Rudi Hiti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rudi Hiti
Nazionalità bandiera Jugoslavia
Slovenia Slovenia dal 1991
Altezza 178 cm
Peso 78 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex-attaccante)
Squadra Ritirato
Ritirato 1986 (2001[1])- giocatore
2000 - allenatore
Hall of fame Hall of Fame IIHF (2009)
Carriera
Giovanili
1959-1962 Jesenice
Squadre di club
1962-1964 HK Kranjska Gora ? (?)
1964-1968 Jesenice ? (?)
1968-1970 Olimpija Lubiana ? (?)
1970 Chicago Blackhawks 0 (0)
1971 LA Sharks ? (?)
1971-1974 Olimpija Lubiana ? (?)
1974-1976 Alleghe ? (?)
1976 Olimpija Lubiana ? (11)
1976-1980 Bolzano ? (?)
1976-1977 Diavoli Rossoneri Milano ? (?)
1980-1982 Olimpija Lubiana ? (?)
1982-1984 Como ? (?)
1985-1986 Jesenice ? (?)
2000-2001 Bled 2 (0)
Nazionale
Jugoslavia Jugoslavia 177 (84)
Carriera da allenatore
1983-1984 Como
1986-1988 Bolzano
1988-1989 Jesenice
1989-1990 Bolzano
1991-1992 Bled
1992-2000 Slovenia Slovenia
Statistiche aggiornate al 19 novembre 2013

Rudi Hiti (Jesenice, 4 novembre 1946) è un allenatore di hockey su ghiaccio ed ex hockeista su ghiaccio jugoslavo, dal 1991 con cittadinanza slovena.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

In Jugoslavia[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe nel settore giovanile della squadra della sua città, lo Jesenice[2]. A 16 anni passò al Kranjska Gora, dove si mise in luce tanto da raggiungere la Nazionale.

In patria ha giocato anche per l'Olimpija Ljubljana. In totale vinse quattro titoli jugoslavi, due con lo Jesenice ed altrettanti con l'Olimpija.

Con la maglia della Nazionale jugoslava ha partecipato a due edizioni delle olimpiadi: Grenoble 1968 (nono posto finale) e Sapporo 1972 (undicesimo). Ha preso parte a 17 edizioni del campionato mondiale, la maggior parte delle quali nel gruppo B.

In Nord America[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1970 Hiti ha calcato il ghiaccio nordamericano. Dapprima in NHL con i Chicago Blackhawks, ma un infortunio alla mandibola durante il primo incontro amichevole fece sì che il giocatore venisse tagliato[3]; poi con i Los Angeles Sharks in WHA[2].

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il 1974 segna il suo ritorno in Europa: lo mise infatti sotto contratto la squadra italiana dell'Alleghe[2]. Dopo due stagioni con le civette fu messo sotto contratto dal Bolzano, dove giocava il fratello Gorazd e con gli altoatesini si aggiudicò tre scudetti consecutivi: 1976-1977, 1977-1978 e 1978-1979. Disputa anche la Summer League nel 1977 con la maglia dei Diavoli Rossoneri.

Dopo il terzo posto del 1980, fece ritorno in patria per alcune stagioni, salvo tornare per giocare in Serie B al Como nel 1983-1984, ottenendo la promozione in massima divisione nelle vesti di giocatore-allenatore[2]. Inattivo nel 1984-1985, l'anno seguente gioca in Jugoslavia con lo Jesenice, quindi lascia le piste.

Nella stagione 2000-2001 gioca due partite di campionato in Slovenia, con la divisa del Bled.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha cominciato ad allenare nel 1989-1990, vincendo al primo tentativo lo scudetto. Nella stagione successiva chiuse invece al secondo posto, dietro al Milano Saima.

Nel 1991 allena il Bled in Slovenia e l'anno dopo diviene il primo selezionatore della neonata Nazionale slovena.

Gli è stata intitolata la Poletna liga Rudi Hiti, una competizione estiva disputata in Slovenia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Titoli nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Jesenice: 1964-1965, 1965-1966, 1966-1967, 1967-1968
Olimpija Ljubljana: 1971-1972, 1973-1974
Jesenice: 1966-1967, 1967-1968
Olimpija Ljubljana: 1971-1972
Bolzano: 1976-1977, 1977-1978, 1978-1979

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

2007
2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel 2001 torna in campo per due sole partite con il Bled.
  2. ^ a b c d (SL) Trenerji - Rudi Hiti, rudi-hiti.si. URL consultato il 19 novembre 2013.
  3. ^ (EN) International hockey legends: Rudi Hiti, internationalhockeylegends.blogspot.it. URL consultato il 19 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]