Rete da pesca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pescatori in Bangladesh

La rete da pesca è un dispositivo usato nella pesca per intrappolare gli animali acquatici[1].

Forme[modifica | modifica wikitesto]

Le reti da pesca hanno due forme fondamentali[2]:

  • piano-quadrate
  • cilindriche

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un retiarius ("l'uomo con la rete"), con tridente e rete fusa, che combatte un secutor (mosaico, IV secolo a.C.)
Un retiarius ("l'uomo con la rete"), con tridente e rete fusa, che combatte un secutor (mosaico, IV secolo a.C.)

Le reti da pesca sono state ampiamente utilizzate in passato, anche dai popoli dell'età della pietra. La più antica rete da pesca conosciuta è la rete di Antrea, trovata con altre attrezzature da pesca nella città careliana di Antrea, in Finlandia, nel 1913. La rete era di salice e risale all'8300 a.C.[3] In Corea sono stati scoperti piombi per reti da pesca del 27.000 a.C., il che li rende i più antichi attrezzi da pesca scoperti, fino all'epoca moderna, nel mondo[4]. I resti di un'altra rete da pesca risalgono al tardo Mesolitico, e sono stati ritrovati insieme a piombi sul fondo di un mare prosciugato[5][6]. Alcuni dei più antichi le incisioni rupestri di Alta (4200–500 a.C.) hanno immagini misteriose, inclusi intricati schemi di linee orizzontali e verticali a volte spiegate come reti da pesca. Gli indiani nativi americani sul fiume Columbia tessevano reti da circuizione da fibre di radici di abete o erba selvatica, usando sempre pietre come pesi. Per i galleggianti usavano bastoncini di cedro che si muovevano in modo tale da spaventare i pesci tenendoli raggruppati in modo che fosse più facile pescarli[7]. Con l'aiuto di grandi canoe, i Maori pre-europei dispiegarono reti a sciabica che potevano superare i mille metri di lunghezza. Le reti erano tessute di lino verde, con pesi di pietra e galleggianti in legno leggero o zucca, e potevano richiedere centinaia di uomini per il traino[8].

Le reti da pesca sono ben documentate nell'antichità. Appaiono nei dipinti tombali egizi del 3000 a.C. Nell'antica letteratura romana, Ovidio fa molti riferimenti alle reti da pesca, compreso l'uso di galleggianti in sughero e pesi di piombo[9][10]. Testimonianze pittoriche della pesca romana provengono da mosaici che mostrano reti[11]. In una parodia della pesca, un tipo di gladiatore chiamato retiarius era armato con un tridente e una rete. Combatterebbe contro un secutor o il mirmillone, che portava una spada corta e un elmo con l'immagine di un pesce sul davanti. Tra il 177 e il 180 l'autore greco Oppiano scrisse l'Halieutika, poema didattico sulla pesca. Ha descritto vari mezzi di pesca, incluso l'uso di reti lanciate dalle barche, reti a paletta tenute aperte da un cerchio e varie trappole "che funzionano mentre i loro padroni dormono".

Nella mitologia norrena la gigantessa del mare Rán usa una rete da pesca per intrappolare i marinai perduti[12]. Riferimenti alle reti da pesca si trovano anche nel Nuovo Testamento[13].

Le reti da pesca non si sono evolute in modo significativo. Tuttavia, le lenze da cui vengono costruite le reti si sono enormemente evolute. Frammenti fossili di "corda probabilmente a due strati di circa 7 mm di diametro" sono stati trovati in una delle grotte di Lascaux, datata intorno al 15.000 a.C[14].

Descrizione delle principali reti[modifica | modifica wikitesto]

Tipo Immagine Target Descrizione
Rete a strascico lungo il fondo del mare (Bottom trawling) Trawling Drawing.jpg Pesci demersali, merluzzi, calamari, halibut e scorfani Una grande rete, di forma conica, progettata per essere trainata lungo il fondo del mare. La rete a strascico viene trainata dall'acqua da una o più barche, chiamate trawler o dragger.
Giacchio Payallarfishing.jpg Banchi di piccoli pesci Un'antica rete da pesca di forma circolare, legata a una corda al centro del cerchio.[15][16]
Coracle Coracles River Teifi.jpg Trota di mare,

Salmone[17]

Una barca piccola e leggera del tipo tradizionale usato nel Galles ma anche in parti dell'Inghilterra dell'Ovest e del Sud Ovest, in Irlanda (in particolar modo sul fiume Boyne) e Scozia[18].
Rete a strascico Salmon Netting below Paxton House - geograph.org.uk - 216572.jpg Sogliole,

Telline,

Crostacei[19]

Le reti a strascico hanno generalmente forma conica; la parte terminale, apribile per estrarre il pescato, prende il nome di sacco, l'apertura invece prende il nome di bocca e la parte centrale di ventre.
Reticolato (drift net) Gill net hauled in over a power-driven drum.jpg Frutti di mare medio-piccoli Una rete non ancorata, ma che si trova alla deriva con la corrente. Di solito è una rete da imbrocco o groviglio ed è comunemente usata nelle acque costiere di molti paesi. Il suo utilizzo in alto mare è proibito[20][21].
Rete drive-in Pesci da foraggio in branco come i Caesionidae e altri pesci di barriera. Una rete drive-in è un'altra rete fissa, utilizzata dai pescatori su piccola scala in alcune attività di pesca in Giappone e nell'Asia meridionale, in particolare nelle Filippine. I pescatori o aspettano che un banco nuoti nella rete, oppure ci spingono dentro i pesci creando una sorta di trambusto. Quindi la rete viene chiusa sollevando l'estremità anteriore in modo che il pesce non possa scappare.[22]
Rete da imbrocco fissa (su paletti) Fishing nets (8377175145).jpg Pesci che abitano in zone intercotidali poco profonde È costituita da un telo di rete teso su picchetti fissati nel terreno, generalmente nei fiumi o dove il mare scorre e rifluisce, per intrappolare e catturare il pesce.[23]
Rete Fyke Fyke net in a museum.jpg Anguille Le reti Fyke sono reti a forma di borsa tenute aperte da cerchi. Se le reti Fyke sono dotate di ali e capi, possono essere utilizzate anche in luoghi riparati nei laghi dove c'è abbondanza di vegetazione. Centinaia di queste reti possono essere collegate a sistemi in cui non è pratico costruire grandi trappole.[24]
Rete da posta Eilif Peterssen-Laksefiskeren (1889).jpg Sardine,

Salmone,

Merluzzo

Un attrezzo da pesca professionale costituito da una rete disposta verticalmente e spesso molto lunga che viene lasciata in mare lasciando che siano le prede a raggiungerla ed a rimanervi impigliate[25].
Rete fantasma Turtle entangled in marine debris (ghost net).jpg Possono impigliare pesci, delfini, tartarughe marine, squali, dugonghi, coccodrilli, uccelli marini, granchi e altre creature[26]. Reti da pesca che sono state abbandonate, perse o altrimenti scartate nell'oceano. Queste reti, spesso quasi invisibili in penombra, possono essere lasciate aggrovigliate su uno scoglio roccioso o alla deriva in mare aperto[27].
Rete Haaf Haaf Net Fishermen, Solway Estuary - geograph.org.uk - 612827.jpg Salmone Incastonata in una cornice rettangolare di legno solitamente lunga circa 4-5 metri e larga 2 metri sorretta da tre gambe. Un polo centrale si estende da uno dei bordi più lunghi ad angolo retto. Il pescatore si tuffa in acque profonde e immerge la rete, tenendola in posizione verticale con il palo centrale. Quando un pesce entra nella rete, il pescatore inclina il palo all'indietro per raccogliere la rete verso l'alto, intrappolando così il pesce.[28][29]
Rete a mano FraserRiverSalmonFishing.jpg Muskellunge,

Luccio del nord

Le reti a mano, chiamate anche reti a paletta o a immersione, sono tenute aperte da un telaio e possono essere attaccate a un manico rigido corto o lungo.[30]
Guadino Net.gsfc.jpg Piccoli frutti di mare Il guadino (o salabro) è un attrezzo usato nella pesca. Si tratta di una rete a forma di cono o di sacco, con un manico più o meno lungo. È utilizzato per portare in superficie o a riva i pesci pescati[31].
Rete lavica Lave net.jpg Storione Grande rete a mano, utilizzata in pochissime località sul fiume Severn in Inghilterra e Galles. La rete viene messa in acqua e il pescatore aspetta finché non sente un pesce sbattere contro la rete che viene quindi sollevata.[32]
Rete di sollevamento (Lift net) Thookku Valai.jpg Sardina,

Calamaro,

Acciughe[33]

Ha un'apertura rivolta verso l'alto. La rete viene prima sommersa alla profondità desiderata, quindi sollevata o tirata dall'acqua. Può essere sollevata manualmente o meccanicamente e può essere azionata su una barca[34]
Pesca a strascico a mezz'acqua (Midwater trawl) Pelagisches Schleppnetz.jpg Pesci pelagici come: acciughe,

gamberi, tonno,

sgombro

Una rete a forma di cono viene trainata da un'unica barca e dispiegata da porte a strascico, oppure può essere trainata da due barche (strascico a coppia) che fungono da dispositivo di distribuzione.
Rete da plancton Planktonnetzbgar.jpg Plancton Le navi trainano le reti attraverso il mare o pompano acqua di mare a bordo e poi la fanno passare attraverso la rete.[35]
Rete da circuizione o Cianciolo Purse seine illustration, Historic American Engineering Record.png Banchi di pesci come le aringhe, i tonni, le acciughe, i tonni, gli sgombri e i merluzzi Una grande rete viene utilizzata per circondare i pesci, tipicamente un intero banco di pesci, su tutti i lati. Il fondo della rete viene poi chiuso tirando una cordicella disposta come una guida utilizzata per chiudere l'imboccatura di una borsa. Ciò intrappola completamente il pesce[36].
Rete a spinta Banks shrimper.jpg Gambero Una piccola rete da pesca triangolare con una struttura rigida che viene spinta lungo il fondo in acque poco profonde e viene utilizzata in alcune parti del Pacifico sudoccidentale[37].
Sciabica Seining for wild fish.jpg Sogliole,

Seppie,

Cefali,

Canocchie,

Vongole,

Pesce azzurro[38]

Una rete da pesca a strascico con assetto verticale, per pesce piccolo, usata sotto costa, in bassi fondali ed azionata manualmente. La tecnica di pesca con la sciabica prevede di mantenere un capo della rete a terra mentre una barca a remi la depone a semicerchio con la concavità rivolta verso la spiaggia fino a ricondurre l'altro capo nuovamente a terra.[39]
Rete ad ascensore (Shore-operated lift net) Kochi chinese fishing-net-20080215-01a.jpg Pesci pelagici Sono tenute orizzontalmente da una grande struttura fissa e periodicamente calata in acqua. Enormi accorgimenti meccanici tengono reti orizzontali con diametri di venti metri o più. Le reti vengono immerse nell'acqua e sollevate di nuovo, ma per il resto non possono essere spostate. Le reti possono contenere l'esca o essere dotate di luci per attirare più pesci.[40][41]
Rete "aggrovigliata" o "dentata" (tangle net) Tangle Net.jpg Batoidea,Rombo chiodato,

Lophius[42]

Simili alle reti da posta tranne per il fatto che hanno una dimensione della maglia più piccola progettata per catturare il pesce dai denti o dall'osso della mascella superiore invece che dalle branchie[43].
Tramaglio FMIB 36608 Trammel Net.jpeg Specie demersali,

Crostacei

Uno strato centrale allentato con una piccola maglia reticolata è inserito tra due strati esterni tesi con una maglia molto più grande. La rete è mantenuta verticale dai galleggianti sulla corda di testa e dai pesi sulla corda di fondo. I galleggianti possono essere piccoli, cilindrici o a forma di uovo, solidi e di plastica. Sono fissati sulla fune di testa mentre i pesi in piombo sono distribuiti lungo la fune di terra.[44]

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Reti, nasse, segnali
Reti da pesca fotografate a Monterosso al Mare da Paolo Monti nel 1957

Reti da circuizione[modifica | modifica wikitesto]

Reti a strascico[modifica | modifica wikitesto]

Reti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Reti da posta fissa[modifica | modifica wikitesto]

Reti da posta alla deriva[modifica | modifica wikitesto]

Impatto ambientale[modifica | modifica wikitesto]

Molte specie marine tra cui tartarughe, squali, balene, delfini e dugonghi rimangono impigliate nelle reti fantasma.
Molte specie marine tra cui tartarughe, squali, balene, delfini e dugonghi rimangono impigliate nelle reti fantasma.

La rete può estendersi anche per molti chilometri di lunghezza, tant'è che in alcune regioni il suo utilizzo è stato vietato per non danneggiare la flora acquatica in quei luoghi dove l'equilibrio naturale è a rischio[45][46].

Inoltre le reti stesse possono essere perdute dai pescatori (le cosiddette reti fantasma) e perciò diventare un potenziale pericolo per la fauna marina (specie coccodrilli, tartarughe, squali, delfini) che, intrappolandosi nella rete muore soffocata o diventa facile preda per eventuali predatori[47][48][49].

Dagli anni 2010 sono in lavorazione reti da pesca biodegradabili per ridurre l'impatto ambientale delle reti fantasma[50][51][52][53].

Galleria storica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ rete-da-pesca: definizioni, etimologia e citazioni nel Vocabolario Treccani, su treccani.it. URL consultato il 26 aprile 2022.
  2. ^ (EN) What are Different Types of Fishing Nets? [Beginners Guide], su slo-fishing.si. URL consultato il 26 aprile 2022.
  3. ^ The palaeoenvironment of the Antrea Net Find, su University of Helsinki Research Portal, Finnish Antiquarian Society, 2008.
  4. ^ Cast from the past: World's oldest fishing net sinkers found in South Korea, su m.phys.org.
  5. ^ Kriiska, Aivar (1996) "Stone age settlements in the lower reaches of the Narva River, north-eastern Estonia". Coastal Estonia: Recent Advances in Environmental and Cultural History. PACT 51. Rixensart. Pages 359–369.
  6. ^ Indreko R (1932) "Kiviaja võrgujäänuste leid Narvas". (Stone Age find of fishing net remnants), in Eesti Rahva Muuseumi Aastaraamat VII, Tartu, pp. 48–67 (in Estonian).
  7. ^ Smith, Courtland L Seine fishing, su oregonencyclopedia.org. URL consultato il 23 marzo 2012.
  8. ^ Meredith, Paul "Te hī ika – Māori fishing". Te Ara - the Encyclopedia of New Zealand. Updated 2 March 2009.
  9. ^ Radcliffe W (1926) Fishing from the Earliest Times. John Murray, London.
  10. ^ Gilroy, Clinton G (1845) "The history of silk, cotton, linen, wool, and other fibrous substances: including observations on spinning, dyeing and weaving". pp. 455–464. Harper & Brothers, Harvard University.
  11. ^ Image of fishing illustrated in a Roman mosaic (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2011)..
  12. ^ storiamito.it.
  13. ^ La parabola della rete. (Matteo 13:47-50)., su predicheonline.com. URL consultato il 26 aprile 2022.
  14. ^ J.C. Turner and P. van de Griend (ed.), The History and Science of Knots (Singapore: World Scientific, 1996), 14.
  15. ^ Casting net..
  16. ^ giacchio in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 26 aprile 2022.
  17. ^ Coracle fishing | The Coracle Society, su coraclesociety.org.uk. URL consultato il 26 aprile 2022.
  18. ^ (EN) E. Estyn Evans, Irish Folk Ways, Courier Corporation, 1º gennaio 2000. URL consultato il 26 aprile 2022.
  19. ^ Irene Dominioni, Pesca a strascico, la devastazione ambientale comincia sul fondo del mare, su Linkiesta.it, 26 aprile 2019. URL consultato il 26 aprile 2022.
  20. ^ Sign In, su archive.ph, 15 aprile 2013. URL consultato il 26 aprile 2022.
  21. ^ cefas.co.uk (PDF).
  22. ^ Otto Gabriel e Andres von Brandt, Fish catching methods of the world, 4th ed, Blackwell Pub, 2005, OCLC 184983545. URL consultato il 26 aprile 2022.
  23. ^ FAO, Fishing Gear Types : Fixed Gillnets (on stakes)., Fisheries and Aquaculture Department, 2011
  24. ^ fyke net. (2008) In Encyclopædia Britannica. Retrieved December 24, 2008, from Encyclopædia Britannica Online.
  25. ^ reti da posta | L'atelier del pesce, su latelierdelpesce.it. URL consultato il 26 aprile 2022.
  26. ^ Tracking Down Ghost Nets, su eurocbc.org. URL consultato il 26 aprile 2022.
  27. ^ Legal aspects of abandoned, lost or otherwise discarded fishing gear, 5 gennaio 2022, DOI:10.4060/cb8071en. URL consultato il 26 aprile 2022.
  28. ^ Jonathan Peters, Fight to save 1,000-year-old fishing technique, in BBC News, 21 gennaio 2020. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  29. ^ Allen J. Scott, Solway country : land, life and livelihood in the Western border region of England and Scotland, 2015, OCLC 905863820. URL consultato il 26 aprile 2022.
  30. ^ Fishing Tools - Landing Nets (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2008).
  31. ^ www.abc-of-fishing.net, su abc-of-fishing.net.
  32. ^ Lave Net Fishing, su severnsideforum.co.uk. URL consultato l'8 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2010).
  33. ^ map.seafdec.org.
  34. ^ FAO, Lift net. Fishing Gear Types. Retrieved 12 October 2013.
  35. ^ Ichthyoplankton sampling methods. Southwest Fisheries Science Center, NOAA. Modified 3 September 2007. Retrieved 29 July 2011.
  36. ^ adminfiorital, Il Metodo di Pesca "Rete da Circuizione", su Fiorital, 19 gennaio 2018. URL consultato il 26 aprile 2022.
  37. ^ Commission of the European Communities, Multilingual dictionary of fishing gear (PDF)., 2nd edition, 1992 (n° 3247 p.[183]205).
  38. ^ La pesca Sciabica tradizionale, su Fresco Pesce. URL consultato il 26 aprile 2022.
  39. ^ TalkTalk web tudio, TalkTalk Webspace is closing soon!!, su web.onetel.net.uk.
  40. ^ Commission of the European Communities, Multilingual dictionary of fishing gear (PDF)., 2nd edition, 1992 (n° 3062 p.[56]78).
  41. ^ FAO Fisheries & Aquaculture - Fishing gear type, su fao.org.
  42. ^ Drift nets gill nets tangle nets and trammel nets, su eurocbc.org. URL consultato il 26 aprile 2022.
  43. ^ Melo A. Maiolie, William J. Ament e Bill Harryman, Lake Pend Oreille Fishery Recovery Project, 1997-1998 Annual Report., Office of Scientific and Technical Information (OSTI), 1º maggio 2000. URL consultato il 26 aprile 2022.
  44. ^ Fishing Gear Types: Trammel nets, su Food and Agriculture Organization of the United Nations. URL consultato il 27 settembre 2010.
  45. ^ Andrea De Nigris, Pesca a strascico illegale e reti abusive, su La Pesca In Mare, 20 aprile 2019. URL consultato il 26 aprile 2022.
  46. ^ Sistema reti da posta derivanti | Attività di polizia marittima e giudiziaria, su nonnodondolo.it. URL consultato il 26 aprile 2022.
  47. ^ ‘’Le reti fantasma’’: una nuova fonte di inquinamento marino, su Global Power Plus, 26 luglio 2021. URL consultato il 26 aprile 2022.
  48. ^ Sky TG24, Le attrezzature da pesca sono una minaccia per la salute degli oceani, su tg24.sky.it. URL consultato il 26 aprile 2022.
  49. ^ Reti fantasma: un problema che unisce pescatori e subacquei, su Argentario Divers, 8 ottobre 2019. URL consultato il 26 aprile 2022.
  50. ^ Creata la rete da pesca biodegradabile e rintracciabile - Ambiente e Pesca - Mare, su ANSA.it, 18 novembre 2014. URL consultato il 31 maggio 2022.
  51. ^ Nuove reti biodegradabili potrebbero aiutare a risolvere il problema della pesca fantasma, su LifeGate, 16 agosto 2016. URL consultato il 31 maggio 2022.
  52. ^ Remora, la rete da pesca biodegradabile e tracciabile che salva balene, tartarughe e delfini (VIDEO), su greenMe, 9 dicembre 2014. URL consultato il 31 maggio 2022.
  53. ^ Reti biodegradabili in mare: la rivoluzione green per la riforestazione dei fondali parte da Livorno, su intoscana, 4 gennaio 2022. URL consultato il 31 maggio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàNDL (ENJA00562693