002 era divisa in due format; uno, quello classico da reportage, che veniva sempre trasmesso in seconda serata al martedì, l'altro, da talk-show politico, trasmesso ogni venerdì in prima serata con il titolo Sciuscià - Edizione straordinaria.

Sospensione della trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Editto bulgaro.

È stata una delle tre trasmissioni televisive criticate dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi il 18 aprile 2002 con l'editto bulgaro, in quanto testimonianza dell'«uso criminoso» che Santoro faceva della televisione pubblica.

Il programma televisivo venne in seguito sospeso. Santoro lasciò il programma il 20 aprile 2002, in un'edizione speciale dello stesso, cantando Bella ciao, il celebre canto partigiano italiano.[1]

In continuità di Sciuscià nacque nel 2006 Annozero.

Ascolti della stagione 2001/2002[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 giugno 2011 Michele Santoro ha pubblicato sul sito web di Annozero lo storico degli ascolti delle sue trasmissioni andate in onda su Rai 3 e su Rai 2.[2]

Sciuscià registrò degli ascolti pari a 4.221.000 telespettatori con uno share del 17,72%, all'epoca Rai 2 nelle 24 ore faceva il 13,51% di share.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione