Rezzano-Nicosia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rezzano-Nicosia
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pisa-Stemma.svg Pisa
Comune Calci-Stemma.png Calci
Territorio
Coordinate 43°43′05.47″N 10°31′17.51″E / 43.718185°N 10.52153°E43.718185; 10.52153 (Rezzano-Nicosia)Coordinate: 43°43′05.47″N 10°31′17.51″E / 43.718185°N 10.52153°E43.718185; 10.52153 (Rezzano-Nicosia)
Altitudine 50 m s.l.m.
Abitanti 1 102[1]
Altre informazioni
Prefisso 050
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Rezzano-Nicosia
Rezzano-Nicosia

Rezzano-Nicosia[2] è una frazione del comune italiano di Calci, nella provincia di Pisa, in Toscana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Rezzano-Nicosia è situata in pianura, al limite orientale della Val Graziosa di Calci, lungo la strada che conduce a Montemagno. La frazione è attraversata dal torrente Zambra di Montemagno (4 km)[3] e in località Nicosia scorre il Vallino di Nicosia (1 km)[4], piccolo corso d'acqua che nasce dal Monte Verruca (537 m) e va ad immettersi nello Zambra. Poco a sud di Nicosia, nei boschi salendo verso la Verruca, si trova la sorgente chiamata fonte di Sant'Agata.

La frazione si presenta come composta da due centri abitati maggiori, Rezzano e Nicosia, uniti in un'unica area urbana insieme ad altre località minori come Cappetta, L'Aietta, Pian di Sodo e Venezia. Rezzano-Nicosia confina ad ovest con La Corte-San Piero, a sud con il Monte Verruca, ad est con Montemagno e a nord con la Certosa di Calci. La frazione inoltre dista poco più di 1 km dal capoluogo comunale e circa 12 km da Pisa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Rezzano[modifica | modifica wikitesto]

Rezzano è la più antica delle località che compongono la frazione, in quanto menzionata in un documento dell'archivio arcivescovile di Pisa del 12 novembre 964,[5] dove si legge di possedimenti terrieri di un certo conte Rodolfo in questa zona.[5] Il toponimo è di origine latina e proviene da Rethianus. La località è nominata nuovamente in uno strumento del 1177,[5] rogato proprio a Rezzano,[5] con il quale Uguccione figlio di Ugo riceveva in enfiteusi dalla mensa arcivescovile di Pisa alcuni beni tra Rezzano e Campo.[5]

In origine, nel XIII secolo il convento di Sant'Agostino di Nicosia era appellato "di Rezzano" in virtù di una maggiore importanza di questa località in epoca medievale.[5][6]

Nicosia[modifica | modifica wikitesto]

Nicosia è la località più importante tra quelle che compongono la frazione ed è sorta a partire dal XIII secolo quando è stato edificato il complesso conventuale di Sant'Agostino.[6] Il monastero fu fatto costruire intorno al 1264 per volere di Ugo da Fagiano, arcivescovo di Nicosia di Cipro,[6] in un'area boschiva fino ad allora proprietà dei monaci cistercensi di San Michele alla Verruca.[6] Il complesso era originariamente chiamato "episcopia"[6] e successivamente "Sant'Agostino a Rezzano", data la maggiore importanza del vicino borgo.[6] Nel 1292 si registrò a Nicosia un attacco con saccheggio da parte dei Lucchesi,[6] alleati con Firenze contro i Pisani.[6]

Nei secoli successivi il convento di Nicosia crebbe di importanza, e con decreto del 28 maggio 1404 il podestà Gabbriello Maria Visconti di Pisa esentò gli Agostiniani da ogni imposizione o tassa.[6] Con la soppressione dell'ordine,[6] il convento passò verso la fine del XVIII secolo ai frati francescani e la chiesa di Sant'Agostino fu eretta in parrocchia.[6]

Nel 1833 si contavano a Nicosia 463 abitanti.[6]

Da sempre borgata alla dipendenze di Montemagno, fu con esso frazione di Vicopisano[6] fino al 1884, anno in cui passarono al comune di Calci.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa e convento di Sant'Agostino, principale edificio di culto della frazione e sede di parrocchia, è stato costruito tra il 1258 e il 1264 per volontà di Ugo da Fagiano, arcivescovo di Nicosia di Cipro. L'edificio presenta una semplice struttura ad aula unica con copertura a capanna e campanile in laterizio. All'interno si trovano decorazioni a fresco e a tempera dei secoli XVIII e XIX.

Persone legate a Rezzano-Nicosia[modifica | modifica wikitesto]

Presso la località di Rezzano nacque nel 1794 il filosofo e letterato Silvestro Centofanti e presso la casa natale è stata affissa una lapide in sua memoria.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rezzano-Nicosia, sito ufficiale della CEI.
  2. ^ Statuto comunale di Calci, Art. 4.
  3. ^ Zambra di Montemagno, SIRA - Sistema Informativo Regionale Ambientale della Toscana.
  4. ^ Vallino di Nicosia, SIRA - Sistema Informativo Regionale Ambientale della Toscana.
  5. ^ a b c d e f Emanuele Repetti, «Rezzano di Calci», Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana, volume IV, Firenze, Allegrini e Mazzoni, 1841, p. 746; PDF dell'Università di Siena.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m Repetti, «Nicosia di Calci», op. cit., vol. IV, p. 746; PDF dell'Università di Siena.
  7. ^ Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 2, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, p. 145.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Caciagli, Pisa e la sua provincia, vol. 2, Pisa, Colombo Cursi Editore, 1972, pp. 143–145.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Pisa Portale Provincia di Pisa: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Provincia di Pisa