Regno del Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Regno di Portogallo)
Regno del Portogallo
Regno del Portogallo – Bandiera Regno del Portogallo - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Regno del Portogallo - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Regno del Portogallo
Nome ufficiale Reino de Portugal
Lingue ufficiali Latino
Lingue parlate portoghese nella zona centrale del regno, e galiziano nella zona nord del regno, con possibili enclavi di lingua mozarabica nella valle del Douro.
Capitale Lisbona
Altre capitali Coimbra (1139–1255)

Rio de Janeiro (1808-1815)

Politica
Forma di Stato Monarchia ereditaria
Forma di governo
Re del Portogallo Sovrani del Portogallo
Nascita 1139 (primo) con Alfonso I

1825 (secondo) con Giovanni VI

Causa Indipendenza dal Regno di Galizia (prima)

Indipendenza del Brasile e dissoluzione del Regno Unito di Portogallo, Algarve e Brasile (seconda).

Fine 1815 (prima) con Maria I

1910 (seconda) con Manuele II

Causa Creazione del Regno Unito di Portogallo, Algarve e Brasile (prima).

Destituzione dell'ultimo re e proclamazione della Repubblica (seconda).

Territorio e popolazione
Bacino geografico Ovest della penisola iberica
Territorio originale Nord dell’attuale Portogallo, dal fiume Minho sino a circa il fiume Mondego.
Religione e società
Religione di Stato cattolica
Religioni minoritarie ebraica e musulmana
Evoluzione storica
Preceduto da PortugueseFlag1095.svg Contado Portucalense (1139)

Flag of the United Kingdom of Portugal, Brazil, and the Algarves.svg Regno Unito di Portogallo, Algarve e Brasile (1825)

Succeduto da Flag of the United Kingdom of Portugal, Brazil, and the Algarves.svg Regno Unito di Portogallo, Algarve e Brasile (1805)

Portogallo Prima Repubblica portoghese (1910)

Il Regno del Portogallo fu una monarchia situata nella Penisola iberica, comprendente all'incirca il territorio dell'attuale Portogallo, ed è esistito dal 1139 al 1815 e dal 1825 al 1910.

Nel 1139, Alfonso Henriques, dopo una vittoria sui Mori, iniziò a considerarsi re del Portogallo, e nel 1140 invase la Galizia. Alfonso VII di Castiglia, a Valdevez, gli propose una tregua, che fu accettata e nel 1143, a Zamora, fu sancita la pace, e di fronte al legato del papa Innocenzo II, in cambio della signoria di Astorga, Alfonso VII riconobbe al cugino, Alfonso Henriquez, il titolo di re del Portogallo, che divenne così Alfonso I del Portogallo.

Nel 1189 Sancho I conquistò ai Mori i territori della città di Silves, e con essi creò il Regno dell'Algarve, che rimase formalmente in unione personale con il Portogallo sino al 1815. Tuttavia, poco dopo, i Mori si riappropriarono dell'Algarve, che venne definitivamente riconquistato solo nel 1249.

I portoghesi realizzarono grandi conquiste coloniali fra la fine del XV e l'inizio del XVI secolo, creando così l'Impero coloniale portoghese.

Tra il 1581 e il 1640, sotto la dinastia asburgica, il regno fu in unione personale con le corone di Aragona e di Castiglia, costituendo la cosidetta Unione Iberica. L'Unione cessò di esistere quando la nobiltà portoghese si oppose alle politiche centraliste del valido Olivares, eleggendo come proprio re Giovanni IV di Braganza, in opposizione a Filippo III d'Asburgo, dando il via alla Guerra di Restaurazione Portoghese, che si concluse soltanto nel 1668 con il Trattato di Lisbona, il quale riconobbe l'indipendenza del Portogallo.

Nel 1808, a seguito dell'invasione napoleonica, la corte venne spostata, con l'aiuto dei britannici, in Brasile, a Rio de Janeiro, dove rimase in esilio forzato sino al Congresso di Vienna, durante il quale la colonia del Brasile venne trasformata nel Regno del Brasile, che il 16 dicembre 1815 fu unito alle corone di Portogallo e di Algarve, formando così il Regno Unito di Portogallo, Brasile e Algarve. Quest'ultima entità statale si estinse il 29 agosto 1825, con il Trattato di Rio de Janeiro, che sancì la ricostituzione del Regno del Portogallo e l'indipendenza dell'Impero del Brasile.

Il regno terminò definitivamente il 5 ottobre 1910 quando, con un colpo di stato rivoluzionario a Lisbona, venne deposto re Manuele II e il Regno venne ufficialmente trasformato nella Repubblica portoghese.

Periodi storici[modifica | modifica wikitesto]

La storia del regno del Portogallo può essere divisa nei seguenti capitoli:

Case regnanti con relativi re[modifica | modifica wikitesto]

Casato di Borgogna (1139 - 1385)

Casato di Aviz (1385 - 1580)

Casa d'Asburgo (1581 - 1640)

Casato di Braganza (1640 - 1836)

Casato di Braganza-Sassonia-Coburgo-Gotha (1836 - 1910)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, La Spagna (1031-1248), in Storia del mondo medievale, vol. V, 1999, pp. 865-896.
  • Edgar Prestage, Il Portogallo nel medioevo, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 576-610.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]