Pseudoromicia rendalli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Pseudoromicia rendalli
Stato di conservazione
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
DominioEukaryota
RegnoAnimalia
PhylumChordata
ClasseMammalia
SuperordineLaurasiatheria
OrdineChiroptera
SottordineMicrochiroptera
FamigliaVespertilionidae
SottofamigliaVespertilioninae
GenerePseudoromicia
SpecieP.rendalli
Nomenclatura binomiale
Pseudoromicia rendalli
Thomas, 1889
Sinonimi

Pipistrellus rendalli faradjus

Pseudoromicia rendalli (Thomas, 1889) è un pipistrello della famiglia dei Vespertilionidi diffuso nell'Africa subsahariana.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 70 e 102 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 29 e 37 mm, la lunghezza della coda tra 30 e 41 mm, la lunghezza del piede tra 7 e 10 mm, la lunghezza delle orecchie tra 8 e 14 mm e un peso fino a 9 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta e lanuginosa. Le parti dorsali sono marroni chiare con la base dei peli più scura, mentre le parti ventrali sono color crema, biancastre o grigio chiare. Il muso è corto e largo, con due masse ghiandolari sui lati. Le orecchie sono triangolari, marroni chiare e con l'estremità arrotondata. Il trago è lungo circa la metà del padiglione auricolare, largo al centro e con la punta arrotondata, con il margine anteriore dritto, quello posteriore leggermente convesso e con un piccolo lobo triangolare alla base. Le membrane alari sono bianche e semi-trasparenti. La coda è lunga ed inclusa completamente nell'ampio uropatagio. Il calcar è fornito di un lobo terminale. Il cariotipo è 2n=38 FNa=50.

Ecolocazione[modifica | modifica wikitesto]

Emette ultrasuoni ad alta intensità sotto forma di impulsi a frequenza modulata iniziale di 76 kHz e finale di 42–44 kHz.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia nel denso fogliame di arbusti e alberi, tra le fronde di palme del genere Hyphaene, nelle capanne e nelle case. Il volo è lento, poco manovrato ma con scatti repentini.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

si nutre di piccoli insetti come falene, coleotteri, scarafaggi e ortotteri catturati a 2 metri dal suolo, in prossimità di edifici o su paludi, stagni e fiumi. L'attività predatoria inizia presto la sera.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Danno alla luce due piccoli alla volta l'anno. Femmine gravide e che allattavano sono state catturate in Sudafrica nel mese di dicembre, altre che allattavano in aprile nel Malawi mentre dei giovani con le proprie madri sono stati osservati a fine aprile nella Repubblica Democratica del Congo.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nell'Africa subsahariana dal Gambia alla Somalia ad est fino alla provincia sudafricana nord-orientale del KwaZulu-Natal e alla Repubblica Democratica del Congo meridionale.

Vive nelle savane alberate e nelle foreste pluviali degradate fino a 1.480 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono state riconosciute 2 sottospecie:

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale e la popolazione presumibilmente numerosa, classifica P.rendalli come specie a rischio minimo (Least Concern)).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Jacobs, D., Cotterill, F.P.D. & Taylor, P.J. 2008, Pseudoromicia rendalli, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Pseudoromicia rendalli, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Happold & Happold, 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Meredith & David C.D.Happold, Mammals of Africa. Volume IV-Hedgehogs, Shrews and Bats, Bloomsbury, 2013. ISBN 9781408122549

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi