Rivista delle nazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rivista delle nazioni
Titolo originaleThe Show of Shows
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1929
Durata128 min
Dati tecniciB/N e Technicolor
rapporto: 1,33 : 1
Generemusicale
RegiaJohn G. Adolfi
SceneggiaturaFrank Fay e J. Keirn Brennan
ProduttoreDarryl F. Zanuck
Casa di produzioneWarner Bros. Pictures (con il nome The Vitaphone Corporation)
FotografiaBarney McGill
Paul Ivano (seconda unità, non accreditato)
Interpreti e personaggi

Rivista delle nazioni (The Show of Shows) è un film del 1929 diretto da John G. Adolfi che propone una serie di numeri musicali con scene danzate dirette da Larry Ceballos e Jack Haskell.

Il film ha come maestro di cerimonie Frank Fay che firma anche la sceneggiatura della pellicola.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Durante la rivoluzione francese, un aristocratico sta per essere ghigliottinato: una metafora per mostrare come lo spettacolo tradizionale sia finito. Dopo aver ghigliottinato la tradizione, il boia proclama: "Prologue is Dead! On with the Show of Shows!".

Military March[modifica | modifica wikitesto]

Una marcia militare con i Pasadena American Legion Fife and Drum Corps che prefigura il cinema reso popolare in seguito da Busby Berkeley.

What's Become of the Florodora Boys?[modifica | modifica wikitesto]

Parodia di uno spettacolo teatrale di enorme successo dei primi anni del Novecento, la commedia musicale Florodora.

Motion Picture Pirates[modifica | modifica wikitesto]

Su una nave pirata, un equipaggio di cattivissimi tiene prigioniero un gruppo di belle ragazze che vengono soccorse da un eroe e che poi sono salvate dall'intervento di un direttore d'orchestra.

Dear Little Pup[modifica | modifica wikitesto]

Numero musicale con il maestro di cerimonie.

The Only Song I Know[modifica | modifica wikitesto]

Pingo-Pongo[modifica | modifica wikitesto]

If I Could Learn to Love[modifica | modifica wikitesto]

Un numero musicale che ha come soggetto la musica e lo sport: sullo sfondo, la Tour Eiffel. I ballerini si rivelano atleti e la danza una serie di costruzioni geometriche di precisione.

Recitations[modifica | modifica wikitesto]

Una serie di limerick che si intersecano tra di loro, dando forma a un gioco bizzarro e suggestivo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Warner Bros. Pictures (con il nome The Vitaphone Corporation) con un budget stimato di 850.000 dollari[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Warner Bros. Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche USA con il titolo originale The Show of Shows il 29 dicembre 1929 dopo una prima a New York il 21 novembre 1929[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema