Quartarete TV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quartarete TV
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua Italiano
Tipo generalista
Versioni 4Rete 576i (SDTV)
(data di lancio: anni 1980)
4Rete HD/3D 1080i (HDTV)
(data di lancio: 2010)
Data chiusura 25 maggio 2017
11/07/2016 4Rete HD/3D
Direttore Patrizia Corgnati
Sito quartarete.tv

Quartarete TV, abbreviata come 4Rete, è stata un'emittente locale del Piemonte con sede a Torino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nata negli anni ottanta, era visibile nella regione Piemonte.

I proprietari della rete, nella sua prima fase, aprirono anche Quartarete 2, verso il 1981, che fungeva da ripetitore della neonata Videomusic che, a Torino, si vedeva anche col marchio dell'emittente torinese, che poi scomparve. Negli anni novanta, tra il 1995 e il 2000 c'è stata anche una sede distaccata dell'emittente ad Asti che trasmetteva il proprio tg locale denominato TGA, una rubrica di approfondimento sull'attualità locale trasmessa bisettimanalmente verso le 20,20 e la diretta della corsa del Palio cittadino.

Fra i programmi trasmessi troviamo il notiziario T4 e la trasmissione sportiva Serata Juve; inoltre trasmette anche le manifestazioni della città.

Il suo direttore responsabile è stato il giornalista Darwin Pastorin dal 2009 mentre dal 2015 diventa Patrizia Corgnati.

Nel 2011, grazie all'accordo con la Lega Basket, trasmette in esclusiva e in diretta le partite in trasferta dell'Angelico Biella e della Novipiù Casale Monferrato.

Nel 2014, grazie all'intesa raggiunta fra Comune e il Collegio dei Rettori, acquisisce i diritti per trasmettere in diretta e in esclusiva (dall'avvio del corteo storico sino alla finale) il Palio di Asti che sarà visibile in simulcast e a reti unificate con gli altri canali Quartarete blu e il canale 3D dell'emittente (ch. 511) nell'intero territorio del nord-ovest[1].

Il 18 gennaio 2017, a seguito di una forte crisi finanziaria, il Tribunale di Torino dichiara il fallimento dell'emittente e ne autorizza la prosecuzione delle trasmissioni.[2][3].

A partire dal 10 maggio 2017, il canale ha interrotto la programmazione limitandosi alla sola trasmissione di film ed è diventato visibile solo in streaming sul sito ufficiale dell'emittente[4], mentre il mux è stato ceduto a Canale Italia[5] con una versione regionalizzata del mux 2 rilevando anche la posizione LCN precedentemente occupata sostituendola con Canale Italia 11.

Dal 25 maggio 2017 ha interrotto anche le trasmissioni via streaming.

Da luglio 2017 è riapparso il logo dell'emittente sul canale Canale Italia 11, ma senza che l'emittente abbia ripreso alcuna attività[6] poi successivamente rimosso[7].

Mux Quartarete TV[modifica | modifica wikitesto]

Dal giugno del 2010 veniva trasmessa solamente in qualità digitale sul canale 67 fino al dicembre 2012, e successivamente sul canale UHF 24 in DVB-T. Nel MUX era presente un canale in cui la rete trasmetteva nel formato HD/3D in forma sperimentale. Le trasmissioni del mux sono cessate il 10 maggio 2017[4] con la cessione del mux[5].

Canali televisivi[modifica | modifica wikitesto]

LCN Nome Canale Note
11 Quartarete TV FTA
112 Quartarete Blu
511 Quartarete 3D
613 For Music

Canali radiofonici[modifica | modifica wikitesto]

LCN Nome Canale Note
858 Radio Evangelo Torino FTA
860 Radio Unito.it
867 Radio GRP
Primaradio

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione