Quando le mani si sfiorano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quando le mani si sfiorano
Wherehankstouch.png
Amandla Stenberg e George MacKay in una scena del film
Titolo originaleWhere Hands Touch
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito
Anno2018
Durata118 min
Generedrammatico, sentimentale
RegiaAmma Asante
SoggettoAmma Asante
SceneggiaturaAmma Asante
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Quando le mani si sfiorano (Where Hands Touch) è un film del 2018 diretto da Amma Asante.

Il film è ambientato nella Germania nazista durante il secondo conflitto mondiale.

Il film è stato trasmesso in prima visione televisiva italiana da RAI 2 il 29 gennaio 2021.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Leyna è la figlia di etnia mista di Kerstin, una donna tedesca che l’ha avuta durante la relazione con un soldato franco-senegalese. La donna ha anche un secondo figlio, Coen, nato da una relazione con un uomo tedesco “ariano”. Kerstin è fiera di come la figlia combatte contro l'ostruzionismo del regime nazista che vorrebbe sterilizzarla per evitare il mescolamento della “razza ariana” con quella “africana”. Con l’inasprirsi delle persecuzioni del regime, Leyna diventa suo malgrado testimone dei soprusi che subiscono gli ebrei da parte dei soldati. Un giorno, mentre esce dalla fabbrica in cui è stata chiamata a lavorare dopo l’espulsione da scuola, si scontra con una giovane recluta in bicicletta. Sarà questo l'espediente che permetterà ai due di conoscersi e innamorarsi. Il giovane Lutz cercherà in tutti i modi di rincontrare la ragazza, con la scusa di farsi perdonare per l’incidente. I due si conosceranno meglio e ne nascerà una passione adolescenziale, pronta a trasformarsi presto nell’amore più puro e sincero. Qualche tempo dopo, la madre della ragazza viene arrestata dai soldati in seguito a un controllo pretestuoso e, mentre Lutz viene improvvisamente chiamato al fronte, Leyna scopre di essere rimasta incinta proprio poco prima di venire catturata e spedita in un campo di lavoro, dove viene destinata alla cucina. Al campo Leyna si deve adeguare in fretta ad una realtà di privazioni, stenti e orrore per sopravvivere. Fortunatamente, però, ritroverà Lutz arruolato proprio nel suo campo per volere del padre ufficiale, deciso a proteggerlo dai rischi del fronte orientale. Per entrambi i ragazzi è una vera e propria tortura vivere la tremenda situazione; per Lutz, poi, la scoperta della paternità sarà la spinta decisiva, lo scatto d’orgoglio per cercare di affermarsi come Uomo, affrancandosi dalla protezione paterna. Il giovane cercherà in ogni modo e fino all’estremo sacrificio di salvare Leyna, architettando per lei la fuga per poter garantirle un futuro e diventare la madre di suo figlio, ma sarà ucciso da suo padre con un colpo di pistola.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]