San Sigismondo (Chienes)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Sigismondo
frazione
San Sigismondo/St. Sigmund
San Sigismondo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaSuedtirol CoA.svg Bolzano
ComuneChienes-Stemma.png Chienes
Territorio
Coordinate46°48′51″N 11°48′15″E / 46.814167°N 11.804167°E46.814167; 11.804167 (San Sigismondo)Coordinate: 46°48′51″N 11°48′15″E / 46.814167°N 11.804167°E46.814167; 11.804167 (San Sigismondo)
Altitudine750 m s.l.m.
Abitanti592 (2007)
Altre informazioni
Cod. postale39030
Prefisso0474
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiSt. Sigmunder / di San Sigismondo
Patronosan Sigismondo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Sigismondo
San Sigismondo

San Sigismondo (St. Sigmund in tedesco) è una frazione del comune italiano di Chienes in val Pusteria, in provincia di Bolzano, a 750 m s.l.m.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La frazione è ubicata laddove la vallata si allarga in una vasta zona pianeggiante; per tale motivo essa gode di una ottima condizione climatica durante tutto l'anno.

Ripartizione territoriale[modifica | modifica wikitesto]

San Sigismondo St Sigmund-Ripartizione Superficie Territoriale.gif

Fonte: Comune di Chienes

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le sue origini risalgono al 1050-1065, quando venne denominata Burin[1] - che nell'Alto tedesco antico significa "casa murata" - e successivamente nel 1295 Pewern e nel 1318 Pæuren[2]. Il cambio del nome, avvenuto nel Quattrocento, è dovuto al particolare interesse che il duca Sigismondo d'Austria (1449-1489) dedicò al paese; è del 1456 la prima attestazione del toponimo Sandt Sigmundt[3]. Fu comune autonomo fino al 1929.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchiale di San Sigismondo

Dal punto di vista architettonico il paese è basato sulle originali costruzioni sudtirolesi, i masi. Il punto di interesse principale è la chiesa parrocchiale, fatta erigere proprio dal duca austriaco Sigismondo, nella quale si trova il più antico e meglio conservato altare "a portelle" del Tirolo datato intorno al 1430 e probabilmente commissionato in onore della nascita di Sigismondo[4]. L'esterno reca un monumentale affresco di San Cristoforo.

Altro punto di interesse è la chiesa di Nostra Signora (in tedesco Stöcklkapelle) risalente al 1621 ed edificata in stile barocco.

Alle spalle della stazione ferroviaria, al di là del fiume Rienza, si trovano i "bagni di Ilistra" (in tedesco Ilstern), dove un tempo vi erano strutture per cure termali. Sempre in questa zona si trova la chiesa di Sant'Ulrico (in tedesco St. Ulrich) risalente all'anno 1491 ed ottimamente conservata.

San Sigismondo offre diverse possibilità dal punto di vista gastronomico, oltre che dal punto di vista escursionistico, infatti in zona si trovano diversi sentieri di montagna da poter percorrere.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

San Sigismondo Evoluzione demografica.gif

Fonte: Comune di Chienes

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Oswald Redlich (a cura di), Die Traditionen des Hochstifts Brixen (Acta Tirolensia, 1), Innsbruck, Wagner, 1899, n. 89.
  2. ^ (DE) Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 402. ISBN 88-7014-634-0
  3. ^ (DE) Friedrich Hausmann (a cura di), Das Brixner Briefbuch des Kardinals Nikolaus von Kues (Cusanus-Texte, 4,2), Heidelberg, Akademie der Wissenschaften, 1952, n. 135.
  4. ^ (DE) Franz-Heinz Hye, Der Altar von St. Sigmund im Pustertal - ein Denkmal zur Erinnerung an die Geburt Herzog Sigmunds des Münzreichen?, in Der Schlern, 46, 1972, pp. 120-124.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Edmund Theil, St. Sigmund im Pustertal (Kleine Laurin-Kunstführer, 14), Bolzano, Athesia, 1982. ISBN 88-7014-220-5
  • (DE) Leo Andergassen, Kirchen in Kiens - Kiens, Ehrenburg, Hofern, St. Sigmund, Bolzano, Pluristamp, 1996.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4104436-8