Sbergia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sbergia
Flameprince Sbergia.jpg
Smergie in un pescheto di Torregrotta
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneSicilia
Zona di produzionevalle del Niceto
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
SettoreOrtofrutticoli e cereali

La Sbergia (o Smergia[1]) è una varietà di pesca nettarina, cultivar Sbergiu[2][3], diffusa soltanto nella valle del Niceto[1] - nei comuni di Torregrotta, Monforte San Giorgio e San Pier Niceto[3][4] (Sicilia) - di cui costituisce un prodotto endemico[1][5].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Raccolta solitamente tra luglio e agosto[6], è caratterizzata dalla pelle liscia[1], la polpa bianca[7], il profumo all'olfatto e dolcezza al gusto[1]. Inoltre, «le caratteristiche pedo-climatiche e colturali tipiche dell'aria di diffusione, conferiscono alla” Sbergia “delle peculiarità organolettiche non riscontrabili nelle produzioni di altre località»[4]. Tuttavia il prodotto si deteriora rapidamente e gli alberi che lo fruttificano sono molto esigenti in fatto di difesa parassitaria, potatura e sostegno rami[8]. Attualmente la Sbergia viene prodotta su una superficie stimata tra i 75 e i 90 ettari[3][4] con una produzione media globale annua di circa 8000 tonnellate[3]. Il mercato di commercializzazione è limitato alle provincie di Messina, Catania e Reggio Calabria[3] e, a causa delle modeste dimensioni delle superfici coltivate, le produzioni non riescono a soddisfare le richieste di mercato[6]. Il ricavo lordo si aggira tra 800.000 e 1,5 milioni di euro su tutto il comprensorio di diffusione[8].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione, la Sbergia fu introdotta per la prima volta dalle popolazioni arabe che si stanziarono nella zona a partire dal 965, come risultato di alcuni innesti sperimentali[9]. Lo stesso termine Sbergia deriverebbe dall'arabo al-berchiga, trasformato poi nel francese alberges durante la dominazione angioina, fino ad approdare, dopo varie modificazioni linguistiche, all'attuale terminologia. La coltivazione della Smergia nella valle del Niceto è accertata con prove documentali già a partire dal XVI secolo, evidenziata da Antonino Venuti nel suo trattato De agricultura opusculum del 1516[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Crisafulli
  2. ^ Maimone, 1993, p.46.
  3. ^ a b c d e f Bacarella, 2003, p.47.
  4. ^ a b c Maimone, 1993, p.47.
  5. ^ Pandolfo, 1999, p.4.
  6. ^ a b Maimone, 1993, p.48.
  7. ^ Giuseppe Casagrande, Tesori nascosti della Sicilia orientale, su asa-press.com, Associazione Stampa Agroalimentare Italiana. URL consultato il 19 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  8. ^ a b Pippo Marco, Smerge e patata primaticcia. Protagoniste dell’economia agricola torrese del secolo, in Torregrotta Notizie, Comune di Torregrotta, - giugno 1998, 8-9.
  9. ^ Melo Freni, Un aeroporto mette a rischio le "smerge" dono superstite del giardino dell'Eden, in Gazzetta del Sud, Società Editrice Sud, 15 settembre 2007.
    «In quanto al frutto, è facile invece sentir parlare di un innesto sperimentato dagli arabi in quei secoli a cavallo dell'anno Mille, allorché fecero della Sicilia il più bel giardino del Mediterraneo, cantato dai poeti: il giardino di Hamdis.»

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]