Madonna col Bambino ridente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Madonna col Bambino ridente
Giotto, madonna col bambino ridente, assisi.jpg
AutoreGiotto (attr.)
Data1291-1295 circa
Tecnicaaffresco
Dimensioni110×110 cm
UbicazioneBasilica superiore, Assisi

La Madonna col Bambino ridente è un affresco (diametro 110 cm) attribuito al giovane Giotto, databile al 1291-1295 circa e situato sulla controfacciata della Basilica superiore di Assisi.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Al centro della controfacciata, sopra il portale della basilica, si trovano tre medaglioni con la Madonna col Bambino ridente (al centro) e due Angeli (ai lati). Più in alto, oltre la lunetta con la Pentecoste e l'Ascensione, si trovano poi altri due grandi medaglioni con San Pietro e San Paolo, che simboleggiano la protezione papale diretta sulla basilica. Un po' tutte le scene della controfacciata sono attribuite al giovane Giotto o ai suoi collaboratori, in un momento immediatamente precedente all'inizio dei lavori alle Storie di san Francesco, anche se c'è chi colloca le figure più in basso, in particolare la Madonna, a un momento contemporaneo alla pittura delle vicende francescane (come Luciano Bellosi). Il colore è comunque più compatto rispetto alle storie dei registri superiori, e l'illuminazione è più forte.

Maria ha una volumetria solida e possente, espansa quasi a diventire, con l'arco delle spalle, una "cupola" tridimensionale. Col volto elegantemente incorniciato da un velo chiaro, semitrasparente, e con lo sguardo assente (presago del destino tragico di Cristo), regge con presa salda il figlio. Gesù sembra sgambettare allegro e, voltandosi a guardare la madre, compie il primo sorriso della pittura italiana.

Ai lati della Madonna si trovano altri due clipei con angeli a mezza figura, voltati verso di essa (diametro 60 cm ciascuno). Le considerazioni stilistiche sono simili a quelle che si possono fare per la Madonna, con le forme pienamente plastiche e una fermezza solenne e composta.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Bellosi, Giotto, in Dal Gotico al Rinascimento, Scala, Firenze 2003. ISBN 88-8117-092-2
  • Edi Baccheschi, L'opera completa di Giotto, Rizzoli, Milano 1977. ISBN non esistente

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]