Percoca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Percocca col pizzo, percoca puteolana, percoca terzarola, giallone di Siano
Percoca.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniCampania
Basilicata
Puglia
Calabria
Zona di produzioneArea flegrea, Siano e dintorni
Dettagli
Categoriaortofrutticolo
RiconoscimentoP.A.T.
Settoreprodotti vegetali allo stato naturale o trasformati
 

« 'O vino c'â percoca, è 'nu cannone! »

(Anonimo detto napoletano: Il vino con la percoca è una cannonata!)

Per percocche (o nella forma dialettale percochi nella Terra di Bari, pricuechi in Terra d'Otranto o pescocche in alcune zone del Nord Italia) si intendono alcune varietà di pesca a polpa gialla, ma anche bianca, a volte diffusa di rosso, compatta e non spicca, cioè aderente al seme, che sono coltivate in diverse regioni italiane.

Le percoche, per l'intensità del sapore, per l'intenso profumo e per la compattezza della polpa sono spesso sinonimo di "pesche industriali", quindi vocate per la produzione industriale dei migliori derivati di pesca: succhi, creme, polpe e frutta sciroppata. Per contro, la compattezza della polpa adesa al seme è tale da costringere a staccarla con il coltello. Il nome percocca e il colore aranciato dei frutti ha portato alla falsa credenza, specialmente nel Nord Italia dove il prodotto è meno comune, che si tratti di un ibrido tra la pesca e l'albicocca; nonostante ciò, la percoca è in realtà una pesca a tutti gli effetti. Vero è che l'etimologia di percoca risale all'arabo barquq, termine che indica in realtà l'albicocca. Lo stesso nome italiano albicocca deriva infatti dalla forma inclusiva dell'articolo, al-barquq.

Sono particolarmente note le coltivazioni in Campania, in particolare nell'area flegrea, nella Valle del Sarno e a Siano (SA). Sono coltivate e molto diffuse anche in Puglia, Basilicata e Calabria.

Sono riconosciute in Campania, come prodotto agroalimentare tradizionale, le seguenti varietà:

Percoca nel vino[modifica | modifica wikitesto]

In quasi tutta la Campania e in alcune zone della Basilicata, Molise e nella Puglia è diffusa l'usanza di immergere pezzettoni di percoca in un contenitore pieno di vino rosso o bianco, da riporre in frigo. A questa specialità, che si consuma bevendo prima il vino e poi mangiando le percoche intrise di vino rimaste sul fondo del bicchiere,[1] è dedicata una sagra annuale, che si tiene a Siano.[2]

Una sagra simile si tiene anche a Loconia, frazione di Canosa di Puglia.[3] [4] [5]

Anche al Nord e specialmente in Liguria preparazioni simili sono largamente consumate come dessert; in queste zone al posto delle percoche, meno facilmente reperibili che al Sud, si usano a volte pesche di altre varietà non ancora completamente mature.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 'A percoca ind' 'o vino
  2. ^ Sagra della percoca nel vino e della braciola di capra - Siano(Sa)
  3. ^ Canosaweb il portale cittadino di Canosa di Puglia][collegamento interrotto]
  4. ^ Canosaweb il portale cittadino di Canosa di Puglia][collegamento interrotto]
  5. ^ Canosaweb il portale cittadino di Canosa di Puglia][collegamento interrotto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Schede dal sito ufficiale della Regione Campania: