Robert Reich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Robert Reich
Robert Reich.jpg

22° Segretario del Lavoro
Durata mandato 20 gennaio 1993 – 10 gennaio 1997
Predecessore Lynn Morley Martin
Successore Alexis Herman

Dati generali
Partito politico Democratico

Robert Bernard Reich (Scranton, 24 giugno 1946) è un politico, accademico e scrittore statunitense, membro del Partito Democratico e Segretario del Lavoro degli Stati Uniti durante la presidenza di Bill Clinton.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Robert Reich è un economista americano e 22º Segretario del Lavoro degli Stati Uniti nell'amministrazione Clinton dal 1993 fino al 1997.

Divulgatore prolifico, è autore di numerosi saggi di natura politico-economica e ha partecipato alla realizzazione di due documentari sull'aumento della disuguaglianza economica a seguito della Grande Recessione.

È membro del Partito Democratico.

Insegna Amministrazione e Politiche pubbliche all'Università della California a Berkeley e collabora con il New York Times, il Washington Post, il Wall Street Journal e il New Yorker.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È stato sposato con Clare Danton dal 1973 al 2012.

Ha dato un ottimo esempio di downshifting lasciando di sua spontanea volontà il lavoro per poter dedicare più tempo ai propri figli.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Supercapitalismo. Come cambia l'economia globale e i rischi per la democrazia, Fazi editore, 2008.
  • Aftershock. Il futuro dell'economia dopo la crisi, Fazi editore, 2011.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Inequality for All (2013)[1]
  • Come salvare il capitalismo (Saving Capitalism) (2017)[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Inequality for All, su Internet Movie Database, IMDb.com. URL consultato il 17/12/2017.
  2. ^ (EN) Saving Capitalism, su Internet Movie Database, IMDb.com. URL consultato il 17/12/2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN79089807 · ISNI (EN0000 0000 8158 8854 · LCCN (ENn81094761 · GND (DE11953388X · BNF (FRcb12309834n (data)