Schiavi dell'inferno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schiavi dell'inferno
Titolo originale The Hellbound Heart
Autore Clive Barker
1ª ed. originale 1986
1ª ed. italiana 1991
Genere romanzo
Sottogenere orrore
Lingua originale inglese


Schiavi dell'inferno (The Hellbound Heart) è un breve romanzo dell'orrore dello scrittore inglese Clive Barker, pubblicato inizialmente nel novembre del 1986 dalla casa editrice Dark Harvest nel terzo volume della serie antologica Night Visions.[1] Esso ispirò il film Hellraiser del 1987, il primo di una fortunata serie. Fu ripubblicato in singolo volume in patria dalla HarperCollins nel 1988 e in Italia dalla Sonzogno nel 1991, dopo il successo del film. Si tratta di un esempio dello stile macabro e sanguinolento introdotto da Barker nella sua raccolta di racconti Libri di sangue. La storia si focalizza su un rompicapo soprannaturale e sull'orrore che si scatena su una famiglia che ha la sventura d'imbattervisi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Frank Cotton è un edonista che ha consacrato la sua vita alla ricerca egoistica e determinata delle sensazioni più estreme. Ritenendo di avere sperimentato ogni piacere che il mondo possa offrire, Frank si sente inappagato e desideroso di qualcosa di più spinto. Sente parlare del cubo di Lemarchand, una scatola-rompicapo che costituirebbe una porta per un regno extradimensionale di smisurato piacere sessuale. Avendone trovato il proprietario a Düsseldorf, Frank ottiene la scatola facendogli dei "piccoli favori" e ritorna con essa alla casa della defunta nonna in Inghilterra. Frank prepara delle offerte rituali per gli abitanti del regno: i Supplizianti, membri di un ordine religioso dedicato ad esperienze sensuali estreme.

Avendo aperto la scatola, Frank si ritrova confuso e inorridito quando i Supplizianti, invece che belle donne, si rivelano essere orribili creature mutilate i cui corpi sono stati modificati a tal punto da apparire asessuati. Ciononostante, Frank accetta con entusiasmo la loro proposta di fare esperienze come mai in precedenza, malgrado i loro ripetuti avvertimenti che potrebbe non trattarsi di quello che si aspetta e che non potrà recedere dall'accordo. Frank diventa quindi l'ultimo "esperimento" dei Supplizianti, che lo sottopongono ad un sovraccarico sensoriale tale che egli comprende che la devozione dei Supplizianti al sadomasochismo è così estrema che non fanno più differenza tra il dolore e il piacere. Frank è risucchiato nel mondo dei Supplizianti, dove si rende conto che sarà soggetto ad un'eternità di (per come la concepiscono gli esseri umani) tortura.[2]

Qualche tempo dopo, il fratello di Frank, Larry Cotton detto Rory si trasferisce nella casa con la moglie Julia. All'insaputa di Rory, Julia aveva avuto una relazione con Frank una settimana prima delle loro nozze, e aveva passato tutto il tempo matrimonio ossessionando e desiderando Frank poiché rimaneva col marito solo per necessità finanziarie. Durante il trasloco, Rory si taglia accidentalmente e alcune stille di sangue cadono sul punto dove Frank era stato prelevato dai Supplizianti. Il sangue, mescolato al seme che Frank aveva eiaculato sul pavimento, apre un altro varco dimensionale attraverso il quale Frank fugge. Tuttavia, il suo corpo si è ridotto ad un cadavere essiccato per effetto degli esperimenti dei Supplizianti. Julia lo trova e gli promette di ricostituire il suo copro perché possano vivere ancora la loro relazione.

Mentre Rory è al lavoro, Julia si mette a sedurre uomini nei bar e portarli nella soffitta, dove li assassina offrendoli poi in pasto a Frank, il cui corpo inizia lentamente a rigenerarsi. Kirsty, un'amica di Rory che lo ama segretamente, sospetta che Julia abbia un amante e cerca di coglierla sul fatto, ma invece incontra Frank, che attenta alla sua vita. Kirsty ruba la scatola e scappa dalla casa, cadendo esausta in strada. È portata in ospedale, dove risolve il rompicapo e inavvertitamente evoca i Supplizianti. Questi inizialmente provano a portare Kirsty con loro, finché la donna non racconta loro di Frank; scettici sul fatto che uno dei loro esperimenti possa essere fuggito, i Supplizianti concordano di non toccare Kirsty in cambio del ritorno di Frank.

Kirsty conduce i Supplizianti da Frank, che ora indossa la pelle di Rory, appena scorticato. Ne deriva un altro alterco, durante il quale l'irriducibile Frank uccide involontariamente Julia. Consci dell'identità di Frank, compaiono i Supplizianti che dilaniano Frank con un gran numero di uncini per riportarlo nel loro regno. Giù dalle scale, Kirsty vede la testa staccata di Julia che le chiede aiuto, richiesta che sembra non avere successo dato che appare la testa luminosa di una creatura che si presenta come l'Ingegnere, per portare via anche la moglie fedifraga. Mentre abbandona la casa, Kirsty è urtata dall'Ingegnere, che la esorta ad aver cura della scatola finché un altro degenerato non venga a cercarla. Guardando la sua superficie laccata, Kirsty immagina di vedervi riflessi i volti di Julia e di Frank, ma non quello di Rory. Si domanda allora se esistano altri rompicapi, attraverso i quali trovare la strada possa raggiungere Rory per aprirgli le porte del paradiso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) ISBN database: Night Visions III
  2. ^ (EN) Linda Badley, Writing horror and the body: the fiction of Stephen King, Clive Barker, and Anne Rice, in Contributions to the study of popular culture, vol. 51, Greenwood Publishing Group, 1996, p. 96, ISBN 0-313-29716-9.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Clive Barker, Schiavi dell'inferno, traduzione di Tullio Dobner, I romanzi Sonzogno, Milano, Sonzogno, 1991, pp. 124, ISBN 88-454-0422-6.
  • Clive Barker, Schiavi dell'inferno, traduzione di Tullio Dobner, I Grandi Tascabili Bompiani Best Seller 306, Milano, Bompiani, 1993, pp. 124, ISBN 88-452-2134-2.
  • Clive Barker, Schiavi dell'inferno, traduzione di Francesca Noto, Trieste, Independent Legions Publishing, 2017, pp. 186, ISBN 978-88-99569-62-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]