Ramon Solsona i Sancho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ramon Solsona i Sancho (2015).

Ramon Solsona i Sancho (Barcellona, 7 febbraio 1950) è uno scrittore e pubblicista spagnolo in lingua catalana.[1] Ha una laurea in Filologia Romanza ed è insegnante di scuola secondaria[2] in ferie. Conosciuto per il suo stile ironico e le numerose collaborazioni con i media di stampa (Avui, Diari de Barcelona, La Vanguardia) e radio (Catalunya Ràdio, RAC 1), è attualmente un collaboratore del programma radiofonico (El Matí de Catalunya Ràdio con Mònica Terribas, sezione "Entre paraules").

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Poeta (satirico), sotto lo pseudonimo di Lo Gaiter del Besòs. Il suo romanzo Les hores detingudes ha vinto tre premi letterari nello stesso anno ed è stato tradotto in spagnolo e francese. Per la televisione, ha lavorato come scrittore per la serie Agència de viatges, Estació d'enllaç e El cor de la ciutat, che sono stati trasmessi da TV3. È stato co-autore dell'inno del centenario del Futbol Club Barcelona (1998), insieme a Antoni Ros-Marbà. Nel 2010 ha ricevuto il Premi Sant Jordi de novel·la per il suo libro L'home de la maleta.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ramon Solsona parlando di Tísner.
Solsona al Giorno di Giorgio, 2013.

Storie brevi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991: Llibreta de vacances
  • 2006: Cementiri de butxaca

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989: Figures de calidoscopi
  • 1993: Les hores detingudes
  • 1998: DG
  • 1999: No tornarem mai més
  • 2001: El cor de la ciutat
  • 2004: Línia blava
  • 2011: L'home de la maleta

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1989: Sac de gemecs

No finzione[modifica | modifica wikitesto]

  • 1995: Ull de bou
  • 1995 Ull de vaca
  • 2005: A paraules em convides

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (CA) Ramon Solsona i Sancho (XML), in Gran enciclopèdia catalana on line, Enciclopèdia Catalana. URL consultato il 10 aprile 2015. Modifica su Wikidata
  2. ^ Sònia Casas, El meu heroi: Ramon Solsona, in Sàpiens, nº 68, giugno 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN60229528 · LCCN: (ENn89635447 · ISNI: (EN0000 0000 7828 880X · GND: (DE131988263 · BNF: (FRcb12565532r (data)