SCAT Airlines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SCAT Airlines
SCAT Airlines, LY-AZV, Boeing 737-7GL (25771666011).jpg
Compagnia aerea regionale
Codice IATADV
Codice ICAOVSV
Identificativo di chiamataVLASTA
Inizio operazioni di volo1997
Descrizione
HubAeroporto di Şımkent
Hub secondariAeroporto Internazionale di Astana, Aeroporto Internazionale di Almaty
Flotta18
Azienda
Fondazione1997
StatoKazakistan Kazakistan
SedeAeroporto di Şımkent, Şımkent
Persone chiaveVladimir Denisov, presidente; Vladimir Sytnik, vice presidente
Sito web
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Boeing 737-500 nella livrea storica della SCAT Airlines.

La PLL Scat Aircompany o SCAT (Special Cargo Air Transport) è una compagnia aerea regionale del Kazakistan con sede a Şımkent. Fondata nel 1997 è oggi operativa con una flotta di 14 aeromobili effettivamente operativi e serve 33 destinazioni.

La compagnia aerea è una società costituita da Vladimir Denisov con il 53% delle azioni e da Vladimir Sytnik che detiene il restante 47% e ha sede presso l'aeroporto internazionale della città kazaka di Shymkent.

La compagnia SCAT è nella lista delle compagnie attualmente soggette a divieto operativo all'interno dell'Unione europea[1]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Al febbraio 2013 la flotta di SCAT è così composta:[2]

per un totale di 16 aeromobili con un'età media di 17 anni.

Nel mese di novembre 2017 anno la compagnia ha stipulato un solido contratto per l'acquisto di sei velivoli di ultima generazione Boeing 737 MAX 8 con una società americana Boeing.

Destinazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le destinazioni servite dalla compagnia a dicembre 2012 sono:

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Egitto Egitto

Asia[modifica | modifica wikitesto]

Medio Oriente
Kazakistan Kazakistan
Uzbekistan Uzbekistan
Estremo Oriente
Cina Cina
Vicino Oriente
Armenia Armenia
Azerbaigian Azerbaigian
Georgia Georgia
Turchia Turchia

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Russia Russia
Ucraina Ucraina

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

il Bombardier CRJ-200 con marche UP-CJ006 distrutto nel disastro del volo DV-760

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]