Remy Bonjasky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Remy Bonjasky
Remy Bonjaski.JPG
Nazionalità Suriname Suriname
Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 192 cm
Peso 105 kg
Kickboxing Kickboxing pictogram.svg
Specialità Muay Thay
Squadra Mejiro Gym
 

Remy Bonjasky, detto "Il Gentiluomo Volante"[senza fonte] (Paramaribo, 10 gennaio 1976), è un kickboxer surinamese naturalizzato olandese.

Ha vinto tre volte il K-1 World Grand Prix in Giappone. Bonjasky è famoso per la sua difesa eccezionale, i calci potenti e le ginocchiate in salto[senza fonte].

Attualmente è sotto contratto con la promozione singaporiana di kickboxing Glory; per i ranking ufficiali è il peso massimo numero 6 dell'organizzazione[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Remy Bonjasky nasce in Suriname e si trasferisce nei Paesi Bassi all'età di 5 anni. Dopo una frattura ad una gamba, procuratasi giocando a calcio, a 18 anni accompagna un amico ad una palestra di Muay Thai (Mejiro Gym) e decide di provare ad allenarsi, scoprendo il suo amore per questo sport.

Bonjasky combatte per la prima volta all'età di 19 anni contro un esperto combattente di mixed martial arts (MMA), l'olandese Valentijn Overeem. Bonjasky vince per TKO (technical knock out). Da quel momento abbandona il suo lavoro di operatore televisivo per concentrarsi unicamente sulla carriera di combattente.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Remy Bonjasky debutta nel K-1 il 24 giugno 2001 contro il già famoso Ray Sefo e nonostante il pronostico sfavorevole vince l'incontro per TKO.

Il 6 dicembre 2003 durante i quarti di finale del K-1 World Grand Prix 2003 a Tokyo (Giappone), Bonjasky combatte e sconfigge durante il primo round l'australiano Peter "The Chief" Graham per TKO. In semi-finale anche Cyril Abidi cade vittima del Gentiluomo Volante e delle sue ginocchiate in salto. Dopo aver sconfitto Musashi nella finale per decisione unanime Bonjasky viene incoronato K-1 World Champion.

Nel 2004 accumula vittorie contro Tsuyoshi Nakasako, Francois Botha, Aziz Khattou e l'ex campione di sumo Chad "Akebono" Rowan.

Durante il K-1 World Grand Prix 2004, esattamente il 6 dicembre, Bonjasky riesce a difendere il titolo di K-1 World Champion grazie a tre vittorie per decisione contro Ernesto Hoost, Francois Botha e Musashi.

Il 19 novembre 2005, per il K-1 World Grand Prix 2005, Bonjasky tenta di rimanere campione per il terzo anno consecutivo ma deve abdicare a favore di un altro olandese, Semmy Schilt, che riesce a batterlo durante le semi-finali del torneo.

Nel 2006, dopo il divorzio dalla moglie e il cambio di allenatori, Remy torna per le finali del K-1 World Grand Prix 2006. Durante il primo round dell'incontro di quarti di finale contro il tedesco Stefan Leko, Bonjasky viene colpito per ben due volte sotto la cintura e l'incontro viene sospeso per 30 minuti. Al rientro Bonjasky riesce a vincere per decisione unanime, ma è comunque costretto a ritirarsi dalla competizione a causa del dolore troppo forte e viene sostituito da Peter Aerts.0

Il 29 settembre 2007 per le Final 16 del K-1 World GP 2007 (a Seul, in Corea del Sud) Bonjasky ritrova come avversario Stefan Leko che viene battuto al primo round dall'olandese dopo una discussa interruzione dell'arbitro, conseguenza di un famoso attacco volante di Remy. Grazie a questa vittoria si qualifica per le finali del K-1 World Grand Prix 2007, tenutosi l'8 dicembre 2007 alla Yokohama Arena in Giappone.

Durante la manifestazione, Bonjasky incontra durante i quarti il marocchino di origini olandesi Badr Hari e riesce a batterlo grazie ad una vittoria a punti. Per le semi-finali incontra il "Tagliaboschi Olandese" Peter Aerts, fresco grazie ad una vittoria facile sul giapponese Junichi Sawayashiki nel suo incontro dei quarti, che riesce a sconfiggerlo ai punti e porre fine al suo torneo.

Il 26 aprile 2008, all'Amsterdam Arena al K1 It's Showtime, Remy affronta Melvin Manhoef da lui facilmente sconfitto per KO durante il terzo round, per un evidente di vantaggio di statura. Bonjasky torna sul ring per le Final 16 del K-1 World GP 2008 a Seul il 27 settembre per combattere contro Paul Slowinski. Riesce ad assicurarsi l'accesso alle finali grazie ad una vittoria per decisione unanime sull'allievo di Ernesto Hoost.

Il 6 dicembre Bonjasky torna sul ring per il K-1 World Grand Prix 2008 a Tokyo. Il suo avversario ai quarti di finale è il francese Jérôme Le Banner che deve però ritirarsi a causa di un infortunio al braccio. Nella semi-finale Bonjasky affronta il turco Gokhan Saki, sconfitto verso la fine della seconda ripresa grazie ad un eccezionale calcio volante. La finale si preannuncia interessante e vede di fronte Bonjasky ed il marocchino Badr Hari. Dopo una grande prima ripresa del "Gentiluomo Volante", nella seconda Hari ha un improvviso ed ingiustificato scatto di rabbia e colpisce Bonjasky alla testa con un calcio mentre questi era in terra. Immediato cartellino giallo per il marocchino che si trasforma in squalifica e vittoria del torneo per Bonjasky dopo che i dottori dichiarano che Remy ha la vista sdoppiata e non può continuare.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine di luglio 2007 Bonjasky aiutò la polizia olandese nell'arresto di due criminali britannici. I due uomini sparavano da un furgoncino freccette ai passanti. Dopo essere stato a suo volta colpito, il campione decide di seguire i due malviventi a bordo di un taxi, rimanendo in costante contatto telefonico con la polizia che è così riuscita a trovare e fermare i due trasgressori. A seguito di questo, Remy ricevette una medaglia per il suo gesto onorevole e coraggioso. In più poté addebitare il costo del taxi preso per l'inseguimento.

Record professionale[modifica | modifica wikitesto]

65 Vittorie (36 (T) KO's, 29 per decisione), 14 Sconfitte
Data Risultato Avversario Evento Modalità Round Tempo
6 dicembre 2008 Vittoria Marocco Badr Hari K-1 World GP 2008 Final, Yokohama, Japan DQ (Illegal kick) 3 3:00
6 dicembre 2008 Vittoria Turchia Gökhan Saki K-1 World GP 2008 Final, Yokohama, Japan KO (Jumping mid-kick) 2 0:53
6 dicembre 2008 Vittoria Francia Jérôme Le Banner K-1 World GP 2008 Final, Yokohama, Japan TKO (Arm injury) 3 1:46
8 dicembre 2007 Sconfitta Paesi Bassi Peter Aerts K-1 World GP 2007 Final, Japan Decision 3 3:00
8 dicembre 2007 Vittoria Marocco Badr Hari K-1 World GP 2007 Final, Japan Decision 3 3:00
29 settembre 2007 Vittoria Germania Stefan Leko K-1 World GP 2007 in Seoul Final 16, Korea KO (Flying knee) 1 2:50
28 aprile 2007 Vittoria Brasile Glaube Feitosa K-1 World GP 2007 in Hawaii, Hawaii Decision 3 3:00
2 dicembre 2006 Vittoria Germania Stefan Leko K-1 World Grand Prix 2006, Japan Decision 3 3:00
30 settembre 2006 Vittoria Trinidad e Tobago Gary Goodridge K-1 World GP 2006 in Osaka, Japan KO (Low Kicks) 3 0:52
30 luglio 2006 Vittoria Stati Uniti Mighty Mo K-1 World GP 2006 in Sapporo, Japan Decision 3 3:00
13 maggio 2006 Sconfitta Francia Jérôme Le Banner K-1 World GP 2006 in Amsterdam, Netherlands Decision 3 3:00
31 dicembre 2005 Vittoria Stati Uniti Sylvester Terkay K-1 PREMIUM 2005 Dynamite!!, Japan Decision (Majority) 3 3:00
19 novembre 2005 Sconfitta Paesi Bassi Semmy Schilt K-1 World Grand Prix 2005, Japan KO (Knee Strike) 1 2:08
19 novembre 2005 Vittoria Corea del Sud Hong Man Choi K-1 World Grand Prix 2005, Japan Decision 3 3:00
23 settembre 2005 Vittoria Bielorussia Alexey Ignashov K-1 World Grand Prix 2005 in Osaka, Japan Decision (Ext. R) 4 3:00
21 maggio 2005 Vittoria Svezia Rickard Nordstrand K-1 Scandinavia GP 2005, Sweden Decision 3 3:00
30 aprile 2005 Sconfitta Stati Uniti Mighty Mo K-1 World Grand Prix 2005 in Las Vegas, USA Decision (Split) 3 3:00
19 marzo 2005 Vittoria Stati Uniti Ray Mercer K-1 World Grand Prix 2005 in Seoul, Korea KO (Right High Kick) 1 0:22
4 dicembre 2004 Vittoria Giappone Musashi K-1 World Grand Prix 2004, Japan Decision (2 Ext. R) 5 3:00
4 dicembre 2004 Vittoria Sudafrica Francois Botha K-1 World Grand Prix 2004, Japan Decision 3 3:00
4 dicembre 2004 Vittoria Paesi Bassi Ernesto Hoost K-1 World Grand Prix 2004, Japan Decision (Ext. R) 4 3:00
25 settembre 2004 Vittoria Stati Uniti Akebono K-1 World GP 2004 in Tokyo, Japan KO (Right High Kick) 3 0:33
17 luglio 2004 Vittoria Belgio Aziz Khattou K-1 World GP 2004 in Seoul, Korea TKO (Low Kicks) 2 1:59
06 giugno 2004 Vittoria Sudafrica Francois Botha K-1 World GP 2004 in Nagoya, Japan Decision 3 3:00
30 maggio 2004 Loss Brasile Francisco Filho Ichigeki Kyokushin vs K-1 All Out Battle, Japan Decision 3 3:00
15 febbraio 2004 Vittoria Giappone Tsuyoshi Nakasako K-1 Burning 2004, Japan KO 3 2:54
6 dicembre 2003 Vittoria Giappone Musashi K-1 World Grand Prix 2003, Japan Decision 3 3:00
6 dicembre 2003 Vittoria Francia Cyril Abidi K-1 World Grand Prix 2003, Japan KO (Flying Knee Strike) 1 1:46
6 dicembre 2003 Vittoria Australia Peter Graham K-1 World Grand Prix 2003, Japan KO (Right Knee Strike) 1 2:58
11 ottobre 2003 Vittoria Stati Uniti Bob Sapp K-1 World Grand Prix 2003 in Osaka, Japan DQ (Punch on the ground) 2
15 agosto 2003 Vittoria Canada Michael McDonald K-1 World GP 2003 in Las Vegas II, USA Decision (Ext. R Split) 4 3:00
15 agosto 2003 Vittoria Stati Uniti Jeff Ford K-1 World GP 2003 in Las Vegas II, USA KO (Low Kicks) 1 1:28
15 agosto 2003 Vittoria Stati Uniti Vernon White K-1 World GP 2003 in Las Vegas II, USA KO (Flying Right Kick) 1 1:55
13 luglio 2003 Sconfitta Paesi Bassi Semmy Schilt K-1 World GP 2003 in Fukuoka, Japan Decision 5 3:00
30 marzo 2003 Vittoria Svizzera Bjorn Bregy K-1 World GP 2003 in Saitama, Japan TKO (Corner Stoppage) 3 1:29
29 settembre 2002 Vittoria Paesi Bassi Antoni Hardonk It's Showtime 6 - As Usual, Netherlands Decision 5 3:00
17 agosto 2002 Sconfitta Germania Stefan Leko K-1 World GP 2002 in Las Vegas, USA Decision 3 3:00
14 luglio 2002 Sconfitta Croazia Mirko Filipović K-1 World GP 2002 in Fukuoka, Japan TKO (Referee Stoppage) 2 2:06
25 maggio 2002 Vittoria Svizzera Petar Majstorovic K-1 World GP 2003 in Paris, France KO (Kick) 4 0:27
24 febbraio 2002 Sconfitta Paesi Bassi Errol Parris K-1 Holland GP 2002 in Arnhem, Netherlands KO 1 1:20
24 febbraio 2002 Vittoria Paesi Bassi Melvin Manhoef K-1 Holland GP 2002 in Arnhem, Netherlands Decision 3 3:00
25 gennaio 2002 Vittoria Russia Sergei Arkhipov K-1 France GP 2002 in Marseilles, France TKO (Corner Stoppage) 5 2:00
24 giugno 2001 Vittoria Nuova Zelanda Ray Sefo K-1 Survival 2001, Japan TKO (Corner Stoppage) 4 2:00
4 febbraio 2001 Sconfitta Paesi Bassi Jerrel Venetiaan K-1 Holland GP 2001 in Arnhem, Netherlands Decision (Split) 3 3:00
12 dicembre 2000 Vittoria Ungheria Peter Varga It's Showtime 4, Haarlem, Netherlands KO (Jumping knee strike) 1 2:57
22 ottobre 2000 Sconfitta Paesi Bassi Jerrel Venetiaan It's Showtime 3 - Exclusive, Haarlem, Netherlands Decision 5 3:00
3 settembre 2000 Vittoria Ungheria Attila Karacs Battle of Arnhem II, Netherlands KO 1
20 maggio 2000 Vittoria Bulgaria Stanislaf Bahchevanov Thaiboxing - Thrill of the Year!, Amsterdam, Netherlands KO 2
24 ottobre 1999 Vittoria Turchia Ayhan Ozcelik It's Showtime 1, Haarlem, Netherlands TKO 2
5 settembre 1999 Vittoria Paesi Bassi Peter Verchuren Battle of Arnhem I, Netherlands KO 1
5 settembre 1999 Vittoria Sudafrica Frank Otto Battle of Arnhem I, Netherlands KO 1
06 giugno 1999 Vittoria Francia Rani Berbachi WPKA World Super Heavyweight title, Netherlands KO 2
1998 Sconfitta Bielorussia Alexey Ignashov WPKL Muay Thai Fight Night, Poland Decision 5 3:00
14 aprile 1998 Sconfitta Paesi Bassi Lloyd van Dams KO Power Tournament, Netherlands Decision 3 3:00
14 aprile 1998 Vittoria Paesi Bassi Peter Verchuren KO Power Tournament, Netherlands Decision 3 3:00

Titoli vinti:

  • 2008: K-1 World GP champion
  • 2004: K-1 World GP champion
  • 2003: K-1 World GP champion
  • 2003: K-1 World GP a Las Vegas champion
  • 1999: WPKA World Super Heavyweight Muay Thai champion
  • 1998: KO Power Tournament runner-up
  • 1998: IPMTF European Super Heavyweight champion

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Glory - ranking Pesi Massimi, su gloryworldseries.com (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2015).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN280021297 · ISNI (EN0000 0003 8713 1443 · WorldCat Identities (ENviaf-280021297
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie