Pteropus samoensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Volpe volante delle Samoa
PteropusWhitmeeiFord.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Genere Pteropus
Specie P. samoensis
Nomenclatura binomiale
Pteropus samoensis
Peale, 1848
Areale

     P. samoensis nawaiensis

     P. samoensis samoensis

La volpe volante delle Samoa (Pteropus samoensis Peale, 1848) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, endemico delle Isole Samoa e delle Isole Figi.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con lunghezza dell'avambraccio tra 120 e 145 mm, la lunghezza della testa e del corpo tra 172 e 220 mm e un peso fino a 410 g.[3]
Il colore del dorso è bruno-nerastro, le parti ventrali sono marrone scuro, con i fianchi densamente cosparsi di lunghi peli color ocra. Le spalle (mantello) e la nuca sono fulve, mentre la faccia è brizzolata. Le orecchie sono piccole, arrotondate e seminascoste nella pelliccia. La pelliccia è moderatamente lunga. La tibia è densamente ricoperta di peli. Le membrane alari sono attaccate sui fianchi del corpo. Il cranio presenta un rostro molto accorciato. La sottospecie P.s. nawaiensis è più piccola è con una dentatura meno robusta.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia tra la vegetazione degli alberi in piccoli gruppi famigliari o solitariamente. È principalmente attivo di notte.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

P.s. nawaiensis si ciba principalmente di nettare e germogli delle piante del genere Pandanus, mentre P.s. samoensis, nonostante sia stato osservato cibarsi di frutta e infiorescenze della Palma da cocco e dell'Albero del Pane, preferisce gli alberi della foresta primaria.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le femmine probabilmente allattano un piccolo alla volta durante il mese di luglio.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa sulle Isole Samoa e sulle Isole Figi.[1] La specie è vissuta in epoca preistorica anche sulle Isole Tonga, dove è stata sterminata dai primi colonizzatori Polinesiani.

Vive nelle foreste umide tropicali primarie, più raramente nelle piantagioni o aree abitate.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In accordo alla suddivisione del genere Pteropus effettuata da Andersen[4], P. samoensis è stato inserito nello P. samoensis species Group, insieme a P. anetianus e P. coxi . Tale appartenenza si basa sulle caratteristiche di avere un ripiano basale nei premolari, il rostro del cranio accorciato e gli incisivi superiori di aspetto normale.

Sono state riconosciute due sottospecie:

Altre specie simpatriche dello stesso genere: P. tonganus.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato che la specie è ancora comune all'interno del suo areale ma soggetta ad improvvisi eventi catastrofici come i Tifoni, classifica P. samoensis come specie prossima alla minaccia (NT).[1]
La CITES ha inserito questa specie nell'appendice I.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Brooke, A. & Wiles, G. 2008, Pteropus samoensis, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2016.2, IUCN, 2016.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pteropus samoensis, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Flannery, 1995, p. 290
  4. ^ Andersen, 1912, p. 92

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi