San Francesco davanti al Sultano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Francesco davanti al Sultano
Giotto di Bondone - Legend of St Francis - 11. St Francis before the Sultan (Trial by Fire) - WGA09132.jpg
Autore Giotto?
Data 1295-1299 circa
Tecnica affresco
Dimensioni 230×270 cm
Ubicazione Basilica superiore di Assisi, Assisi

San Francesco davanti al Sultano (o Prova del fuoco) è l'undicesima delle ventotto scene del ciclo di affreschi delle Storie di san Francesco della Basilica superiore di Assisi, attribuiti a Giotto. Fu dipinta verosimilmente tra il 1295 e il 1299 e misura 230x270 cm.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Questo episodio appartiene alla serie della Legenda maior (IX,8) di san Francesco: "Quando il beato Francesco per la fede in Cristo volle entrare in un grande fuoco coi sacerdoti del Soldano di Babilonia[1]; ma nessuno di loro volle entrare con lui, e subito tutti fuggirono dalla sua vista."

San Francesco si recò realmente in oriente con la Quinta Crociata ed incontrò il sultano ayyubide al-Malik al-Kāmil. L'incontro tra i due personaggi è sicuramente avvenuto; improbabile, invece, la versione secondo la quale san Francesco abbia tentato di convertire il sultano, che rimase comunque colpito dalla figura ascetica del santo. La prova del fuoco cui si sottopose volontariamente Francesco gli fece guadagnare molta stima nei confronti del sultano e della corte.

Davanti al santo i preziosi regali donatigli dal sultano, che però il frate rifiutò. Francesco si rivolge allora al fuoco, sfidando a passarci incolume attraverso per dimostrare la veridicità dei suoi argomenti religiosi e la protezione assegnatagli da Dio, mentre un gruppo di astanti appare sorpreso e spaventato. Anche in questo caso, come in altre scene, l'architettura dello sfondo ha il ruolo di coordinare la scansione dei gruppi e quindi facilitare la lettura della scena. Dei preziosi inserti metallici che decorano i bassorilievi alla base del trono restano oggi alcune tracce parziali.

Alcuni attribuiscono questa scena a Memmo di Filippuccio o al maestro della volta dei Dottori della Chiesa, oppure viene rilevata una stesura in gran parte non autografa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ in realtà era il sultano del Cairo, non di Baghdad, identificata con Babilonia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maurizia Tazartes, Giotto, Rizzoli, Milano 2004. ISBN non esistente
  • Edi Baccheschi, L'opera completa di Giotto, Rizzoli, Milano 1977. ISBN non esistente
  • Francesco e il Sultano. Atti della Giornata di Studio (Firenze, 25 settembre 2010), Studi Francescani, Firenze 2011.
  • Tolan John, Il santo dal sultano. L'incontro di Francesco d'Assisi e l'Islam, Laterza 2009.
  • Jeusset Gwenolé, San Francesco e l'Islam, Terra Santa 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]