Raviole bolognesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raviole bolognesi di San Giuseppe
Raviole bolognesi 1.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
DiffusioneBologna (provincia)
Zona di produzioneProvincia di Bologna
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principali
Variantiripieno dolce di marzapane o di marmellata

Le raviole bolognesi sono dei dolci tipici della tradizione contadina bolognese, che si preparavano in occasione della festa di San Giuseppe, il 19 marzo. Oggigiorno vengono prodotte e consumate tutto l'anno[1].

Si tratta di dolcetti fatti con un impasto simile alla pasta frolla e ripieni di mostarda bolognese, una confettura tipica preparata con diversi tipi di frutta.

In occasione della ricorrenza di San Giuseppe si festeggiava la fine dell'inverno e la ripresa nel lavoro nei campi: nella tradizione contadina le raviole preparate venivano appese alle siepi lungo le strade, mettendole in questo modo a disposizione di tutti coloro che passavano[2][3].

La ricetta classica prevede l'utilizzo della mostarda bolognese, sono comunque diffuse anche con altri tipi di confetture (prugne od albicocche ad esempio) e ne esiste anche una versione rossa colorata con l'alchermes [4][5].

E' a Trebbo di Reno, una piccola frazione del comune di Castel Maggiore in provincia di Bologna, che si svolge da più di duecento anni la tradizionale Festa della Raviola, antica sagra dedicata al dolce di pastafrolla.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Festa del papà, la ricetta delle raviole di San Giuseppe, su il Resto del Carlino, 18 Marzo 2017. URL consultato il 21 Marzo 2018.
  2. ^ Raviole Di San Giuseppe con Mostarda Bolognese, su Roba da Donne in Cucina, 4 Luglio 2016. URL consultato il 21 Marzo 2018.
  3. ^ Ricetta Raviole bolognesi, su Agrodolce. URL consultato il 21 Marzo 2018.
  4. ^ Ricetta Raviole emiliane, su ricette.giallozafferano.it.
  5. ^ Raviole bolognesi o di San Giuseppe, su accademiaitalianadellacucina.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]