Quartiere (urbanistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il distretto commerciale di Shimokitazawa a Setagaya, Tokyo. Conosciuto anche come Shimokita, il quartiere è ben noto per la densa presenza di piccoli negozi di moda, caffè, cinema, bar e locali di musica dal vivo

In urbanistica, per quartiere si intende un settore o una sezione che, in un insediamento umano, si identifica e distingue dalle altre entità urbane per particolari caratteristiche quali: posizione topografica o geografica, funzionalità (quartiere degli affari), storia e, in certi casi, per la maggioranza etnica che vi risiede (ghetto).[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Kalasatama, uno dei quartieri di Helsinki, Finlandia. Situato a poco più di un chilometro a nord del centro della città costiera, la zona sta rapidamente diventando uno spazio urbano particolarmente edificato

Un quartiere può essere amministrativamente delimitato e i suoi confini ufficialmente designati; è possibile che abbia una propria struttura amministrativa (subordinata a quella della città, del paese o di un'altra area urbana). Questo tipo di suddivisione è particolarmente comune in paesi come: Italia (quartiere), Francia (quartier), Romania (cartier), Georgia (კვარტალი, k'vart'ali), Bulgaria (квартал, kvartal), Serbia (четврт, četvrt), Croazia (četvrt). Il termine, oltre a quelli precedentemente citati, può indicare anche altri tipi di suddivisone specifiche quali: il borough (lett. "borgo" o "borgata"), nei paesi anglofoni; il barrio, in Spagna e nell'America Latina ispanofona; il bairro, in Portogallo e Brasile; la dzielnica, in Polonia; lo stadtteil, in Germania; il sangkat (សង្កាត់), in Cambogia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ quartière, su Vocabolario Treccani.
    «2. Nucleo o settore che, all’interno di una città, si individua rispetto al restante agglomerato urbano per particolari caratteristiche geografiche e topografiche (come il q. o rione di Trastevere a Roma, d’Oltrarno a Firenze), funzionali (q. residenziali, alti e bassi, secondo la categoria economica prevalente dei residenti; q. commerciale, industriale, portuale; q. dormitorio), storiche (q. medievale, rinascimentale, ottocentesco; il vecchio, il nuovo q.), e anche etniche, secondo l’etnia prevalente dei residenti (q. arabo, ebreo, cinese, ecc.).»

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Oxford English Dictionary, 1989.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura